lunedì 19 agosto 2019

lunedì 19 agosto 2019

MENU

"Porte aperte", dove la politica chiude la cultura apre

Eventi

Se la tendenza è quella di chiudere i porti, gli spazi, i cuori e le menti, l'Università di Catania "apre" al pubblico rinnovvando l’appuntamento con la rassegna estiva di concerti, spettacoli, mostre e proiezioni. Più di 70 appuntamenti, dal 16 giugno al 2 agosto, non solo nelle sedi dell'Ateneo ma anche in tutti quei luoghi in cui si ritrovano normalmente i ragazzi


di Laura Cavallaro

In un momento storico come quello in cui viviamo, in cui la tendenza è chiudere i porti, gli spazi, oltre che i cuori e le menti, l’Università di Catania "apre" al pubblico rinnovvando l’appuntamento con la rassegna estiva di concerti, spettacoli, mostre e proiezioni Porte aperte, che in questa quinta edizione ha come tema principale “L’Università per la città”.

L’obiettivo, insieme ai numerosi partner, è di coinvolgere i cittadini e i turisti nelle sedi universitarie e nei principali luoghi di aggregazioni dei ragazzi. Forti del successo degli anni precedenti con numeri da capogiro (si parla di circa 10 mila spettatori solo lo scorso anno), Porta aperte quest’anno punta in alto. Il Magnifico Rettore Francesco Basile, intervenuto alla presentazione ufficiale insieme al Sindaco di Catania, Salvo Pogliese; a Rosario Castelli, Delegato ai servizi culturali per gli studenti e a Carlotta Costanzo, rappresentante nel CdA degli universitari, ha parlato di «una manifestazione complessa che sarà quest’anno ancora più importante degli anni passati; un modo nuovo e moderno per attrarre i nostri giovani e non solo, con 70 appuntamenti in circa 50 giorni».

Un entusiasmo condiviso dal sindaco Pogliese: «Nonostante il contesto delicato in cui ci muoviamo – sottolinea il primo cittadino – Catania ha capacità eccezionali che dimostra puntualmente. Basti pensare che nel primo trimestre del 2019 abbiamo registrato nella riscossione della tassa di soggiorno un incremento del 70% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. A testimonianza del fatto che la città sta diventando sempre di più un centro turistico di valenza internazionale oltre ad essere da sempre centro universitario fervente, tutte caratteristiche molto importanti di cui andiamo particolarmente orgogliosi».

L'Orchestra multietnica di Pizza Vittorio, in programma il 16 giugno

Un fitto calendario di appuntamenti che spazia attorno al mondo della cultura a 360 gradi: «Il programma inizierà il 16 giugno – spiega Castelli – con l’Ottetto dell’Orchestra di Piazza Vittorio. Per la prima volta la band multietnica arriva a Catania, un’occasione a mio avviso simbolicamente molto forte dato che dal 2002 ad oggi ha visto il passaggio di un centinaio circa di musicisti. Come ci racconterà lo stesso direttore Mario Tronco, in uno dei tanti appuntamenti, l’Orchestra nasce a seguito di un progetto di riqualificazione urbana per una delle tante piazze di Roma. L’evento poi si concluderà il 2 agosto, a Villa Bellini, con un artista molto amato dai giovani, il rapper Carl Brave».

Carl Brave concluderà il calendario di Porte Aperte il 2 agosto a Villa Bellini

In mezzo tantissimi appuntamenti: concerti di musica rock, pop, indie, jazz e classica; spettacoli teatrali, proiezioni, concerti recital, conversazioni, animazione urbana, mostre e passeggiate culturali, sviluppati grazie al sostegno del Comune di Catania, Afrodanzando, Artelè, Città Teatro e Teatro della Città, Associazione Ingresso Libero, Fondazione Lamberto Puggelli, Associazione Musicale Etnea, Calisea Art Animation, Centro Etna Scacchi, CineStudio, Coro Lirico Siciliano, Corpo bandistico “Vincenzo Bellini” di Santo Stefano Briga (Messina), Ensemble Doulce Mémoire, Gammazita, Istituto Superiore di Studi Musicali “Vincenzo Bellini”, Liceo classico statale “Nicola Spedalieri”, MercatiGenerali, MIT - Musica Intrattenimento Teatro, MoMu - Mondo di Musica, Musicainsieme a Librino, Officine Culturali, Palestra per la mente, Puntoeacapo Concerti, Rocketta Booking, Teatro Massimo Bellini, Teatro Stabile di Catania, Terre di Cinema, Tillie Records, Zō Centro Culture Contemporanee, Unict (CINAP – Centro per l’integrazione attiva e partecipata, COF&P - Centro Orientamento, Formazione e Placement, Radio Zammù, Scuola Superiore di Catania, SIMUA - Sistema Museale d’Ateneo, Zammù TV, associazioni studentesche) e sponsorizzati da Creval e Centro Sicilia.

Laura Curino in Scintille, tra le proposte dello Stabile di Catania

Tante le novità di questa edizione: «A parte l’ampio coinvolgimento degli studenti che quest’anno avranno un ruolo attivo nella comunicazione e nell’organizzazione di Porte Aperte, – prosegue Castelli – vogliamo che le sedi dell’Università diventino non solo i luoghi dove sviluppare le loro competenze ma anche punti d’incontro all’insegna d’impegni culturali e artistici. Quest’anno abbiamo pensato inoltre a Porte aperte teen, una serie di appuntamenti rivolti ai più giovani, a tutti quegli adolescenti che diventeranno futuri studenti dell’Ateneo di Catania, allo scopo di coltivare sin da subito la passione per lo studio. Sono previsti una serie d’incontri come “Giochi di strategia” in collaborazione con il Dipartimento di Matematica e Informatica e il Liceo Matematico; “Meet a robot”, che si terrà alla stazione della metropolitana Giovani XXIII, in cui esperti in tecnologia ed educatori coinvolgeranno genitori e ragazzi in una serie di dimostrazioni e giochi in cui useranno strumenti tecnologici tra cui robot, realtà aumentata e virtuale, droni e smart toys. In cooperazioni le scuole del territorio IC “E. De Amicis” di Randazzo e IC “Vespucci, Capuano Pirandello” di Catania si darà vita all’iniziativa “Scacco matto all’Alzheimer”, mentre il Liceo Spedalieri presenterà al Cortile Benedettini “Foto di squadra”, spettacolo liberamente ispirato al musical “The Beautiful Game” di A. Lloyd Webber. Per concludere l’associazione Musicainsieme Librino sarò coinvolta nel concerto “Un violinista per amico”, con la presenza del maestro Vito Imperato, primo violino di spalla del Teatro Massimo Bellini, e il cui incasso servirà all’acquisto di nuovi strumenti musicali».

Il cuntista e puparo Mimmo Cuticchio, tra i protagonisti di Porte Aperte

In linea con le iniziative eco-friendly promosse da quest’anno accademico, Porte aperte ha accentuato i rapporti con l’amministrazione comunale, con Ferrovia Circumetnea e Amt: «L’Università e i partner – aggiunge l’accademico – hanno sposato la causa del plastic free e della mobilità sostenibile grazie all’apporto delle associazioni ambientaliste».
Sono 10 le sedi universitarie coinvolte in Porte aperte, ma quest'anno la mappa dei siti si è allargata: «Abbiamo voluto estenderla a tutti quei luoghi frequentati dagli studenti – conclude Castelli – quindi alle fermate della metropolitana, alle piazze e a Villa Bellini per l’appunto. Si terranno visite culturali nelle sedi universitari e tre mostre per far conoscere il nostro sistema museale, due a palazzo Centrale: quella del Museo dei Saperi che documenta la storia della ricerca scientifica a Catania e quella dell’Archivio storico sulla Grande guerra, mentre “Spazi negati, spazi riconquistati: pratiche di rigenerazione urbana e sostenibile ambientata a Catania” si svolgerà al Monastero dei Benedettini».

Manuela Ventura, una delle protagoniste de Il Bellini nel Barocco

In un’ottica di reciproco aiuto, il Teatro Massimo Bellini e il Teatro Stabile si sono uniti per sostenere il ciclo “Il Bellini nel barocco” in cui poesia e musica s’incontrano. Vincenzo Pirrotta, Sebastiano Lo Monaco, Lucia Cammalleri e Silvio Laviano, Egle Doria, Manuela Ventura, saranno accompagnati in un percorso letterario rispettivamente dal Sestetto Nàrkissos, dai Nova Carmina Ensemble, da Francesco Nicolosi, dal Quartetto Desormadè, dal Duo Salvatore Vella e Giuseppina Vergine e dal Duo Graziella Alessi e Alistari Sorley. Lo Stabile, inoltre, porterà in scena “Scintille”, testo del direttore artistico Laura Sicignano con Laura Curino, e “Ippolito” da Euripide, mentre il Coro del Teatro Massimo diretto da Luigi Petrozziello eseguirà la “Misa Criolla” di Ariel Ramirez.

I Nebulake, tra i protagonisti di Rocketta Summer Live

Il teatro vedrà poi, tra gli altri protagonisti, Iaia Forte in “Odissea Penelope”, Pippo Pattavina e Debora Bernardi in “Il canto delle sirene”, Giuseppe Pambieri ne “L’infinito Giacomo” e i ballerini di Silvana Lo Giudice nello spettacolo “L’altro figlio”, tutti a cura del Teatro della Città, mentre il Centro Zo coinvolgerà Mimmo Cuticchio e Turi Zinna ne “Il Cunto” e “Il muro”. Per gli amanti del cinema sono in programma ben cinque ‘Aperilearn’, conversazioni con esperti su pellicole a tema musicale quali: “Il flauto magico” di Piazza Vittorio,”La vie en rose”, “Walk the line”, “The Doors”, “Control” promossi da Learn by Movies e Cinestudio. Per i più piccoli è previsto un incontro con Tim Allen, key animator del film “L’isola dei cani” di Wes Anderson. Sarà poi la volta della preview di Terre di Cinema incentrata sulle performance “Anime galleggianti" con Massimo Zamboni in concerto acustico e reading video di Piergiorgio Casotti, e “TDC Music Movie Review - 30 anni di ortodossia" di Paolo Bonfanti e Massimo Corsini, con Massimo Zamboni, Nada, Angela Baraldi, Cisco, Fatur, Giorgio Canali.

La Piccola Orchestra Giovanile dell’Etna Jacarànda sarà al Marranzano World Festival

A inaugurare il Rocketta Summer Live sarà la band vincitrice del DiSummer Fest 2019, il contest per gruppi emergenti organizzato dalle associazioni studentesche, e altre band emergenti dal Mono live contest. In questa edizione si esibiranno Nebulake, Ikan Hyu, Say Yes Dog A Kind Of Stanza, Edy, Wolf & Moon, Frollein Smilla. Sempre al Monastero sarà ospitato il Marranzano World Fest “Suoni nomadi”, con musicisti provenienti da ogni parte del mondo insieme alla Piccola Orchestra Giovanile dell’Etna Jacarànda e alle “Canzoni italiane d’amore”, recital del Coro Lirico Siciliano.
Questi e tanti altri eventi ancora, per un’estate all’insegna della condivisione, dell'apertura e del divertimento.

Per visionare il programma completo, clicca qui


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 07 giugno 2019
Aggiornato il 10 giugno 2019 alle 18:43





TI POTREBBE INTERESSARE

Rocco Mortelliti: «Camilleri sarà con noi nelle Notti clandestine di Termini Imerese»»

Il regista, che è stato allievo e genero dello scrittore scomparso di recente, è il direttore artistico della manifestazione termitana che, dal 19 al 24 agosto, prevede tre momenti a sera: il primo sui libri, il secondo sul cinema e curato dallo stesso Mortelliti, il terzo sulla musica: «Ogni sera ci saranno 30 secondi di Andrea che ci augura una buona serata in qualche modo»

Antillo Folk Fest, la tre giorni che celebra la musica popolare

Otto gli artisti che accedono al contest in programma il 13 luglio. Domenica 14 gran finale con il live "Grande Sud" che vede insieme Mario Incudine, Peppe Servillo ed Eugenio Bennato

Antonio Presti: «Vorrei che il Rito della Luce fosse migrante»

Dopo un anno di silenzio torna dal 21 al 23 giugno, fra l'Atelier sul Mare di Castel di Tusa e la Piramide 38° parallelo di Motta d’Affermo, l'evento che il mecenate di Fiumara d'Arte organizza in occasione del Solstizio d'estate e che quest'anno dedica all'Eresia invisibile della Bellezza: «Eretico è chi sceglie - dice Presti - colui che più della verità ama la ricerca della verità»

Marranzano World Fest, un ponte tra le culture musicali del mondo

Al Monastero dei Benedettini di Catania dal 20 al 23 giugno concerti, workshop e buone pratiche ecosostenibili

Quando l'Etna è la musa ispiratrice natura fa rima con cultura

Dal 9 giugno al 4 agosto l'Azienda agricola Musa di Bronte, in collaborazione con l'associazione AreaSud, organizza la prima edizione di Etnamusa Festival, cartellone di laboratori, workshop, musica, teatro, cinema, libri, scrittori ed escursioniaperti a tutti, diversamente abili, anziani e bambini compresi

Le mille sfumature del "desiderio" sono al centro di Taobuk

La IX edizione dell'evento ideato e diretto da Antonella Ferrara dal 21 al 25 giugno riempirà di parole, fascinazioni e ricordi i più bei luoghi di Taormina attraverso l’incontro della letteratura con tutte le altre arti. Il 22 giugno la consegna degli Awards: al Premio Pulitzer Jhumpa Lahiri, allo scrittore britannico Ian McEwan e al regista Marco Bellocchio