Regione Siciliana, al via l’erogazione dei ristori per i teatri siciliani

Teatro e opera Dopo aver provveduto a stilare la graduatoria si sta procedendo celermente alla liquidazione dei circa cinque milioni di euro stanziati dalla legge Finanziaria. L'assessore Manlio Messina: «Abbiamo speso tutte le risorse disponibili, incrementando la dotazione di oltre il 65%»

In questi giorni i teatri siciliani, sia pubblici che privati, stanno ricevendo i pagamenti della Regione Siciliana a titolo di ristoro per i danni provocati dall’emergenza pandemica. L’assessorato del Turismo, sport e spettacolo, Manlio Messina, dopo aver provveduto a stilare la graduatoria, individuando i soggetti ammessi, sta procedendo celermente alla liquidazione dei circa cinque milioni di euro stanziati dalla legge Finanziaria.

Teatro Garibaldi di Enna

«Una risposta concreta – spiega l’assessore Messina – al mondo del teatro. Interveniamo, infatti, a sostegno di attività culturali legate al teatro, anche queste particolarmente colpite dalla pandemia e da mesi in grandissima crisi. Abbiamo speso tutte le risorse disponibili, incrementando la dotazione di oltre il 65 per cento per dare la possibilità a tutti i teatri, pubblici e privati, di progettare per tempo la prossima stagione avendo fondi sui quali poter contare per proseguire in futuro l’attività. Altri aiuti – prosegue l’esponente del governo Musumeci – arriveranno presto per i lavoratori di questo settore, penso ai service, ad attori e registi e alle maestranze che rendono possibili gli spettacoli. Ringrazio gli uffici dell’assessorato che in tempi record, con grande senso di responsabilità, hanno provveduto a esaminare i documenti per arrivare alla definizione degli assegnatari e alle relative liquidazioni degli aiuti».

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.