sabato 24 agosto 2019

sabato 24 agosto 2019

MENU

Concorso mondiale di Bruxelles, 15 medaglie ai vini Milazzo

Calici & Boccali

Una Gran medaglia d'oro al Castello Svevo 2013 (nero d'Avola), 6 medaglie d'oro e 8 d'argento ai vini dell'azienda agricola siciliana. Giusi Milazzo: «Un premio al lavoro impegnativo per un tipico vitigno siciliano caratteristico delle nostre zone, e molto apprezzato anche all’estero»


di Redazione SicilyMag

Sono stati resi noti, nei giorni scorsi, i risultati del Concours Mondial di Bruxelles 2016, nato oltre venti anni fa, che ha da sempre come obiettivo quello di offrire ai consumatori una garanzia: individuare vini che possano offrire una piacevole esperienza di degustazione. Novemila vini, provenienti dai quattro angoli del mondo, sono stati degustati e valutati da a una giuria di esperti vitivinicoli a Plovdiv (Bulgaria) dal 29 aprile al 1 maggio. Per i giurati, che assaggiavano alla cieca, una sola missione: individuare vini di ineccepibile qualità, indipendentemente dall’etichetta e dall’origine.

Il Castello Svevo rosso 2013

La giuria del Concours Mondial de Bruxelles è composta da professionisti che vivono 365 giorni all’anno con e per il vino: buyer, enologi, giornalisti, scrittori e critici specializzati, ricercatori e rappresentanti di istituzioni professionali. Le 51 nazionalità in essa rappresentate garantiscono una varietà eccezionale nell’universo dei concorsi enologici. Le sessioni di degustazione si svolgono nell’arco di tre mattinate. La giuria è composta da circa cinquanta commissioni, formate da cinque a sei degustatori. I giudici, scelti con la massima cura, si assumono la responsabilità di attribuire le medaglie ai migliori prodotti iscritti a concorso. Anche quest’anno i vini dell’Azienda Agricola G. Milazzo di Campobello di Licata potranno esibire il famoso ‘macaron’ del Concours: un segno distintivo, divenuto ormai sinonimo di garanzia. Sono addirittura 15 i vini dell’azienda di Campobello di Licata che hanno superato la rigorosa selezione, sugli oltre 1.200 campioni provenienti dall’Italia, e sbaragliato la concorrenza internazionale.

«Ben 6 dei nostri vini hanno ricevuto una medaglia d’oro: nessun’altra azienda italiana può vantare un tale primato - ha commentato Giuseppina Milazzo i risultati di Bruxelles -. Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti quest’anno dai nostri vini nei più prestigiosi concorsi internazionali: sette medaglie al Challenge International du Vin di Bourg (Bordeaux); al concorso internazionale del Vinitaly di Verona sette referenze hanno conquistato i 5 Star Wines; oggi arrivano questi ulteriori e numerosi riconoscimenti, che premiano tutte le nostre tipologie di vini. Ci rende particolarmente orgogliosi la Gran Medaglia d’Oro per il Castello Svevo rosso 2013, ottenuto prevalentemente da uve di Nero d’Avola: un premio al lavoro impegnativo, realizzato con pazienza e tecnica, per un tipico vitigno siciliano caratteristico delle nostre zone, da cui si ottiene un grande vino, dal profumo fine e dal sapore intenso, che, come conferma la gran medaglia d’oro è molto apprezzato anche all’estero».

Giusi Milazzo

«Le due medaglia d’oro per il Terre della Baronia - prosegue la Milazzo -, una per l’annata 2011 ed una per la 2012, premiano la scelta della nostra azienda di percorrere una strada originale per la valorizzazione del Nero d’Avola. Un lungo lavoro che si connota per essere il risultato della sperimentazione portata avanti in oltre 30 anni di ricerca sui cloni della varietà siciliana per eccellenza, per individuare il miglior adattamento al nostro terroir: Le Terre della Baronia. Il Duca di Montalbo ottiene due medaglie d’argento: una per l’annata 2002 ed una per l’annata 2004. Un terroir unico ed uno scrupoloso lavoro in vigna, un lunghissimo affinamento in bottiglia lo rende estremamente morbido, complesso ed elegante permettendogli di ottenere plausi e riconoscimenti unanimi, confermando la grande vocazione internazionale del Nero d’Avola e la grande caratteristica, spesso sottovalutata, di acquisire pregio con l’invecchiamento».

Questi i riconoscimenti ottenuti dall’Azienda Agricola G. Milazzo al Concorso Mondiale di Bruxelles: 1 Gran medaglia d'oro al Castello Svevo rosso; 6 medaglie d'oro al Maria Costanza rosso 2011 e 2012, Maria Costanza bianco, Selezione di Famiglia 2008 e 2010, Terre della Baronia bianco; 8 medaglie d'argento al Castello Svevo bianco, Fancello 2012 e 2013, Duca di Montalbo 2002 e 2004, Selezione di Famiglia 2013 e 2014, Terre della Baronia rosato.

I vigneti di Nero d'Avola dell'azienda Milazzo di Campobello di Licata

L’Azienda Agricola G. Milazzo –Terre della Baronia produce i propri vini esclusivamente con le uve dei suoi 75 ettari di vigneti, posti tra le colline a NordEst di Campobello di Licata, in provincia di Agrigento, a quote intorno ai 400 metri di altitudine. Grazie ad un terroir particolarmente vocato per la coltivazione della vite, nel pieno rispetto dei ritmi della natura, in regime di agricoltura biologica, si raccolgono uve dense di note aromatiche, che danno vita a vini rossi di grande carattere, bianchi di persistente profumo e spumanti metodo classico dalla forte personalità. Solo raccolta manuale, rigoroso controllo delle temperature per una perfetta fermentazione, un’equilibrata armonia tra passaggio in acciaio e maturazione in barriques di legni pregiati, fino all’affinamento in bottiglia nelle innovative cantine dell’Azienda Agricola Milazzo nel cuore delle Terre della Baronia. Un palmarès internazionale che non ha eguali nei più importanti concorsi europei, dal 1994 fino ad oggi.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 11 maggio 2016





TI POTREBBE INTERESSARE

Aquamaris, la birra col mare dentro della modicana Tarì

Il birrificio artigianale siciliano ha lanciato una blanche dissetante e beverina, perfetta per l'estate, una "gose" che contiene l'acqua del mare Jonio raccolta per fini alimentari dall'azienda catanese Aquamaris

Tra Castellammare e Faenza si incorona la super etichetta d’oro

Sabato 1 giugno a Castellammare del Golfo si terrà la VII edizione del Premio Mediterraneo Packaging che premia il migliore abbigliaggio delle bottiglie di olio extravergine d'oliva, vino, liquori e distillati scelti da due commissioni: una siciliana ed una emiliana

Gabriella Anca Rallo: «Un vino deve essere accattivante dall'etichetta»

La signora Donnafugata è stata l'anima rivoluzionaria dell'azienda vitivinicola che ha creato con il marito Giacomo. E l'artefice, in particolare, di quelle etichette (pluripremiate) con le quali ha dato volto e carattere al design in bottiglia che veicola arte, cultura, sostenibilità ambientale, ma anche profumi, sapori e colori di un'affascinante Sicilia

Catania si prepara per tre giorni "a tutta Birra"

Dal 24 al 26 maggio torna l'appuntamento con BeerCatania Spring, l'evento dedicato alle birre artigianali

Federica Fina detta Kiké, la prima "Sbarbatella" di Sicilia

La giovane rappresentante della Cantina Fina di Marsala domenica 12 maggio rappresenterà per la prima volta la Sicilia alla terza edizione di “Sbarbatelle”, l'evento organizzato dall'Associazione italiana sommelier di Asti sulle colline ai confini del Monferrato, che riunisce le produttrici italiane di vino under 30

Il Metodo classico Extra Brut di Funaro: «In 237 bottiglie i profumi del Belice»

Grazie all'impegno dei fratelli Giacomo, Tiziana e Clemente, la piccola realtà vitinicola di Santa Ninfa è un'eccellenza siciliana, grazie anche al successo dello spumante Metodo classico Extra Brut prodotto in tiratura limitata, premiato con 5 stelle al Vinitaly. Giacomo Funaro: «Vogliamo valorizzare la nostra azienda biologica nella ricerca di un vino di eccellenza»