Il 30 settembre riapre la scuola teologica diocesana di Mazara del Vallo: le iscrizioni on line

Riapre sabato 30 settembre, con la prolusione, la Scuola teologica diocesana della Diocesi di Mazara del Vallo, quest’anno al suo terzo anno d’attività. «La Scuola di formazione teologica è un’occasione nel nostro territorio di formazione umana, spirituale, teologica, ministeriale per tutti. La teologia, inserita in un contesto vitale e testimoniale più ampio, ci muove a essere cristiani credibili e più conformi a Cristo, sempre più fedeli alla Chiesa e alla sua missione e inseriti pienamente nella storia e nella vita del mondo» spiega il direttore, don Pino Biondo. La Scuola è rivolta a tutti gli operatori pastorali ma anche a coloro avvertono il bisogno di approfondire la propria fede. Lo studio si struttura in cinque aree di formazione: biblico, antropologico, teologico, liturgico, pastorale. Per iscriversi alla Scuola non è necessario un titolo di studio specifico; non viene rilasciato nessun titoli di studio, ma un attestato di frequenza, se non si sostengono i colloqui esami o di partecipazione. Si prevede un triennio di formazione fondamentale e un biennio di formazione pastorale e spirituale. Il primo è destinato a tutti, e in particolare, a coloro che desiderano offrire un servizio e assumersi responsabilità pastorali nella comunità ecclesiale. Il secondo, aperto a tutti, è obbligatorio per coloro che si preparano a vivere un ministero istituito o a ricevere l’ordinazione diaconale. La quota di partecipazione annuale, comprensiva di iscrizione, spese di segreteria e materiale didattico è di euro 25. Le pre-iscrizioni si possono effettuare dal 20 agosto al 10 settembre, compilando il format sul sito www.diocesimazara.it, nella sezione “formazione”.

Don Pino Biondo

Don Pino Biondo

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.