Si ri-materializzano a Palermo sette capolavori d’arte (distrutti, dispersi, rubati o bruciati)

Arte Dall'11 ottobre all'8 dicembre la mostra "Caravaggio 50" ripropone i capolavori di Van Gogh, Vermeer, Monet, Sutherland, Klimt, Marc e de Lempicka - perduti per sempre – grazie alle più moderne tecnologie

Sono sette. Otto con la Natività del Caravaggio di cui è già stato realizzatala “ri-materializzazione” in altissima definizione, che ha preso il posto della tela rubata all’oratorio di San Lorenzo, a Palermo, una notte di cinquant’anni fa. E proprio in occasione dell’anniversario del furto – nell’ambito delle manifestazioni di Caravaggio50 organizzate dagli Amici dei Musei Siciliani perché non diminuisca mai l’attenzione sulla sicurezza delle opere d’arte –una mostra racchiude in un unico museo, sette riproduzioni digitali di altrettanti capolavori inestimabili di cui si sono perse le tracce. Non necessariamente per furti, anzi: ognuna di queste tele possiede una storia altrettanto straordinaria che Sky Arte ha raccolto in una serie di documentari che ha ottenuto un importante riscontro di pubblico. Ogni dipinto è un tassello d’arte ma, nello stesso tempo, è un capitolo di storia contemporanea: mentre raccontano la loro vicenda, i capolavori di Van Gogh, Vermeer, Monet, Sutherland, Klimt, Marc e de Lempicka – perduti per sempre – ritornano alla luce grazie alle più moderne tecnologie. Il lavoro di ri-materializzazione è firmato dal team di storici, artisti, restauratori ed esperti di software 3D di Factum Arte, l’organizzazione internazionale fondata da Adam Lowe a Madrid che, oltre a collaborare con alcuni tra i più famosi artisti contemporanei nella realizzazione delle loro opere, è impegnata nella valorizzazione del patrimonio artistico mondiale.

Gustave Klimt, Medicina

La mostra “Caravaggio 50. Il ritorno dei capolavori perduti”  apre venerdì 11 ottobre alla Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis di Palermo, inaugurata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, ildirettore di Sky Arte Roberto Pisoni, di Adam Lowe di Factum Arte, del direttore dell’Abatellis, Evelina De Castro e di Bernando Tortorici di Raffadali, presidente degli Amici dei Musei Siciliani. La mostra, a cura degli Amici dei Musei Siciliani in collaborazione con SkyArte e Factum Arte, è promossa dall’Assessorato regionale Beni Culturali e Identità Siciliana e dalla Galleria Regionale della Sicilia Palazzo Abatellis.
Aperta al pubblico da venerdì 11 ottobre, l’esposizione fa parte del festival
Le Vie dei Tesori, e durerà fino all’8 dicembre, con accesso dalla nuova entrata di Palazzo Abatellis, che verrà inaugurata in questa occasione. Questo permetterà le visite anche al di là dei normali orari di apertura del Museo. Orari: tutti i giorni 9 -19. Ticket: 6 euro, acquistabile anche on line su www.leviedeitesori.it

Tamara de Lempicka, Myrto

La “ri-materializzazione” di Factum Arte ha già restituito virtualmente la tela alla città di Palermo, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella;le altre sette “ri-produzioni”vengono invece mostrate per la prima volta. Su queste opere è stata costruita la serie “Il mistero dei capolavori perduti”, prodotta da Sky Arts Production Hub, centro d’eccellenza europeo creato per la realizzazione di programmi sull’arte che vengono distribuiti a livello internazionale in tutti i Paesi in cui opera Sky. Diretta da Giovanni Troilo e co-prodotta da Ballandi Arts, la serie è andata in onda su Sky Arte (canali 120 e 400)ed è ora disponibile on demand. Ciascun episodio ha raccontato la storia di ogni singolo capolavoro, quella dell’artista che lo ha realizzato, la suasparizione o distruzionee l’emozionante processo attraverso il quale è stato riportato alla luce da Factum Arte grazie alle più recenti tecnologie.

Medicina” (1900-1907) di Gustav Klimt, “Ninfee” (1914-1926) di Claude Monet, “Vaso con cinque girasoli” (1888) di Vincent Van Gogh, “Concerto a Tre” (1663-1666) di JanVermeer, “Ritratto di Winston Churchill” (1954) diGraham Sutherland, “Myrto” (1929) di Tamara de Lempickae“La torre deicavalli azzurri” (1913) di Franz Marc.

Van Gogh, Vaso con girasoli

I documentari di Sky Arte riescono a narrare non soltanto la storia dei dipinti, ma si allargano alla loro genesi, in rapporto con la vicenda dell’artista, calati nel periodo attraversato. Tre delle tele sono – in maniera diversa – legate alla censura nazista: si va da una delle opere più controverse di Klimt, “Medicina” realizzata ad inizio ‘900, bruciata dalle SS al castello austriaco di Immendorf nel ’45; a “La Torre dei cavalli azzurri” di Marc, sequestrato da Hermann Goering e scomparso dalla fine degli anni ‘40; fino a “Myrto” di Tamara de Lempicka, rubato da un generale nazista a Parigi nel 1943 e mai più ritrovato.Quindi, il seicentesco “Concerto a Tre” di Vermeer rubato alla collezione Stewart-Gardner di Boston nel 1990 e mai recuperato. Il “Ritratto di Winston Churchill” di Sutherland scatenò le ire del “soggetto” e la moglie lo bruciò in giardino nel 1954; fiamme anche per le “Ninfee” di Monet bruciate in un incendio al MoMa, provocato da un operaio disattento nel 1958. Fino al “Vaso con cinque girasoli” di Van Gogh acquistato da un mecenate giapponese e distrutto sotto le bombe che colpirono Osaka durante la Seconda Guerra Mondiale.

A questi capolavori si aggiunge laNativitàcon i Santi Lorenzo e Francesco d’Assisi del Caravaggio, rubata in una notte di ottobre del 1969, dall’oratorio serpottiano di San Lorenzo e mai più ritrovata: la storia del Caravaggio è forse la più misteriosa (e terribile), visto che si muove tra rivelazioni di pentiti, boss mafiosi, diatribe di storici, traffici internazionali.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.