sabato 25 maggio 2019

sabato 25 maggio 2019

MENU

Catania è set di “Tuttapposto”, il primo film di Roberto Lipari

Visioni

Per cinque settimane la città ospiterà la troupè del film, atteso per il prossimo autunno, diretto da Gianni Costantino, che vede coinvolti Luca Zingaretti, Monica Guerritore, Viktoria Pisotska, Silvana Fallisi, Ninni Bruschetta, Gino Astorina e lo stesso Roberto Lipari


di Redazione SicilyMag

Catania riapre ai set cinematografici, e riparte dal cuore della città, da Palazzo degli Elefanti per l'esattezza, per poi spostarsi nell'arco di cinque settimane di lavorazione al Convitto Cutelli, all'ex Convento dei Crociferi, la Biblioteca Ursino Recupero e quindi Acireale.
In città, infatti, si sta girando il primo film di Roberto Lipari, “Tuttapposto”, prodotto da Attilio De Razza e Tramp Limited e diretto da Gianni Costantino, che vede schierato un cast di attori del calibro di Luca Zingaretti, Monica Guerritore, lo stesso Roberto Lipari, e ancora Viktoria Pisotska, Silvana Fallisi, Ninni Bruschetta, e tra gli altri, tra cui alcuni rappresentanti catanesi dell'arte istrionica come Gino Astorina.

Il sindaco Pogliese, Luca Zingaretti, Roberto Lipari e Ninni Bruschetta

«I primi ciak nel palazzo di Città – ha detto il sindaco Pogliese durante una pausa delle riprese in municipio – non sono un caso: intendono segnare il nuovo corso che la nostra Amministrazione vuole dare al cinema e alla film commission. Perché le produzioni portano lavoro alla città, penso alle maestranze, alle professionalità, alle strutture ricettive, ai ristoratori, agli autonoleggi, e le scene che saranno proiettate in Italia e all'estero daranno un ritorno di immagine importantissimo per incrementare i flussi turistici, sui quali puntiamo molto per la rinascita della nostra Catania, alla quale auguro l'appeal della Sicilia di Montalbano peraltro interpretato dallo stesso Zingaretti».

Roberto Lipari a lavoro

Le riprese del film sono supportate dal Comune di Catania che con il capo di Gabinetto, Giuseppe Ferraro, e la Film Commission ha offerto servizi e assistenza. La pellicola uscirà in autunno distribuita da Medusa.
Il film è una commedia che racconta la storia di Roberto (interpretato da Roberto Lipari, autore anche di soggetto e sceneggiatura con Paolo Pintacuda e Ignazio Rosato), studente universitario che mette alla gogna il sistema universitario fondato sulla raccomandazione grazie ad un'app che valuta l'operato dei “baroni” e consente il ribaltamento dei ruoli tra studenti e professori, questi ultimi costretti finalmente all'onestà. Luca Zingaretti è il papà di Roberto, ma anche il rettore dell'Università.

«Conoscevo già Catania – ha sottolineato Zingaretti – perché in gioventù sono venuto quasi a vivere qua per due anni: ho lavorato con lo Stabile ed è stata un'esperienza bellissima, il mio primo impatto con la Sicilia. L'ho trovata molto più bella di come l'avevo lasciata, una città straordinaria per bellezze architettoniche, amicalità della gente che incontri per strada, bellezze naturali che la circondano, insomma, un posto bellissimo dove vivere».

Il set visto dai monitor della regia

Ed è stata Catania, inaspettatamente, a rubare la scena al film, diventando protagonista nelle dichiarazioni di attori e regista.
«La storia raccontata nasce dalla mia esperienza universitaria – ha dichiarato Lipari -, poteva essere ambientata in una qualsiasi città d'Italia, ma è stata girata qui perché Catania si presta molto al lavoro delle produzioni cinematografiche. Penso che piazza Duomo sia una delle più belle piazze d'Italia: con quel contrasto meraviglioso di colori sembra realizzata da un designer moderno».
«Ho scelto il set Catania – ha spiegato Costantino - perché l'ambiente mi era stato già favorevole quando ho lavorato al film 'La Matassa' di Ficarra e Picone. Penso che questa città abbia location fantastiche e, in più, l'ambientazione della pietra nera è sicuramente vincente per questa storia»


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 06 marzo 2019
Aggiornato il 07 marzo 2019 alle 18:15





TI POTREBBE INTERESSARE

Nicole Kidman a Taormina ospite del Film Fest

L'attrice australiana riceverà il Taormina Arte Award. Oliver Stone presiederà la giuria. Madrina della kermesse cinemataografica, in calendario dal 30 giugno al 6 luglio, l'attrice spagnola Rocio Muñoz Morale. Tra le proiezioni speciali sul grande schermo ci sarà la prima italiana di "Yesterday", film di Danny Boyle sui Beatles

Ciak per "Le Sorelle Macaluso" secondo film di Emma Dante

Iniziate a Palermo le riprese del secondo lungometraggio della regista palermitana scritto con Elena Stancanelli e Giorgio Vasta, e prodotto da Rosamont e Minimum Fax Media con Rai Cinema

La Siracusa tra fantascienza e storia di Paolo Boriani: «È più importante ciò che non filmo»

Il regista lombardo, dopo l'inaccessibile Saviano a New York di "Faccia gialla", nel docu-film "Accolla (e il cavallino rosso a Siracusa)" parte dalla luce acceccante della città aretusea e, citando Kubrick, narra la vicenda umana del pittore outsider: «Ho tolto tutto il folcloristico della città. Salvatore vive in una sua Siracusa vissuta nelle ore più solitarie, proprio per non vederla»

Nanni Moretti e quella storia umana che diventa gesto politico

Dall'alto di Belvedere di Siracusa si vede la Sea Watch 3 col suo carico di disperati ostaggio di un'Europa indifferente. Al cine Aurora di Belvedere, intanto, il regista presenta "Santiago, Italia", il docu-film su quella "bella Italia" che accolse i cileni orfani di Allende, fuggiti dalle torture di Pinochet. Moretti, però, ci ricorda che "L’Italia di ora assomiglia al Cile di allora, del golpe"

Alfredo Lo Piero spiega il dramma dei migranti agli studenti

Il regista catanese porta il suo docu-film "La libertà non deve morire in mare" nelle scuole di tutta Italia. Si comincia il 26 gennaio al Cine Star dei Portali di San Giovanni la Punta con gli studenti del De Nicola di Catania

Salvatore Greco, l'uomo che visse due volte

Esordio dietro la macchina da presa per l'autore, regista e produttore catanese: "Esame di lealtà" è un film dal taglio documentaristico-sperimentale, frutto di una ricerca filosofica e spirituale della vita: «E' meta-cinema. Partito da alcuni archetipi, durante la lavorazione ho pensato che questi si potessero rendere concreti attraverso la recitazione».