Lo chef Marco Baglieri si trasferisce alla Riserva di Vendicari

In cucina Per i mesi estivi lo chef del il ristorante "Crocifisso" di Noto porta la sua cucina al resort Marianeddi, dove punta a diversificare la sua proposta occupandosi di ogni dettaglio della cucina: dalle colazioni al pranzo e cena, passando per una interessante offerta di aperitivi

Un ritorno alle origini: quelle dell’immersione nella natura espressa dalla potenza della Riserva di Vendicari e quelle di una cucina che si spoglia degli schemi di etichette e cerimoniali per esprimere il desiderio più forte in questo momento di ripartenza: una libertà che unisca sicurezza al benessere.
Nasce così l’avventura estiva dello chef Marco Baglieri, che trasferisce il ristorante Crocifisso all’azienda agricola e resort Marianeddi, all’interno della Riserva di Vendicari, per i tre mesi estivi.
«Si tratta di una decisione su cui ho riflettuto molto, ma che ho deciso di intraprendere per dedicare ai miei ospiti un’accoglienza più adatta a questo momento in cui gli spazi all’aperto sono un momento di benessere, oltre che di libertà. – spiega lo chef Marco Baglieri- Il Crocifisso esprime la mia identità, maturata negli anni, ma sentivo che in questo momento Noto e i locali del ristorante avrebbero rappresentato un limite per i nostri ospiti. Ho così deciso di inaugurare una nuova avventura che parte in questo periodo estivo, ma che punta a durare nel tempo. La nuova location ha un grande fascino e capacità di suggestione: sono certo che sarà il migliore luogo per dare nuovo slancio e vitalità ai miei piatti».

Lo chef Marco Baglieri

Un cambiamento che si riflette anche la cucina dello chef, da sempre legata fortemente all’identità siciliana. Nell’esperienza estiva di Marianeddi, Baglieri punta a diversificare la sua proposta, occupandosi di ogni dettaglio della cucina: dalle colazioni al pranzo e cena, passando per una interessante offerta di aperitivi.
«Utilizzeremo i diversi momenti della giornata come possibilità espressive: le colazioni per gli ospiti del resort saranno curate all’insegna della tradizione siciliana; il pranzo sarà all’insegna di una proposta leggera e gustosa per chi tornando dal mare, a pochi passi, vuole fermarsi per una pausa di gusto. Il pomeriggio sarà poi dedicato agli aperitivi con una Drink Station all’aperto: anche qui ci saranno delle piacevoli sorprese grazie a una mixology che punta a esprimere sapori e profumi della campagna e del mare di Sicilia. La sera, infine, la cucina del Crocifisso tornerà protagonista, con una ricerca sempre affezionata alla tradizione riletta nella sua versione più leggera, secondo la visione della cucina internazionale».
Una scelta che punta ad esprimere la cucina di Baglieri nella sua massima freschezza e, allo stesso momento, a garantire libertà e benessere agli ospiti che troveranno uno spazio all’aperto, curato in ogni dettaglio grazie all’intervento dell’architetto Vincenzo Ignaccolo di VI+M studio, che già si è occupato in due occasioni della ristrutturazione del Crocifisso a Noto.

Il resort Marianeddi

La partnership tra Marco Baglieri, chef del Crocifisso, e il resort Marianeddi, non si esaurirà al termine della stagione estiva. Ci sono già in cantiere delle idee per ampliare l’offerta dello spazio anche attraverso eventi e esperienze gastronomiche che saranno presentate nella stagione autunnale.
Alla base della collaborazione rimane l’idea di cucina e ospitalità siciliana come momento di scoperta e benessere, garantendo sicurezza e attenzione alle misure necessarie per l’attuale situazione. Dal 5 giugno il Crocifisso avrà sede dunque a poche passi dalle spiagge della Riserva di Vendicari, immerso in una location affascinante ed espressiva.
Aperto tutti i giorni a pranzo e a cena, oltre che nel pomeriggio con una proposta di aperitivi.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.