“Resto (chiuso in casa e non esco)”, il reggae siciliano per aiutare la Protezione civile

Musica Si definiscono Artisti siciliani in quarantena, il gruppo di amici musicisti (Maxim Massimiliano Distefano, Vincent Migliorisi, Cheryl Lo Manto, Ras Pepy, Max Busa, Mikilootzu Fugali, Alessandro Faro, Luciano Maugeri, Davide Di Rosolini, Peppe Cubeta e Chiara Laloo) invitati dal trombettista siracusano Salvo "Paco" Distefano a dare il proprio contributo home made per realizzare il brano "Resto (chiuso in casa e non esco)", un brano in levare che invita a rispettare le regole e a donare alla Protezione civile siciliana in prima linea nella lotta contro l'emergenza da Coronavirus

Da Siracusa nasce un nuovo brano Home Made che invita tutti a osservare responsabilmente le norme restrittivve dettate dall’emergenza Coronavirus. Resto (chiuso in casa e non esco) suona in levare al ritmo del reggae e nasce con l’obiettivo di raccogliere fondi, con una donazione libera, da donare alla Protezione Civile Regione Sicilia. Il progetto è stato realizzato dal trombettista Salvo “Paco” Distefano, già in line up con band blasonate come Aretuska e QBeta, e che ha visto la collaborazione di vari musicisti siciliani come Maxim Massimiliano Distefano, Vincent Migliorisi, Cheryl Lo Manto, Ras Pepy, Max Busa, Mikilootzu Fugali, Alessandro Faro, Luciano Maugeri, Davide Di Rosolini, Peppe Cubeta e Chiara Laloo. «Ci abbiamo messo tanta passione e tutto il cuore, ora sta a voi mostrare il vostro – ha commentato via social Salvo “Paco” Distefano -. Ecco gli Artisti siciliani in quarantena uniti per un progetto di solidarietà!». Il bonifico dovrà contenere la seguente causale: Donazione Emergenza Coronavirus e dovrà essere intestato a Pr.R.Sicilia S.Att.0.630-639-20. Il link per la donazione: https://buonacausa.org/cause/quarante… 

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.