La #MissionBeyond è finita, Luca Parmitano è di nuovo sulla terra

Omnibus La navetta Soyuz Ms-13 è atterrata nella steppa del Kazakhstan. Con l'astronauta paternese Luca Parmitano dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), rimasto 201 giorni in orbita dei quali 4 mesi da comandante dell'equipaggio della International Space Station, sono rientrati sulla terra anche Christina Koch della Nasa, e Alexander Skvortsov dell'agenzia spaziale russa Roscosmos

Luca Parmitano ha rimesso piede sul suolo terrestre. La navetta Soyuz Ms-13 è atterrata nella steppa del Kazakhstan. Con l’astronauta paternese Luca Parmitano dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), che porta a casa una collezione di record al termine della missione Beyond, sono rientrati sulla terra anche Christina Koch della Nasa, che è rimasta a bordo ben 328 giorni, e Alexander Skvortsov dell’agenzia spaziale russa Roscosmos. Uscito dalla capsula Parmitano è apparso in buone condizioni offrendo il suo sorriso consueto. Il tweet della Stazione spaziale internazionale evidenzia che la navicella è atterrata nella fredda steppa del del Kazakhstan ricoperta di neve ma sotto un nitido cielo blu.

La capsula è atterrata in posizione verticale e i tre astronauti sono stati aiutati a uscire dalle squadre di soccorso. La prima a uscire è stata Christina Koch, della Nasa, che porta a casa il suo record di permanenza continuativa di 328 giorni; quindi è stata la volta del comandante della Soyuz Alexander Skvortsov, anche lui in buone condizioni, e poi quella di Luca Parmitano che, non appena fuori dalla capsula ha salutato sorridente. Parmitano è rimasto 201 giorni in orbita, dei quali 4 mesi da comandante dell’equipaggio della International Space Station.

Luca Parmitano esce dalla Soyuz Ms-13

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.