sabato 20 ottobre 2018

sabato 20 ottobre 2018

MENU

Nel Sessantotto di Orofino la rivoluzione deve ancora arrivare

Recensioni

Il Sessantotto ha iniziato lotte per i diritti umani e sociali non ancora concluse. E così successe anche a Catania. Alle Ciminiere, dal 4 al 7 ottobre, tornano in scena i 4 capitoli dello spettacolo di Nicola Alberto Orofino, viaggio a ritroso in una città dove tutto doveva cambiare e nulla cambiò...


di Silvana La Porta

Volete ritrovarvi immersi nell’atmosfera del Sessantotto della bella Catania, tra uomini politici del tempo, occupazioni universitarie e forti contrasti generazionali? Allora è proprio il caso di iniziare un viaggio alle Ciminiere, lasciandovi catturare da 68 punto e basta, spettacolo in quattro percorsi (università, politica, lavoro, società e cultura) ideato e diretto da Nicola Alberto Orofino, l'ultimo titolo del cartellone di “Altrove 2018”, la rassegna itinerante di nuova drammaturgia ideata e prodotta dal Teatro Stabile di Catania nei luoghi storici della città.

Parte del cast di 68 punto e basta, foto di Antonio Parrinello

Uno spettacolo inconsueto (con Roberta Amato, Alessandra Barbagallo, Giorgia Boscarino, Daniele Bruno, Cosimo Coltraro, Egle Doria, Gianmarco Arcadipane, Valeria La Bua, Silvio Laviano, Marcello Montalto, Lucia Portale, Luana Toscano, elementi di scena e costumi di Vincenzo La Mendola, assistente alla regia Gabriella Caltabiano) che, innanzitutto, ha il pregio di catturare cuore e mente del pubblico e invitarlo a una profonda riflessione su un momento cruciale del Novecento, foriero di attesi cambiamenti: si viene subito ammaliati dalle quattro affascinanti hostess (Egle Doria, Luana Toscano, Valeria La Bua e Lucia Portale, tutte bravissime e ottime conduttrici del percorso ideale) che invitano a compiere un viaggio a ritroso nella memoria di una città in fondo gattopardesca, dove bisogna che tutto cambi perché tutto resti com’è, coll’azzeccato sottofondo musicale di canzoni simpaticissime, tra tutte la frizzante Zum zum zum di Sylvie Vartan.


Da sinistra La Bua, Doria, Portale e Toscano

Gli spettatori, distribuiti lungo i quattro percorsi, ugualmente intriganti, seguendo la loro guida trovano uno spaccato del Sessantotto catanese, diventando parte viva dello spettacolo e vivendo ansie e speranze dei personaggi, come la ribelle Saria (una sempre toccante Alessandra Barbagallo) che cerca la sua libertà di donna e studentessa nell’occupazione dell’Università, a dispetto della sua retrograda famiglia; o il giovane poliziotto (intensamente interpretato da Marcello Montalto) che è costretto a manganellare i suoi coetanei, colpevoli solo di trovarsi dall’altra parte e si scopre fragile e tormentato come gli studenti ribelli.

Lucia Portale

Il tutto anche merito di una regia sempre attenta, studiata, frutto di un’accurata preparazione sull’argomento; Nicola Alberto Orofino conferma di ambire a un teatro sempre spiazzante, che chiama in causa gli spettatori e brechtianamente li vuole lucidi e critici nei confronti dei temi rappresentati. A tal proposito ci confessa Silvio Laviano, genuino e bravissimo interprete di due personaggi antitetici, lo studente di destra e il politico di sinistra: «Nicola Alberto ci ha assegnato con molta cura i personaggi su cui lavorare. Per il politico di sinistra sono partito dalla storia vera che Pier Paolo Pasolini amava molto Catania e comprò una casa in via delle Finanze. Partendo dalla metafora di Fava su Catania=Puttana, ho dunque inventato tutta una storia sul possibile incontro tra il Politico e Pasolini. Per il rampollo Santi Maria sono partito dal Fuan e da Benito Paolone. Paolone nel '68 aveva 30 anni quindi ho dovuto immaginare un giovane suo seguace, attraverso il rugby e l'importanza dell'Amatori Catania. Ambientare tutto in una famiglia arricchita di destra mi piaceva come idea visto che Catania è sempre stata, secondo me, una città di destra e di costruttori/imprenditori. Attraverso l'anaffettività e la mostruosità abbiamo voluto raccontare lo scontro generazionale».

Silvio Laviano

Storia di una rivoluzione sognata e sperata dunque. Ma che cosa ne è stato oggi di quei meravigliosi anni, nei quali Catania ha vissuto una delle stagioni culturali più intense e proficue? Esistono ancora rivoluzioni da fare e sostenere? La risposta di regista e attori appare alla fine propositiva. Perché il Sessantotto ha iniziato lotte per i diritti umani e sociali non ancora concluse. E a questo punto la vera sorpresa dello spettacolo si rivela proprio Egle Doria, che, spogliatasi di colpo dei panni della madre del rampollo di destra, rivolgendosi agli spettatori, prende a narrare una sua personale rivoluzione, davvero bella, davvero emozionante. Per sapere qual è il 4,5,6,7 ottobre non resta che scegliere un itinerario nella Catania del ’68…

Alessandra Barbagallo


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 02 ottobre 2018





Silvana La Porta

Docente di Italiano e Latino al Liceo Scientifico Leonardo di Giarre, è giornalista, opinionista e collaboratrice del quotidiano La Sicilia


TI POTREBBE INTERESSARE

"O soave fanciulla", l'amore impregnato di quotidianità di Puccini

Il secondo appuntamento della stagione “Chant d'Automne” promossa dalla Camerata Polifonica Siciliana per celebrare il trentennale, con i soprani Gonca Dogan e Carmen Maggiore, il tenore Filippo Micale, accompagnati dal Maestro Ivan Manzella, e l'ascolto guidato di Aldo Mattina

Troiane, a tu per tu con l'eterna voglia di ricominciare degli sconfitti

Nuova ripresa al Teatro greco-romano di Catania di "Troiane. Canto di femmine migranti", personalissima trasposizione scenica di Nicola Alberto Orofino dei classici "Troiane" e "Iliade". Sette monologhi struggenti, affidati a sette bravissimi performer, lì senza palcoscenico, abbattuta la quarta parete, in un desiderio di intimo colloquio con gli spettatori

Ippolito, il purgatorio americano dove si scontrano passione e estasi

E’ sicuramente tra gli spettacoli più originali andati in scena in questa estate siciliana l’Ippolito di Euripide nella versione di Nicola Alberto Orofino, spiazzante e originale, non solo per le evidenti trasposizioni moderne ma per la capacità di lasciare inalterata la filosofia misogina dell’autore

Premio Di Stefano, premio bagnato poco fortunato

La pioggia su Taormina ha rovinato la festa del Premio Internazionale Giuseppe Di Stefano, nell’ambito di Mythos Opera Festival, tanto che è saltata la "Cavalleria rusticana" per rinuncia della Orchestra Filarmonica della Calabria. La prima parte, comunque, aveva visto il Belcanto al Teatro antico e il premio a Floria Di Stefano, figlia dell'illustre tenore etneo

La lezione senza tempo di Antigone, regina delle scene siciliane

Due importanti teatri isolani nel giro di pochi giorni hanno ripreso il mito dell'eroina tebana simbolo della libertà di coscienza. Massimo Venturiello con la tragedia di Sofocle ha riportato la grande prosa sul palco del Teatro antico di Taormina. A Segesta, per le Dionisiache, Vincenzo Pirrotta in un reading musicato ha ricreato l’atmosfera dolorosa e tormentata del ciclo tebano

Gli accenti di inquietudine romantica del violino di Girshenko

Sotto un cielo estivo che ha regalato una inconsueta eclissi lunare, il Maestro russo, accompagnato dalla pianista kazaka Sholpan Barlykova, ha incantato il pubblico siracusano di "Ortigia classica", cartellone ideato dal violista Gaetano Adorno per conto della Camerata Polifonica Siciliana, suonando Mozart, Beethoven, Brahms, Dvorak e Sibelius