In Sicilia brillano due nuove Stelle Michelin

Tutto fa panza Nell'edizione 2016 della prestigiosa Guida che decreta l'Olimpo della ristorazione italiana, salgono a quota 13 gli stellati siciliani con due nuove stelle: lo Shalai Resort di Linguaglossa con lo chef Giovanni Santoro e l'Hotel Signum di Salina con la chef Martina Caruso

La prestigiosa Guida Michelin, che decreta l’Olimpo della ristorazione italiana, ha presentato stamattina la nuova edizione 2016 all’interno della quel spiccano due nuove stelle assegnate a ristoranti siciliani: allo Shalai Resort di Linguaglossa (Catania) gestito dal primo chef Giovanni Santoro e all’Hotel Signum di Salina (Isole Eolie) con la chef Martina Caruso (considerata da molti critici l’enfant prodige della cucina italiana) . Entrambi i ristoranti, che si trovano all’interno di strutture alberghiere, hanno ricevuto una stella.

Martina e Luca Caruso dell'Hotel Signum di Salina - ph facebook

Nell’edizione 2016 della guida spiccano i giovani talenti, con dieci chef che hanno un’età inferiore ai 35 anni e tra questi proprio i due nuovi chef stellati siciliani: Martina Caruso con i suoi 25 anni appena, e Giovanni Santoro di 32 anni. Nella sua cucina Martina punta alla tradizione in modo innovativo, mentre Giovanni si è specializzato nella ricerca di piatti autentici e originali accompagnati da un’accurata selezione di vini etnei.
«Una grande soddisfazione – ha detto Ciccio Sultano, Presidente de Le Soste di Ulisse (associazione che raccoglie fra i propri associati ristoranti gourmet, charming hotel e maestri pasticceri) – che i due nuovi locali stellati facciano entrambi parte de Le Soste di Ulisse.Segno che stiamo facendo bene e che la Sicilia è capace di anticipare i tempi e di dare ai propri giovani la possibilità di crescere e realizzarsi. Sono ormai lontani i tempi in cui gli ispettori della guida Michelin, faticavano a venire in Sicilia. In questo senso è molto importante il lavoro che ha fatto Le Soste di Ulisse, creando un circuito delle eccellenze. La nostra associazione, grazie al confronto continuo, stimola i propri associati a fare sempre meglio, a non aver paura di crescere»

Giovanni Santoro, chef dello Shalai Resort di Linguaglossa - ph facebook

Con questi due nuovi ingressi salgono a tredici i locali stellati presenti in Sicilia, e tutti sono associati a Le Soste di Ulisse: in particolare Luca Caruso, patron del Signum, è componente del direttivo e Luciano Pennisi, dello Shalai di Lingualossa, è vice presidente dell’associazione.
«A Giovanni e Martina – ha concluso Ciccio Sultano – vanno i miei più sinceri auguri che quello di oggi sia il primo di una lunga lista di riconoscimenti, che sappiano dare lustro alla Sicilia, ad un nuovo modo di pensare, di fare impresa, di ricercare l’eccellenza. Sono sicuro che sapranno onorare questo importante risultato. Questa è la Sicilia che, fuori dai classici cliché in cui ci voglio relegare, sa esprimere la capacità di essere elegante, ricca e generosa».

L’elenco dei tredici ristoranti stellati siciliani

Due stelle: La Madia di Licata (Ag); Duomo di Ragusa-Ibla (Rg); Locanda Don Serafino di Ragusa-Ibla (Rg); Principe Cerami di Taormina (Me)

Una stella: Coria di Caltagirone (Ct); Shalai di Linguaglossa (Ct); Signum di Salina (Me); La Capinera di Taormina (Me); Cappero di Vulcano (Me); Bye Bye Blues di Palermo; I Pupi di Bagheria (Pa); Il Bavaglino di Terrasini (Pa); La Fenice di Ragusa

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.