Il nuovo look del Teatro Stabile di Catania

Beni culturali Ha una cromaticità tono su tono la nuova facciata del Teatro Verga realizzata su progetto dell’architetto Salvatore Contrafatto (che ha prestato la sua opera a titolo gratuito) dalle maestranze del teatro, e per la quale sono state utilizzate le risorse del bonus facciata del Governo

In attesa di poter riaprire il sipario al Teatro Stabile di Catania ha “debuttato” la nuova facciata, restituita in una veste nuova alla città, realizzata sfruttando le risorse del bonus facciata del Governo. L’intervento è inserito nel contesto del più ampio progetto di risanamento della struttura della Sala Verga, finanziato invece con fondi regionali, e destinato a concludersi nel 2021 con gli interventi in platea.
A occuparsi dei lavori è stato l’architetto Salvatore Contrafatto dello studio Commapartners, che ha scelto di prestare al Teatro Stabile la sua opera a titolo gratuito: «È stata una scelta naturale a cui sono approdato per diversi motivi: per il desiderio di offrire il mio contributo alla ricostruzione di un luogo di cultura e creatività fondamentali, come lo Stabile è sempre stato per Catania e la sua provincia; per un legame affettivo che allo Stabile mi lega, visto che mio padre Francesco, da artista, è stato per decenni scenografo al Verga; per l’adesione convinta al percorso che la direzione del Teatro ha intrapreso in questi ultimi anni».

Architettonicamente la nuova facciata appare adesso più pulita ed elegante: «Il lavoro di un architetto, per come lo concepisco io – spiega Contrafatto – è quello di tirar fuori da uno spazio la propria essenza, rispettandone la natura. In questo caso, da tirar fuori c’era l’anima di una fabbrica teatrale, un luogo di finzione e di creazione di storie, di personaggi e relazioni. Ecco perché si è preferito ricorrere a una cromaticità tono su tono, a cui sarà ora possibile aggiungere ogni anno colore, tono e voce attraverso le scelte di immagine che andranno a connotare ogni stagione teatrale. Un intervento che sin d’ora abbiamo reso possibile attraverso la composizione cromatica delle luci che illuminano lo Stabile».

Completa l’intervento anche la colorazione degli impianti sul tetto che rispecchia i colori primari e strizza l’occhio al Centre Pompidou parigino: «Abbiamo scelto di usare il giallo, che rappresenta l’energia del sole -aggiunge l’architetto –  il magenta, simbolo dell’apertura mentale; l’azzurro, che esprime estro e creatività; il verde, per sottolineare l’interesse per la sostenibilità e per la forza del legame dell’arte con la natura che, nel tempo, non muta».
Ad eseguire i lavori di rifacimento della facciata (oltre che dello spazio ridotto, inaugurato in concomitanza con il vernissage della mostra dedicata alla storia d’amore tra il grande Turi Ferro e lo Stabile) sono state le maestranze stesse del Teatro: «A loro va un grande ringraziamento –  commenta l’architetto -. Mi piace sottolineare che è stata una sfida entusiasmante quella del confronto con i lavoratori dello Stabile: da novembre 2020 a febbraio 2021 si sono susseguiti giorni intensi di dialogo e relazione, nei quali ciascuno ha dato qualcosa di personale per raggiungere l’obiettivo di restituire un nuovo volto al proprio teatro, al teatro della città».

«Ringrazio la nostra squadra e ringrazio sentitamente l’architetto Contrafatto per il risultato raggiunto –  dice il direttore Laura Sicignano -. E non solo per il dono che ha voluto farci, ma per aver colto con precisione e passione l’idea di fondo che abbiamo voluto esprimere in questi anni, sia dal punto di vista delle scelte drammaturgiche innovative, giovani ma fortemente legate al territorio e alla città, sia dal punto di vista della soluzione architettonica con cui abbiamo inteso rendere il teatro come un luogo moderno, sobrio e funzionale di fabbricazione e produzione culturale. Poter ridare, proprio adesso, centralità ai luoghi di incontro e di confronto e alle persone che producono storie, costruendo ponti di dialogo e di riflessione con gli altri, crediamo faccia parte del percorso necessario a costruire le nuove, future opportunità che dovremo essere capaci di far nascere anche da questo tempo».

Quello sulla facciata del Teatro Verga fa parte di una serie di interventi che in larga parte è stato possibile realizzare in questi anni anche grazie alla disponibilità di professionisti e imprenditori della città che hanno accettato di offrire gratuitamente la loro opera, tra cui la piccola “cordata” di imprese di Compagnia delle Opere Sicilia.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.