50 Top Italy 2021, tra i siciliani il ristorante Il Duomo di Ciccio Sultano sbaraglia tutti

Tutto fa panza C’è stata tanta Sicilia nella cerimonia di premiazione di 50 Top Italy 2021 dello scorso 20 ottobre, seconda edizione delle 4 guide on-line ai migliori ristoranti italiani. Il ristorante ragusano di Ciccio Sultano si piazza al 5° posto fra quelli "top" sopra i € 120, nella stessa categoria Accursio Ristorante di Accursio Craparo a Modica e il Signum di Martina Caruso a Salina; 4 i siciliani nella categoria fino a € 120, due in quella osterie/trattorie e cinque in quella Low Cost per un totale di 14 locali "top"

C’è stata tanta Sicilia nella cerimonia di premiazione in streaming di 50 Top Italy 2021 dello scorso 20 ottobre, seconda edizione delle 4 guide on-line, completamente gratuite, ai migliori ristoranti italiani, divise per categorie: ristoranti oltre € 120, ristoranti fino a € 120, trattorie e osterie, ristoranti low cost. Un progetto firmato LSDM (Le strade della mozzarella) – storico congresso di cucina d’autore in scena dal 2008 a Paestum – e curato dai suoi ideatori, Barbara Guerra e Albert Sapere, insieme al giornalista Luciano Pignataro che cresce mese dopo mese in autorevolezza, semplicità del messaggio e complicità emotiva di tutti i soggetti coinvolti.

Il Duomo di Ciccio Sultano da Ragusa Ibla sbaraglia tutti. “Il Sultano”, sempre più chef internazionale e avviatissimo verso la terza stella Michelin (a proposito di guide culinarie), si piazza al 5° posto della classifica dei ristoranti oltre i € 120, immediatamente dietro ad un podio che fa tremare i polsi fatto in ordine da Massimo Bottura di Osteria Francescana, Mauro Uliassi dell’omonimo ristorante e Nino Di Costanzo di Daní Maison e davanti a colleghi come Enrico Bartolini al Mudec (sesto) e Enrico Crippa di Piazza Duomo (ottavo). Nel mezzo, al quarto posto, un “siciliano d’adozione”, il padovano Massimiliano Alajmo con Le Calandre.

Ciccio Sultano chef del ristorante Il Duomo di Ragusa Ibla

Nei 50 Top Italy 2021 ci sono altri 2 chef siciliani: Accursio Capraro con Accursio Ristorante a Modica che si piazza al 43° e Martina Caruso con Signum di Malfa a Salina al 46°.

Accursio Craparo

Martina Caruso

Nei 50 Top Italy 2021 della categoria ristoranti fino a € 120,  Giacomo Caravello mette il mestolo e le pentole davanti a tutti gli altri colleghi siciliani piazzandosi 16° con il suo ristorante Balìce di Milazzo. Nella stessa categoria entrano a classifica altri 3 ristoranti siciliani: Zash di Riposto che con Giuseppe Raciti si piazza al 37° posto, Il Bavaglino di Giuseppe Costa a Terrasini al 40° e il ristorante I Pupi di Tony Lo Coco a Bagheria al 45°.

E’ nella sezione Osterie/Trattorie che la Sicilia si prende meno soddisfazioni per piazzamenti ma non certo per qualità degli inseriti. Al 26° posto la Trattoria Corona di Palermo, progetto della famiglia Corona, guidato in  cucina da Marco Garitta. Al 50° posto la Trattoria Don Ciccio a Bagheria.

Lo staff di Don Ciccio a Bagheria

Per la categoria Ristoranti Low Cost 50 Top Italy 2021 non poteva mancare l’istrionico e accattivante progetto di Andrea Graziano: il suo Fud Bottega Sicula, ambasciatore di tanti piccoli prodotti e produttori siciliani si piazza al 8° posto.

Tra i primissimi in questa speciale categoria c’è anche il progetto ambizioso dello chef Ciccio Sultano e del suo fido braccio destro Peppe Cannistrà: i Banchi a Ragusa si piazzano all’11° postoVercì Vini e Merende a Bagheria si piazza al 31° posto appena davanti a Antica Focacceria San Francesco che si piazza al 32° posto. Al 40° troviamo Scirocco, street food gourmet nel cuore del mercato di Catania. La Sicilia riesce così a piazzare 14 ristoranti nelle 4 classifiche della LSDM. Per le classifiche complete visita il sito https://www.50topitaly.it/it.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.