Le tragedie dell’Inda in trasferta nei giardini di Ragusa Ibla

Teatro e opera Dal 10 al 12 giugno i protagonisti del 52° Ciclo di rappresentazioni classiche di Siracusa leggeranno alcuni brani tratti dalle opere rappresentate al Teatro Greco, in alcuni dei giardini più suggestivi della città barocca per "3drammi3"

Un gemellaggio d’eccezione che unisce il barocco di Ragusa Ibla alle tragedie greche di Siracusa. Le manifestazioni architettoniche di massimo splendore della Sicilia barocca e i brani tratti dalle opere attualmente in scena al Teatro Greco di Siracusa per la stagione Inda 2016, saranno protagonisti della prima edizione di “3drammi3”, il Festival Ibleo della Tragedia Greca, in programma dal 10 al 12 giugno.

 Palazzo Arezzo Bertini

Palazzo Arezzo Bertini

Un’occasione straordinaria, tra l’altro ad ingresso gratuito, per conoscere e scoprire i suggestivi giardini privati, in genere non accessibili al pubblico, di palazzi storici e nobiliari, simbolo del neoclassicismo ragusano, che saranno resi ancora più magici dalla lettura di brani tratti dai testi delle opere rappresentate al Teatro Greco, recitati dagli stessi attori protagonisti a Siracusa.

Galatea Ranzi è Alcesti, foto G. L. Carnera - Inda

Galatea Ranzi è Alcesti, foto G. L. Carnera – Inda

Lo faranno nell’atmosfera suggestiva dei giardini privati, in genere non accessibili al pubblico, di tre palazzi storici e nobiliari, simbolo del neoclassicismo ragusano. Si inizierà il 10 giugno con Fedra di Seneca al Giardino del Palazzo Arezzo Bertini, antico palazzo nobiliare dal cui atrio si accede ad un’oasi ricca di agrumi. E sarà proprio la protagonista Imma Villa, insieme ad altri attori, a portare a Ibla gli estratti della rappresentazione, potendone poi approfondire i temi con lo stesso regista Carlo Cerciello. L’11 giugno invece sarà il Giardino del Palazzo Arezzo di Donnafugata, nato sul finire del Settecento e che al suo interno racchiude un ampio giardino all’italiana, a trasformarsi nel palcoscenico naturale per parlare e analizzare l’Elettra di Sofocle. Federica Di Martino, che interpreta la protagonista, insieme a Maddalena Crippa, Maurizio Donadoni e Pia Lanciotti leggeranno alcuni brani tratti dalla tragedia. La Di Martino è già stata tra i protagonisti degli spettacoli classici nel 2011, mentre Crippa, nei panni di Clitennestra, ha interpretato Medea nell’opera di Euripide nel 2004. Per Maurizio Donadoni, che interpreta Egisto, si tratta della settima volta alle rappresentazioni classiche. Pia Lanciotti è invece Crisotemi..

Federica Di Martino è Elettra - ph Franca Centaro

Federica Di Martino è Elettra – ph Franca Centaro

Domenica 12 giugno “3drammi3” si chiude con l’Alcesti di Euripide al Giardino del Circolo di Conversazione. Protagonista sarà Galatea Ranzi, nelle vesti di Alcesti, alla sua quarta partecipazione alle tragedie classiche di Siracusa. Modereranno gli incontri anche alcuni esponenti dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa che, per il 52° Ciclo di spettacoli classici, ha scelto un programma all’insegna della figura femminile. Presenti anche il commissario straordinario dell’Inda, Pier Francesco Pinelli, e il presidente dell’associazione Amici dell’Inda, Giuseppe Piccione, che faranno conoscere più da vicino la realtà delle tragedie greche di oggi, confrontandole con il passato. Gli incontri, che avranno inizio alle 19.30, sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.