giovedì 16 agosto 2018

giovedì 16 agosto 2018

MENU

1

Il miglior vino bio 2018 è di Campobello di Licata

Calici & Boccali

Con tre Gran Medaglie d’Oro l’Azienda Agricola G. Milazzo è l’azienda italiana più premiata al Concours Mondial de Bruxelles 2018, che si è tenuto a Pechino dal 10 al 13 maggio. Il loro "Maria Costanza Rosso riserva 2013" è il vino biologico rivelazione 2018


di Redazione SicilyMag

Sono stati resi noti i risultati I risultati del Concours Mondial de Bruxelles 2018, che si è tenuto a Pechino dal 10 al 13 maggio: il Maria Costanza Rosso riserva 2013 è il Vino Biologico Rivelazione 2018. Oltre 9.180 i vini, provenienti da 50 paesi, che si sono affrontati per ottenere un riconoscimento, considerato fra i più prestigiosi del panorama enologico internazionale.

La famiglia Milazzo

Erano 330 i giudici, in rappresentanza di 50 paesi, che hanno degustato alla cieca e valutato i vini in concorso. La giuria internazionale ha attribuito medaglie d’argento, d’oro e grandi medaglie d’oro a vini provenienti dai quattro angoli del mondo. Oltre a questi, come ogni anno, la giuria ha assegnato i premi rivelazione. Sei premi assegnati ad altrettanti vini: uno per ciascuna categoria (spumante, bianco, rosso, rosé, fortificato). La Sicilia grazie all’Azienda Agricola G. Milazzo di Campobello di Licata (Agrigento) si aggiudica il Premio Rivelazione internazionale 2018 per la categoria vino biologico.

I vini che si aggiudicano tale titolo vengono considerati i Campioni del Mondo. Ed è il secondo anno consecutivo che l’Azienda Milazzo può vantare questo titolo. Lo scorso anno si era aggiudicato il Premio Rivelazione Vino Rosso 2017 grazie al Terre della Baronia. «Per il secondo anno consecutivo, un nostro vino si può fregiare del titolo di Campione del mondo: La Sicilia in testa, sempre di più». Così sui social network l’Azienda Agricola G. Milazzo condivide con gli appassionati di grandi vini l’orgoglio per aver portato, per il secondo anno consecutivo, un vino siciliano sulla vetta del mondo.

Un risultato che si aggiunge ad un già ricchissimo palmares del Maria Costanza rosso che ha ottenuto i più importanti riconoscimenti nei più prestigiosi concorsi enologici internazionali.
«Dopo i risultati straordinari del Challenge International du Vin, e del Concorso Enologico del Vinitaly, dove siamo risultati l’azienda più premiata; anche al Concorso Mondiale del Vino di Bruxelles abbiamo fatto il pieno di riconoscimenti, posizionandoci al vertice della classifica portando ancora una volta la Sicilia in testa».

Giuseppina Milazzo e Saverio Lo Leggio

Con tre Gran Medaglie d’Oro l’Azienda Agricola G. Milazzo è, infatti, l’azienda italiana più premiata con il riconoscimento più prestigioso. Primato che aveva già ottenuto nel concorso enologico internazionale del Vinitaly dove ben 8 vini avevano ottenuto il riconoscimento di 5StarWines. Il Maria Costanza è una delle referenze più conosciute ed apprezzate anche dai consumatori, è uno dei prodotti più rappresentativi dello scrupoloso lavoro di ricerca realizzato dall’Azienda Agricola G. Milazzo sui vitigni autoctoni, al fine di valorizzarne le peculiarità autentiche. Un lavoro di ricerca ed evoluzione che ha riguardato in particolare il Nero d’Avola: il risultato, apprezzato internazionalmente, è un sapiente connubio tra adattamento al terroir e tecnica di vinificazione che rende il Maria Costanza Rosso un prodotto di grande successo. Già nel 2014 il Maria Costanza rosso ottenne il Prix Special al Councours Les Citadelles du Vin e da allora ha ricevuto numerosi riconoscimenti.

Le altre medaglie gran medaglie d’oro assegnate all’Azienda Agricola G. Milazzo sono andate ai due gran cru della cantina di Campobello di Licata: il Duca di Montalbo e il Selezione di Famiglia. Inoltre, il Selezione di Famiglia con le annate 2008 e 2010 si è aggiudicato altre due medaglie d’oro e il Maria Costanza ha ottenuto una medaglia d’oro con l’annata 2014. Infine, altre 6 referenze hanno ottenuto una medaglia d’argento.

Concours Mondial Bruxelles 2018
MARIA COSTANZA rosso riserva 2013 RIVELAZIONE INTERNAZIONALE 2018 VINO BIOLOGICO.
GRAN MEDAGLIA D’ORO
Maria Costanza rosso riserva 2013
Selezione di Famiglia bianco 2016
Duca di Montalbo rosso 2004

MEDAGLIA D’ORO
Maria Costanza rosso 2014
Selezione di Famiglia bianco 2008
Selezione di Famiglia bianco 2010

MEDAGLIA DI ARGENTO
Fancello rosso 2014
Terre della Baronia rosé 2017
Selezione di Famiglia bianco 2015
Duca di Montalbo 2011
Federico II 2010
Milazzo riserva V38AG


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 29 maggio 2018
Aggiornato il 04 giugno 2018 alle 12:29




TI POTREBBE INTERESSARE

La Notte di San Lorenzo riempiamo "Calici di Stelle"

Torna l'immancabile appuntamento con le cantine che aderiscono all'iniziativa del Movimento Turismo del Vino che in Sicilia, dal 2 al 10 agosto, aprono ai visitatori per regalare loro notti magiche dosando gusto, accoglienza, divertimento ma anche solidarietà ed un pizzico di curiosità con i telescopi degli astrofili

Roberta Sibani: «Il mio vino bio nato all'ombra del tempio di Segesta»

Dal marketing internazionale all'azienda di famiglia. E' la storia dell'imprenditrice palermitana che dopo aver lasciato l'Isola per lavoro ha deciso di tornare per prendere in mano le redini dell'azienda agricola creata dai suoi nonni agli inizia degli Anni 50. Quest'anno il Podere Messina ha prodotto le prime bottiglie, ed è pronto a trasformarsi in un resort

In alto i calici nelle "Cantine aperte"

Sabato 26 e domenica 27 maggio le cantine del Movimento Turismo del Vino aprono al pubblico: in tutta l'Isola sono in programma eventi, degustazioni e visite guidate

Cartesiano, il "rosso" sintesi di pluralità culturali

Il nuovo vino di Fazio Wines è stato presentato in anteprima alla quindicesima edizione di ‘Sicilia en Primeur’, l’annuale rassegna internazionale organizzata da Assovini Sicilia

L'Isola in un bicchiere, torna Sicilia en primeur

Dal 3 al 7 maggio a Palermo il meglio della produzione vinicola siciliana presenzierà alla kermesse enologica promossa ed organizzata da Assovini Sicilia

Vini del Vulcano a confronto, torna "Contrade dell'Etna"

Lunedì 23 aprile a Randazzo l'evento ideato da Andrea Franchetti che mette a confronto micro- aree di produzione, quest'anno dedicato al vitigno autoctono Nerello Mascalese