Classica & Dintorni, la musica senza confini

Musica Il jazz d'oltreoceano, la classica europea, il rock progressive dei Genesis. A Catania, tra il Castello Ursino e Zō Centro Culture Contemporanee, dall'1 al 19 ottobre torna la rassegna organizzata dall'associazione Darshan e diretta dalla pianista Ketty Teriaca: «L’importanza di tornare a fare e ascoltare musica, privilegio irrinunciabile di noi esseri umani»

Nel segno della contaminazione di generi e linguaggi musicali – come è inciso nel suo DNA da diciotto anni – riparte il 1° ottobre a Catania la stagione 2021 di Classica & Dintorni, festival internazionale di musica da camera, jazz e contaminazioni, rassegna organizzata dall’associazione Darshan di Mario Gulisano e con la direzione artistica di Ketty Teriaca, pianista e docente del Conservatorio di Palermo.

Per la serata inaugurale di venerdì prossimo, infatti, ospitata come sempre al Castello Ursino, è di scena il sound ad alto tasso di inclusione e percezioni – con sax e batteria figurano anche arpa e fagotto – del Pannonica Jazz Workshop con la raccolta “Oltreoceano”, incursione fra brani classici e jazz a stelle e strisce. Mentre per l’ultimo appuntamento del 19 ottobre, che arriva dopo quattro concerti con varie formazioni italiane e straniere di musica classica, tornano a gran richiesta i Genesis Piano Project, il tribute-duo già ospite in passato di Classica & Dintorni e molto atteso dagli appassionati di rock progressive e dai fan della leggendaria band britannica (in programma da Zo centro culture contemporanee di Catania). In proposito, come riporta la testata “Il Mohicano”, è in uscita il 12 ottobre l’album di cover registrato prima della prematura scomparsa di Angelo Di Loreto che insieme ad Adam Kromlow ha fondato il duo dopo essersi conosciuti alla Manhattan School of Music. A Catania Kromlow si esibirà con il chitarrista Luca Nobis.

Pannonica Jazz Workshop

«Anche quest’anno, e nonostante le limitazioni che il mondo dello spettacolo ha subito negli ultimi due anni di pandemia – spiega il direttore artistico, la pianista Ketty Teriaca – non abbiamo voluto rinunciare all’appuntamento di ottobre al Castello Ursino con gli amici di Classica & Dintorni. Lo abbiamo fatto con grandi difficoltà ma con la consapevolezza che ritrovarsi e stare insieme per un concerto di musica o al teatro per uno spettacolo dal vivo era ed è un privilegio di noi esseri umani al quale non potevamo più rinunciare, sia pure adottando le dovute misure di sicurezza».

Ketty Teriaca, pianista e direttore artistico Classica & Dintorni

I concerti di Classica & Dintorni in programma al Castello Ursino (nei due weekend dall’1 al 3 e l’8 e 9 ottobre) e da Zo Centro culture contemporanee (il 17 e il 19 ottobre) cominciano sempre alle 21 e vi si accede muniti di green pass e con prenotazione obbligatoria. Agli spettatori sarà misurata la temperatura all’ingresso. L’edizione 2021 è organizzata con il contributo di: Ministero della Cultura, Assessorato Regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Assessorato alla Cultura del Comune di Catania e Catania Summer Fest; e in collaborazione con Italiafestival, ZO Centro culture contemporanee, Associazione Areasud, Contrappunto Festival e Contino Pianoforti. Info su 388 1630155.

Il calendario degli eventi

Venerdì 1 ottobre si comincia con il grande jazz di Pannonica Jazz Workshop, orchestra/laboratorio intitolata alla baronessa che supportò Thelonious Monk negli anni quaranta e fondata da Luigi Troja (pianoforte) e Filippo Bonaccorso (batteria). Ne fanno parte Giuseppe Corpina (clarinetto), Antonino Cicero (fagotto), Giovanni Randazzo (sax tenore e soprano), Maria Merlino (sax alto & baritono), Erika La Fauci (pianoforte), Deborah Ferraro (arpa), Domenico Mazza (basso elettrico), Federico Saccà (batteria). Ospite della performance al Castello Ursino Giancarlo Mazzù, chitarrista jazz e coordinatore del Dipartimento jazz al Conservatorio di Reggio Calabria. In programma “Oltreoceano”, raccolta di autori americani tra classica e jazz:  Strayhorn, Bernstein, Monk e Zindars con arrangiamenti curati da Troja (1/10, ore 21); sabato 2 di scena Eolian Trio con brani di Beethoven, Faurè e Brahms interpretati da Graziella Concas (pianoforte), Francesca Taviani (violoncello) e Carmelo Dell’Acqua (clarinetto); domenica 3 con musiche di Halvorsen, Mozart, Bustard, Sibelius, sarà di scena il duo anglo-norvegese composto dalla viola di Catherine Bullock-Bukkoy e il violino di Birgitte Staernes.

Catherine Bullock-Bukkoy

Nel secondo weekend, l’8 e il 9 ottobre, al Castello Ursino si esibiranno due formazioni orchestrali: venerdì 8 l’Orchestra Scontrino, diretta da Alberigo Ferlito e musiche di Vivaldi, Corelli e Beethoven; l’indomani, sabato 9 ottobre, la Catania Philarmonic Orchestra, diretta da Luciano Maria Serra e con i solisti Francesco Zanetti (fagotto) e Nicola Malagugini (contrabbasso) con brani di Mozart e Scontrino. I due concerti sono prodotti da prodotti da AreaSud per Contrappunto Festival, manifestazione dedicata ad Antonio Scontrino, compositore e contrabbassista trapanese (1850-1922), in programma per il prossimo anno con concerti e progetti culturali che coinvolgeranno musicisti europei.

Infine gli ultimi due eventi da Zō Centro Culture Contemporanee, sempre alle 21: domenica 17 ottobre dalla Germania, dove vivono, studiano e lavorano da anni, arriverà il duo formato dalla violoncellista coreana Yeo-Rhim Yoom che e dalla pianista toscana Vittoria Quartararo, insieme esploreranno partiture di Debussy, Rachmaninov e Franck; infine i Genesis Piano Project, martedì 19 ottobre nella formazione che prevede il pianoforte di Adam Kromlow, già noto al pubblico di Classica & Dintorni, con la chitarra di Luca Nobis per un viaggio indietro nel tempo, fra le fascinazioni progressive del rock dei Genesis.

Yeo-Rhim Yoom

Classica & Dintorni è realizzato dall’associazione Darshan in collaborazione con Italiafestival, Zō Centro Culture Contemporanee, Associazione Areasud, Contrappunto festival, Contino Pianoforti. L’ingresso per ogni singolo concerto è di € 8 (intero), € 5 (ridotto +65 e studenti). Infoline: 388.1630555.

Classica & Dintorni – XVIII edizione

Festival internazionale di musica da camera, jazz e contaminazioni, dall’1 al 19 ottobre 2021.

ven 1 ottobre – castello Ursino, h 21

PANNONICA JAZZ WORKSHOP «Oltreoceano»

special guest: Giancarlo Mazzù (chitarra). Luciano Troja (pianoforte, direzione musicale), Giuseppe Corpina (clarinetto), Antonino Cicero (fagotto), Giovanni Randazzo (sax tenore e soprano), Maria Merlino (sax alto & baritono), Erika La Fauci (pianoforte), Deborah Ferraro (arpa), Domenico Mazza (basso elettrico), Filippo Bonaccorso (batteria), Federico Saccà (batteria)

Musiche di Strayhorn, Bernstein, Monk, Zindars – arrangiamenti di Luciano Troja

 

sab 2 ottobre – castello Ursino, h 21

EOLIAN TRIO

Graziella Concas (pianoforte), Francesca Taviani (violoncello), Carmelo Dell’Acqua (clarinetto)

Musiche di Beethoven, Fauré, Brahms

 

dom 3 ottobre – castello Ursino, h 21

BIRGITTE STÆRNES (violino), CATHERINE BULLOCK-BUKKØY (viola)

Musiche di Halvorsen, Mozart, Bustard, Sibelius

 

ven 8 ottobre – castello Ursino, h 21

ORCHESTRA SCONTRINO

Direttore Alberigo Ferlito. Musiche di Vivaldi, Corelli, Beethoven

Produzione Areasud per Contrappunto festival

 

sab 9 ottobre – castello Ursino, h 21

CATANIA PHILARMONIC ORCHESTRA

Direttore Luciano Maria Serra. Fagotto solista Francesco Zanetti. Contrabbasso solista Nicola Malagugini. Musiche di Mozart, Scontrino.

Produzione Areasud per Contrappunto festival

 

dom 17 ottobre – Zō Centro Culture Contemporanee, h 21

YEO-RHIM YOON (violoncello), VITTORIA QUARTARARO (pianoforte)

Musiche di Debussy, Rachmaninov, Franck.

Vittoria Quartararo

 

mar 19 ottobre – Zō Centro Culture Contemporanee, h 21

GENESIS PIANO PROJECT

Adam Kromlow (pianoforte), Luca Nobis (chitarra). Musiche dei Genesis.

Genesis Piano Project

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.