Macbeth. Una magarìa

Eventi Dal 10 al 19 febbraio a Palermo e dal 24 febbraio al 5 marzo a Catania, il nuovo spettacolo di Vincenzo Pirrotta, in scena con Cinzia Maccagnano e Giovanni Calcagno

Vincenzo Pirrotta mette in scena al Teatro Biondo di Palermo, dal 10 al 19 febbraio, e successivamente al Teatro Verga di catania (dal 24 febbraio al 5 marzo) “Macbeth. Una magaria”, una rilettura aspra e terrigna del Macbeth shakespeariano, che Pirrotta immagina nel segno di una “magarìa”, una magia, un incantamento intriso di ritualità occulte e arcaiche leggende siciliane.
«La vicenda – spiega il regista, in scena con Cinzia Maccagnano e Giovanni Calcagno – sarà introdotta da una danza macabra, una vera e propria messa nera officiata dalle streghe, che presagisce influenze maligne e un vortice incantatorio nel quale precipiteranno i protagonisti. Ho studiato a lungo i rituali dell’occulto, soprattutto del Sud Italia, per questo il rituale del prologo sarà in dialetto. La mia idea è che le streghe, con i loro oscuri presagi, restino attaccate ai personaggi come un cordone ombelicale, condizionandone le scelte e i comportamenti. Alcuni riusciranno a liberarsi recidendo questo cordone, ma non il protagonista e Lady Macbeth, i quali, come in preda a una possessione, compiranno i terribili delitti narrati da Shakespeare».

Cinzia Maccagnano e Giovanni Calcagno

Cinzia Maccagnano e Giovanni Calcagno

da William Shakespeare
adattamento Vincenzo Pirrotta
traduzione Carmelo Rapisarda
scene e regia Vincenzo Pirrotta
con Vincenzo Pirrotta, Cinzia Maccagnano, Giovanni Calcagno
e con Marcello Montalto, Alessandro Romano, Giuseppe Sangiorgi, Dario Sulis, Luigi Tabita
musiche Luca Mauceri
luci Gaetano La Mela
costumi Daniela Cernigliaro
realizzati con la collaborazione dagli gli allievi del “Workshop di tecniche sartoriali per il costume teatrale” dell’Accademia del Lusso di Milano

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.