Il pallanuotista catanese Luca Castorina inizia l’avventura alla George Washington University

Sicilians Il 18enne Luca Castorina, un’eccellenza catanese scelta dalla George Washington University dove studierà International Business e giocherà nel campionato NCAA di pallanuoto: «Essere stato ammesso in una top University americana con la possibilità di sfruttare una borsa di studio mi ha reso strafelice, ciò che fino a poco tempo fa mi sembrava un sogno irraggiungibile è diventato realtà»

Luca Castorina, catanese classe 2002, sportivamente cresciuto nella Nuoto Catania, giocatore della nazionale italiana juniores e campione europeo di pallanuoto, è stato ammesso con una borsa di studio alla prestigiosa George Washington University – Washington D.C. – negli Stati Uniti  – dove studierà Business e giocherà rappresentando la propria Università nel campionato di prima divisione NCAA. Un’eccellenza siciliana che con esemplare abnegazione, concentrandosi negli studi, come nello sport, è riuscita a realizzare il sogno di studiare negli Stati Uniti. La famiglia Castorina, per il percorso formativo di Luca ha scelto Tuttolingue, che lo ha seguito nella formazione linguistica e, con l’aiuto di Alberto Giuffrida, responsabile ai progetti Internazionali di Tuttolingue, nella ricerca dell’Università, nell’ottenimento delle certificazioni e di tutto il materiale burocratico richiesto.

Puoi descriverci i tratti salienti del tuo percorso formativo con “Tuttolingue”?
«Il mio percorso formativo della lingua inglese con Tuttolingue è iniziato quando ero molto piccolo, a circa 6 anni, ed è andato avanti per diversi anni. Lo scorso settembre ho iniziato una preparazione mirata per sostenere l’esame SAT e la certificazione TOEFL, due requisiti essenziali per poter accedere alle Università americane; praticamente in quel momento per me solo un sogno, anche perché non era sufficiente superare questi esami ma avrei dovuto farlo ottenendo un punteggio elevato e tale da permettermi di poter accedere alle Università più prestigiose dove poter anche continuare a giocare a pallanuoto».

Luca Castorina in versione pallanuotista

Qual è stato l’insegnamento cardine di “Tuttolingue”?
«L’insegnamento cardine è stato, oltre che l’inglese, anche l’approccio rassicurante e la fiducia che Tuttolingue ha posto in me, mi hanno incoraggiato a credere nel mio sogno e ad impegnarmi sempre di più. Riuscivo a fare anche 5 lezioni individuali a settimana con la mia insegnante Jenny seppure l’impegno della scuola e della pallanuoto erano anche molto pressanti. Il sabato dopo la partita di pallanuoto quando giocavo in casa con la mia squadra, la Nuoto Catania, mi esercitavo con la simulazione delle prove. Il primo obiettivo da raggiungere era il SAT, a Dicembre ho sostenuto l’esame a Roma ed è andato benissimo! Nel frattempo comunque mi preparavo alla certificazione Toefl».

Come è nato e cosa, nel tempo, ha alimentato il tuo desiderio di studiare negli Stati Uniti?
«Il motivo principale è stato quello di voler studiare in una Università di grande valore e prestigio riconosciuti senza dover rinunciare alla pallanuoto che mi ha dato tantissime soddisfazioni e che è la mia passione».

Come stai vivendo la soddisfazione di essere stato ammesso in una delle Università più prestigiose come la George Washington University?
«Essere stato ammesso in una top University americana come la GW con la possibilità di sfruttare una borsa di studio mi ha reso strafelice, ciò che fino a poco tempo fa mi sembrava un sogno irraggiungibile è diventato realtà, a dimostrazione che con i sacrifici, con l’impegno e la forza di volontà alla fine le soddisfazioni arrivano… come è accaduto proprio lo scorso anno quando ad Agosto con i miei compagni della nazionale di pallanuoto abbiamo vinto gli Europei U17 a Tblisi in Georgia».

Luca Castorina con Alberto Giuffrida di Tuttolingue

Quanto conta, su più fronti, la formazione linguistica nella vita di un giovane?
«Sulla base della mia esperienza ritengo che la formazione linguistica e soprattutto l’inglese offra ai ragazzi maggiori possibilità di realizzazione e apra panorami e orizzonti molto più ampi per il proprio futuro».

Dentro la tua valigia quante parole inglesi porterai con te?
«Direi un trolley… un bagaglio a mano che dovrà diventare presto un valigione da stiva. Ringrazio Alberto per il suo sostegno, per i suoi incoraggiamenti, per quanto mi ha trasferito della sua esperienza, inizialmente non conoscevo nulla del sistema di studi universitario negli USA e neanche quali fossero i requisiti di accesso, lui mi ha guidato in questo mondo e mi ha dato le conoscenze per potervi accedere e poter realizzare il mio sogno».

Tuttolingue, nata a Catania nel 1995, centro autorizzato per esami Trinity College London, Toefl e Cambridge Esol Preparation Centre, è riconosciuta dal Ministero della Pubblica Istruzione. La centralità dello studente è il concetto alla base dell’approccio formativo di Tuttolingue, notoriamente un valore aggiunto per Catania, autentica eccellenza riconosciuta anche a livello internazionale per l’insegnamento della lingua inglese.

«Tuttolingue – dichiara Alberto Giuffrida – non offre un semplice corso ma crede nel percorso formativo di ogni singolo studente che inizia sin dalla giovanissima età e continua fino all’inserimento nelle università italiane o straniere. Luca Castorina è l’esempio perfetto, ha iniziato a studiare con noi all’età di 6 anni ed oggi è prossimo al trasferimento nella George Washington University, una delle storiche Università degli Stati Uniti dove potrà studiare e continuare a praticare la pallanuoto ad alti livelli».

«Lavoriamo molto con i giovani e pensiamo di dover dare loro degli esempi positivi – aggiungono Daniele Giuffrida e Nora Trojano –. Cerchiamo di far capire loro che la conoscenza di una lingua e il sapere comunicare possano offrire maggiori opportunità. Conoscere una lingua significa poter viaggiare, sperimentare nuove culture e confrontarsi con realtà culturali e professionali diverse dalle proprie. Imparando una nuova lingua i giovani corrono verso il futuro grazie alla libertà di manovra espressiva. Ecco perché organizziamo anche vacanze studio, non solo come occasione di miglioramento dal punto di vista linguistico ma come opportunità per i ragazzi di affrontare il mondo al di fuori della famiglia, e ampliare i loro orizzonti, guardando al futuro con determinazione».

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.