Sabato 11 aprile, il Consorzio Vulcanìc di Catania ospita il Workshop sulle tecnologie innovative per la valorizzazione del territorio

Sabato 11 aprile, dalle ore 9, nei locali del Consorzio Vulcanìc, in Viale Africa 31 a Catania, si terrà il workshop dal titolo “L’innovazione al servizio del patrimonio culturale e territoriale”, promosso da Etna Hitech, in collaborazione con il Centro Europeo per la Formazione.

Innovare il prodotto turistico attraverso la prospettiva delle start-up tecnologiche, intuendo forme e modalità di fruizione al passo con la nuova concezione di esperienza turistica. Questo è l’obiettivo del workshop che rappresenterà un momento di confronto sull’ipotesi di realizzazione di un centro di interesse per la formazione e l’incubazione di start-up che valorizzino il territorio e i suoi patrimoni culturali e turistici. Il progetto prevede anche ipotesi di partenariato istituzionale ed economico – sociale, come peraltro indicato nelle linee guida della nuova programmazione europea per il periodo 2014 – 2020 e nei relativi piani di attuazione che si stanno predisponendo.

L’area d’interesse del centro troverà naturale collocamento nella zona della Sicilia Orientale (province di Catania, Siracusa e Ragusa) che vanta un patrimonio di eccezionale importanza culturale, riconosciuta anche dalla UNESCO.

Ad intervenire come relatori saranno: Aurelio Angelini (UNESCO), Claudio Bocci (Federculture), Massimo Zucconi (Federculture), Bruno Grassetti (Centro Europeo per la Formazione), Paolo Amenta (ANCI Sicilia), Riccardo Galimberti (Confcommercio), Emanuele Spampinato (Etna Hitech) e Rosario Sapienza (Vulcanìc). Modererà l’incontro Marco Magrini, consulente Centro Europeo per la Formazione per la Sicilia.

 

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.