La Traviata

Musica Dal 13 al 27 settembre a palermo l'opera di Giuseppe Verdi con la regia di Mario Pontiggia ripresa da Angelica Dettori

Il Teatro Massimo di Palermo propone a settembre tre opere, La traviata di Giuseppe Verdi e Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini in sala Grande, mentre a Danisinni, dopo il successo de L’elisir di Danisinni dell’anno scorso, Fabio Cherstich e Gianluigi Toccafondo creeranno una Cenerentola di Rossini ispirata all’opera di Rossini coinvolgendo il Coro di Danisinni e la Massimo Kids Orchestra diretta da Michele De Luca.

La Traviata - ph Rosellina Garbo

La Traviata – ph Rosellina Garbo

Primo appuntamento venerdì 13 settembre alle ore 20.30 in Sala Grande per La traviata con la regia di Mario Pontiggia ripresa da Angelica Dettori, scene di Francesco Zito e Antonella Conte e costumi sempre di Francesco Zito. Protagonista sarà Ruth Iniesta, per la prima volta nel ruolo di Violetta, che torna quindi a Palermo per il suo terzo debutto dopo il successo avuto come Elvira ne I puritani ad aprile 2018 e come Gilda in Rigoletto con la regia di John Turturro. Alfredo sarà il tenore Francesco Castoro, Giorgio Germont il baritono Simone del Savio. Le recite proseguiranno fino al 27 settembre, Maria Francesca Mazzara sarà Violetta il 27 e Badral Chuluunbatar Germont il 25 e il 27. L’Orchestra del Teatro Massimo sarà diretta dal giovane direttore palermitano Alberto Maniaci e Ciro Visco sarà per la prima volta alla guida del Coro del Teatro Massimo. Martedì 10 settembre la prova generale sarà aperta al pubblico a favore di Unicef.

 

Melodramma in tre atti

Libretto diFrancesco Maria Piave
Musica diGiuseppe Verdi

DirettoreAlberto Maniaci
RegiaMario Pontiggia
Ripresa daAngelica Dettori
SceneFrancesco Zito e Antonella Conte
CostumiFrancesco Zito
LuciBruno Ciulli
CoreografiaGiuseppe Bonanno
ripresa daAlberto Montesso

Orchestra e Coro del Teatro Massimo
Allestimento del Teatro Massimo

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.