martedì 24 ottobre 2017

martedì 24 ottobre 2017

MENU

Solo Igp e Doc di Sicilia nella nuova linea di Bibite Polara

Tutto fa panza

L'azienda siciliana che da oltre 60 anni porta in tavola le bevande della tradizione isolana ha totalmente rinnovato la linea "Chioschi": nella nuova gamma ci sono anche i "più titolati" succhi di Sicilia


I limoni Igp di Siracusa, con il loro infuso naturale, danno un tocco unico al gusto agrodolce della gassosa. L’arancia di Ribera Dop è la regina della nuova aranciata mentre l’arancia rossa di Sicilia Igp dona il suo succo all’omonima bevanda. È sempre più ancorata alle eccellenze siciliane, e all’assoluta qualità, la nuova linea lanciata in questi giorni sul mercato da Bibite Polara, l’azienda siciliana che con il fascino e il gusto dei suoi prodotti ha conquistato non solo i palati italiani ma anche quelli esteri. L'azienda ha da poco rinnovato “Chioschì”, la linea originale già nota per aver portato dentro le case i sapori e i profumi dei tipici chioschi siciliani. Adesso la gamma si amplia unendo ai classici Mandarino Verde, Mandarino al Limone e all’esotico Tamarindo anche altre referenze come l’Aranciata, l’Aranciata Rossa, il Chinotto, la Gassosa, la Spuma e la Cola, tutte seguite dalla denominazione identificativa “di Sicilia”.

Ogni prodotto è infatti rigorosamente preparato con ingredienti d’eccellenza dell’isola. Oltre agli agrumi Igp e Dop, c’è alla base un’accurata selezione che riguarda anche il Chinotto, con estratto naturale di chinotti siciliani, la Cola, con estratto naturale di noci di cola, la Spuma, con estratti ed aromi naturali, con la radice di rabarbaro, i fiori di sambuco, i chiodi di garofano e il caramello al mix di erbe aromatiche.
Una linea premium che si presenta come eccellenza, oltre che per la selezione e la qualità degli ingredienti, anche per l’alta percentualedi succo e per l’aggiunta della polpa dei nostri agrumi, con un sapore ancora più ricco che si differenzia ulteriormente dalle bibite standard. L’Aranciata di Sicilia, senza coloranti, contiene il 18% di succo e polpa. Stessa percentuale per l’Aranciata Rossa. Il Mandarino al Limone è al 17%, mentre il Mandarino Verde contiene ben il 20% di succo. Aprendo le bibite si sprigiona un’esplosione di profumi capaci di evocare straordinariamente la Sicilia e suoi pregiati agrumi.
Ma le novità riguardano anche il packaging, a partire dalla bottiglia appositamente disegnata nel suo nuovo formato da lt 1,25 per rimarcare, con la sua originalità e la sua eleganza, l’alta qualità dei prodotti. Infine, la novità più evidente e d’effetto, riguarda l’etichetta. Si presenta avvolgente, dalla forma armoniosa e fresca, con in evidenza il frutto stilizzato dipinto ad acquarello, rappresentando una novità nel mondo dei soft drinks. La nuova linea viene proposta in contemporanea con il lancio del nuovo logo dell’azienda, un restyling che si richiama sempre agli agrumi di Sicilia.
Una nuova scommessa per Bibite Polara, l’azienda storica di beverage che da oltre 60 anni porta in tavola le bevande della tradizione riuscendo sempre a rinnovarsi per soddisfare le esigenze dei consumatori, unendo alla ricerca del sapore e del gusto gli elevati standard di qualità.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 19 aprile 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Tre giorni dedicati al gusto, Ragusa festeggia la scaccia

Dal 27 al 29 ottobre in piazza San Giovanni la prima Festa ra scaccia, un evento propedeutico al marchio DE.C.O. (denominazione di origine comunale

Offestival, quando la ristorazione nutre e diverte

Dal 2 ottobre Fudoff di Catania cederà una volta al mese le cucine per ospitare una rassegna di cucina e cocktail che vuole raccontare un modo diverso di fare ristorazione. Si inzia con Giuseppe Lo Giudice e Alessandro Miocchi del Retrobottega di Roma

L'Angola vince il Cous Cous Fest del ventennale

La ricetta degli chef Helt Araújo e Ricardo Braga ha convinto la giuria tecnica presieduta da Joe Bastianich. La ricetta vincitrice è un un cous cous di pesce con muamba di denden e gamberi rossi di Mazara, filetto di triglia grigliata, spolverata con gamberetti secchi e bruchi tostati, un piatto che fonde elementi della cucina nativa con elementi della cucina giapponese

Joe Bastianich: «L’incocciata del cous cous non si scorda mai»

L’imprenditore italo-americano, proprietario di diversi ristoranti tra Usa e Singapore, giudice di Masterchef, è il presidente della giuria di esperti del Campionato del mondo del Cous Cous Fest del ventennale e giudicherà le ricette degli chef dei 10 paesi in gara. Il 23 settembre si esibirà anche come musicista

Blue Sea Land, Mazara del Vallo fa incontrare le culture del cibo

Dal 28 settembre al 1 ottobre torna nella capitale siciliana della pesca l'expo dei cluster produttivi dei Paesi del Mediterraneo, dell'Africa e del Medioriente. Quest'anno la manifestazione ha la collaborazione del mercato Sanlorenzo di Palermo

A cena con la cucina vegetariana di Giorgia Greco

L'11 agosto la Masseria Carminello di Valverde organizza Tavola cunzata veg, pecorso enogastronomico organizzata in collaborazione con la presidente dell'Associazione di Promozione Sociale Scelta Vegetariana