lunedì 16 settembre 2019

lunedì 16 settembre 2019

MENU

Il carisma e il tocco cristallino di Marta Argerich incantano Taormina

Recensioni

Al teatro antico la celebre pianista svizzero-argentina ha chiuso il Taormina Opera Stars di Davide Dellisanti eseguendo il sul Concerto n. 1 in mi bemolle maggiore per pianoforte e orchestra di Franz Liszt. Con lei il pianista italo-argentino Daniel Rivera che ha eseguito il Concerto in la minore per piano e orchestra op.16 di Edvard Grieg. Il M° Gianna Fratta ha condotto l'orchestra del Taormina Opera Stars


di Anna Rita Fontana

Si è svolto al Teatro greco di Taormina l’appuntamento conclusivo del quinto Festival della musica internazionale promosso da Taormina Opera Stars sotto la direzione artistica di Davide Dellisanti. Protagonisti, sul palco della suggestiva cavea, due artisti del pianoforte, ovvero Martha Argerich e Daniel Rivera a fianco dell’orchestra del Taormina Opera Stars guidata da Gianna Fratta. La serata, coordinata da Antonio Lombardo, Franco Barbera e dal direttore musicale degli eventi Maurizio Gullotta, verteva, nella prima parte, sul Concerto n. 1 in mi bemolle maggiore per pianoforte e orchestra di Franz Liszt, eseguito dalla pianista svizzero-argentina, mentre nella seconda, sul Concerto in la minore per piano e orchestra op.16 di Edvard Grieg, affidato a Rivera.

Daniel Rivera, Marta Argerich, il M° Gianna Fratta e l'Orchestra del Taormina Opera Stars

A un azzeccato incipit orchestrale, con due brani tratti dalla “Carmen” di Georges Bizet (Seguidilla e Preludio) seguiva il tanto atteso ingresso della pianista: sfoderando una tecnica sfavillante la Argerich da subito conferiva un poderoso rilievo all’essenza tematica del primo tempo del concerto, scultorea nel serrato procedere accordale e davvero attraente nello scavo melodico reso fluidissimo da un tocco cristallino, che ben contemperava una cantabilità struggente con l’aspetto prettamente virtuosistico dell’opera. Sebbene l’esecuzione sia stata interrotta da un problema di illuminazione, che ha infastidito la pianista a causa del riflesso della propria ombra sulla tastiera, l’artista ha continuato ad avvolgere una numerosa e attentissima platea col suo autentico carisma, che ne fa un’interprete di pregevole livello: non è per nulla scontato infatti che alla veneranda età di settantotto anni, si mantenga una prorompente energia e una scintillante agilità oltre a una capacità di compenetrazione della partitura come quelle sciorinate dalla Argerich, frutto di una tecnica e una lucidità mentale strepitose. L’orchestra ha ben interagito col pianoforte in un apprezzabile dosaggio delle sonorità, condotta con fermezza dalla meticolosa bacchetta di Gianna Fratta che ha conferito il giusto vigore ritmico all’esecuzione, ottenendo al tempo stesso un’incisiva gradevolezza melodica. Al termine del primo tempo del concerto tra il vivissimo entusiasmo dei presenti, in un delizioso bis a quattro mani la Argerich e Rivera porgevano una trascrizione pianistica de “Il mattino” di Edvard Grieg, mentre altri due encore, sempre a quattro mani, hanno concluso al termine della seconda parte la felice performance.

Le brume espressive del suddetto compositore norvegese (che tanto si prodigò per diffondere il nazionalismo nordico), nel citato Concerto in la minore op.16, in seguito, hanno posto in evidenza le spiccate chances tecniche del pianista italo-argentino Daniel Rivera, che si è altamente destreggiato fra trilli e tremoli, in un denso tessuto di richiami popolari, tra genuinità di accenti e complessità armonica ben sostenuti da un’orchestra compatta. Dal tratto imperioso di Rivera affiorava la passione che innerva la partitura di Grieg, nonché la vena drammatica che la bacchetta della Fratta ben imprimeva all’esecuzione, sebbene in alcuni momenti il pianista sia stato offuscato dall’ensemble e da qualche accento eclatante degli ottoni. L’ultimo tempo del concerto (Allegro moderato molto e marcato) ha lasciato emergere accattivanti sonorità tipiche di danze e di un particolare violino di estrazione norvegese, l’hardingfele, suscitando l’interesse generale e il consenso unanime per il concertista, che ha mostrato un’ampia consapevolezza sinfonica della scrittura pianistica, dipanata lungo l’articolata opera. A fine performance un’ovazione acclamava i validissimi pianisti insieme all’orchestra e alla sua brillante direttrice.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 27 agosto 2019





Anna Rita Fontana

Ha compiuto studi umanistici al Liceo classico Cutelli di Catania e di indirizzo estetico-musicologico all’Università di Bologna, in Discipline della Musica. Ha conseguito il Diploma di Pianoforte all’Istituto Superiore di Studi Musicali “Vincenzo Bellini” di Catania, frequentando poi i corsi di interpretazione pianistica di Jorg Demus, di analisi musicale con Carlo Mosso e di canto gregoriano a Cremona con Nino Albarosa. Dal 2000 è docente di educazione musicale nelle scuole secondarie di primo grado. Giornalista pubblicista dal 1999, ha collaborato come critico musicale per diverse testate (Giornale di Sicilia, Prospettive, Globus magazine, Sicilia Journal). Oltre SicilyMag.it, attualmente collabora col notiziario on line di musica Bellininews, la rivista I Vespri e la rivista Laòs, notiziario culturale dell’Istituto teologico San Luca.


TI POTREBBE INTERESSARE

L'emotiva e fragile Turandot di Elina Ratiani

Bella e convincente l'opera messa in scena al Teatro antico di Taormina lo scorso 3 settembre, a cominciare dalla regia di Enrico Stinchelli, ma la grande rivelazione è stata il soprano georgiano che si è rivelata più di una virtuosa del canto

Una messa in scena poco incisiva l'Orfeo di Mitoff

La piéce che al Castello Ursino di Catania ha aperto la rassegna dedicata al teatro classico, riletta e adattata da Salvatore Guglielmino, prometteva di essere interessante ma non ha convinto del tutto

Odissea alle Gole Alcantara: «Uomo in mare si salva sempre…»

Un palcoscenico naturale e magico per il capolavoro di Omero diretto dal regista Giovanni Anfuso. Un'ottima squadra e uno splendido cast per portare in scena gli insegnamenti immortali della letteratura classica. Repliche fino al 25 agosto

Monica Guerritore a Taormina, mattatrice dall’alba al tramonto

Grandi applausi per l'attrice romana protagonista di due spettacoli al Teatro antico, due spettacoli diversi legati dal medesimo fil rouge: il racconto interiore e la discesa nell’anima del mondo

'A Muntagna è viva. Come il teatro a Catania

Repliche a Catania fino all'8 agosto per "ETerNA. A vucca l'amma", testo di Luana Rondinelli e regia di Nicola Alberto Orofino, dove la vera primadonna è stata la bella e terribile Etna di cui un cast di grandi attori narra tutti i sentimenti di una tragedia storica, l’eruzione del 1669 che distrusse Catania

Silvio Laviano fa rivivere Enoch Arden. Pura poesia

L'attore catanese, giunto alla sua maturità artistica, per la rassegna “Il Bellini nel Barocco – Poesia in Musica” ha donato al pubblico nell’incantevole scenario del cortile di Villa San Saverio, una vera e propria chicca