Ritorna a Palermo il Festival delle Letterature Migranti

Libri e Fumetti Dal 9 al 13 ottobre torna l'appuntamento col festival diretto artisticamente dal giornalista e scrittore Davide Camarrone, quest'anno dedicato a Primo Levi, nel centenario della nascita, e ad Andrea Camilleri e Sebastiano Tusa. Cinque giorni di incontri con gli autori, dibattiti, riflessioni, spettacoli e mostre attorno a due temi: “Ultimanza” e “1492/1942”

Torna dal 9 al 13 ottobre a Palermo il Festival delle Letterature migranti, promosso dall’Associazione Festival delle Letterature Migranti insieme al Comune di Palermo, alla Regione, all’Università degli Studi di Palermo e a numerosi enti pubblici e privati e diretto dal giornalista e scrittore Davide CamarroneCinque giorni di incontri con gli autori, dibattiti, riflessioni, spettacoli e mostre attorno a due temi: “Ultimanza” e “1492/1942”. Un codice di parole e numeri sul quale scrittori, studiosi, traduttori ma anche artisti, attori, musicisti si confronteranno e intorno al quale prenderanno forma le cinque sezioni del festival: letteratura, arti visive, cinema, teatro e musica. Oltre 100 le personalità protagoniste di questa quinta edizione, 30 gli autori tra giornalisti, scrittori, traduttori e saggisti del programma letterario e 1000 gli studenti di ogni età – dalla scuola dell’infanzia ai banchi dell’Università – ai quali saranno dedicati incontri, laboratori e seminari e che diventano centrali nella visione del FLM. 

Davide Camarrone, direttore artistico del Festival delle Letterature Migranti

Davide Camarrone, direttore artistico del Festival delle Letterature Migranti

L’incontro inaugurale del Festival si terrà il 9 ottobre a Villa Trabia dove entrerà in funzione la Casa delle Letterature che, annunciata nella scorsa edizione, diverrà presto un luogo aperto a cittadini, scrittori e traduttori della città, dell’Isola e dell’area euro-mediterranea. All’incontro, insieme al sindaco Leoluca Orlando, all’assessore Adham Darawsha e alla direzione  del Festival ci sarà Stefania Auci, l’autrice italiana più letta del momento con il libro d’esordio “I Leoni di Sicilia”. 

Ultimanza è insieme constatazione ed esortazione. Prova a definire un’epoca che rischia di bruciare le risorse vitali del pianeta e di interrompere i processi di trasmissione culturale. Ci percepiamo come ultimi ad aver vissuto in una condizione di prosperità e certezza nel futuro e primi ad aver confinato nell’altrove della Rete la memoria della conoscenza. Ultimanza, ancora, come esigenza di riavvolgere il nastro, di calarsi nei panni degli ultimi e assumere il loro sguardo per riuscire a leggere il presente con lenti nuove. 

1492/1942 sono due date cruciali per la storia europea: iniziano e concludono una parabola di 450 anni. Nel 1492, Ferdinando e Isabella, sovrani di Spagna e di Sicilia, emanano l’editto di espulsione degli ebrei dal Regno. In Sicilia, terra della più antica e cospicua migrazione ebraica, migliaia di famiglie sono costrette a lasciare le proprie case, preludio di quel che accadrà secoli dopo col nazismo. Nel 1942, riuniti in una villa sul lago di Wannsee, a Berlino, un gruppo di gerarchi nazisti, tra i quali Friedrich Heydrich e Adolf Eichmann, mettono a punto la “Soluzione finale” del problema ebraico che porterà ad innumerevoli campi di prigionia e lager e alla gigantesca macchina di sterminio di Auschwitz. Riecheggiano drammaticamente, oggi, parole del passato, sentimenti di odio, concetti confusi e tuttavia pericolosi di superiorità razziale.

La giornalista americana di origini siriane Alia Malek, ph Tamara Abdul Hadi

La selezione degli autori presenti al Festival segue queste linee di indagine: dagli inglesi Edith Hallautrice del “Metodo di Aristotele”, che declina nel contemporaneo il filosofo classico per le nuove generazionie Anthony Cartwright, che cala “Il Taglio” nella Brexit vista dalla working class di una città industriale, alla turca Ece Temelkuran, scrittrice e commentatrice che, nel suo “Come sfasciare un paese in sette mosse – La via che porta dal populismo alla dittatura”, riflette e narra del modo in cui una nazione può, in breve tempo, sullo scivolo del populismo, finire nel baratro del totalitarismo.  Ancora, tra i protagonisti di questa edizione, ricordiamo: Leila Karami, studiosa del pensiero islamico e della storia delle donne nei paesi musulmani; Annalisa Camilli, giornalista di Internazionale esperta in questioni migratorie; Shahram Khosravi, antropologo iraniano autore di “Io sono confine”, una riflessione sulla natura dei confini fisici e immaginari, prendendo le mosse da un’esperienza di migrazione illegale vissuta in prima persona;  Alia Malek, americana di origini siriane, ex avvocato per i diritti civili. L’artista, attivista e autore di graphic journalism Gianluca Costantini racconterà, invece, il festival giorno per giorno con i suoi disegni che saranno postati su twitter (@channeldraw) e su tutti i canali social di FLM.

Diverse le istituzioni culturali della città coinvolte. Gran parte degli incontri letterari si terranno quest’anno presso il Museo archeologico “Antonio Salinas” diretto da Caterina Greco, di recente riaperto dopo un significativo lavoro di restauro e ammodernamento e tra i centri culturali più importanti della città. Il museo ospiterà parte del cartellone del Festival (nell’Agorà e negli spazi di Coopculture) insieme al Centro sperimentale di cinematografia ai Cantieri Culturali della Zisa, al Teatro Biondo, al Palazzo Branciforte, sede della Fondazione Sicilia, al Conservatorio Scarlatti, a Villa Trabia, a Le Cattive e alle sedi di associazioni e centri educativi sparsi sul territorio, tra cui il Centro Tau, il Laboratorio Zen e il Centro diaconale La Noce – Istituto Valdesi. E ancora, ricordiamo tra le location del festival l’associazione Sud, il circolo Arci Porco Rosso e il centro commerciale La Torre a Borgo Nuovo. 

Spazio ai libri ma anche agli altri linguaggi che nutrono e trovano nutrimento nella letteratura. Tra gli eventi da segnalare, la presenza al Festival all’interno della sezione cinema curata da Andrea Inzerillo e dal titolo “spartiti”, del pluripremiato regista svizzero Markus Imhoof di cui sarà proiettato l’ultimo film-documentario “Eldorado”, racconto emozionante che sul filo dei ricordi crea un ponte temporale tra le migrazioni di ieri e di oggi. Ancora, due prime assolute: “1492/1942: L’editto contra Yudeos, la conferenza di Wannsee e oltre” all’interno della sezione musica a cura di Dario Oliveri, e la presentazione di “Mediterranea Revolution” all’interno della sezione teatro a cura di Giuseppe Cutino: un progetto di Giuseppe Marsala e Mediterranea Saving Humans che porterà sulla scena “Scuola superiore di Rivoluzione” scritto e diretto da Claudia Puglisi e pensato proprio per il Festival delle Letterature Migranti. Un testo realizzato con le storie raccolte dai volontari di Mediterranea che vedrà tra i protagonisti anche il capo missione Luca Casarini. A precedere lo spettacolo, il reading da un testo inedito di Marcello Fois e di alcuni brani tratti da “Bambini ed altri animali” di Giosué Calaciura.

La scrittrice turca Ece Temelkuran, ph Mario Poje

Ad introdurre e chiudere l’edizione di quest’anno, ampliandone i confini temporali saranno invece due appuntamenti della sezione arti visive curata da Agata Polizzi e dal titolo orienteXpress. Nei giorni scorsi ha preso il via e diventerà sempre più visibile, la collettiva X che vede impegnati artisti di primo piano e gruppi emergenti in un’innovativa operazione di arte urbana che scardina i codici narrativi di numerosi spazi per trasformare la città in una galleria en plein air: cartelloni utilizzati abitualmente per la pubblicità diventano piattaforme di una sala espositiva diffusa e ponte narrativo tra centro e periferie di Palermo. Un esperimento unico di arte urbana realizzato in sinergia tra pubblico e privato grazie alla generosità di Alessi Pubblicità, accompagnato da un catalogo e da una mappa per individuare tutte le opere. In mostra 7 lavori (riprodotti in decine di copie) che interpretano nel linguaggio dell’arte i due temi del Festival 2019, realizzati da: #ditosinistro (Francesco De Grandi), Fare Ala + Wu Ming 2, Daniele Franzella, LUSSI, Roberta Mazzola e Azzurra Messina.  

La conclusione di FLM 2019 sarà invece affidata a Stanze, video installazione di Gianluca e Massimiliano De Serio. L’opera ripropone il film realizzato nel 2010 con il sostegno della Fondazione Merz. Sarà inaugurata il 13 ottobre alle 12 alla Sala Strehler del Teatro Biondo e  visibile ancora per una settimana dopo la conclusione del Festival. Il film è interpretato da alcuni giovani rifugiati politici somali a Torino, all’interno di quella che è stata la loro ultima casa: la caserma La Marmora sede, durante il fascismo, della Guardia Nazionale Repubblicana e luogo di tortura per molti partigiani. Al Festival delle Letterature Migranti, i due registi presenteranno in anteprima nazionale il libro che racconta quel progetto, Stanze edito da Hopefulmonster: poesie, fotografie, immagini dal film, documenti d’archivio con contributi di Luca Ciabarri, Angelo Del Boca e Gabriele Proglio.

La quinta edizione è dedicata a Primo Levi nel centenario dalla nascita e a due intellettuali siciliani scomparsi di recente: Andrea Camilleri e Sebastiano Tusa. Riceveranno la cittadinanza onoraria di Palermo: Edith Hall e Ece Temelkuran.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.