Idomeneo re di Creta al Bellini, tra classicismo mozartiano e sobrietà della messa in scena

Recensioni L'opera mozartiana, assente da decenni sul palcoscenico del teatro d'opera catanese, vi ha trovato collocazione in forma semiscenica, con la regìa di Guy Montavon, all'interno del cartellone “Bellezza, Belcanto, Bellini” per il debutto del Festival "Magie barocche”. La sobrietà della messa in scena, ben armonizzata col classicismo mozartiano, tra spunti di Gluck e Metastasio, nonché  la direzione competente e appassionata di Claudia Patanè, hanno favorito il gradimento del pubblico

Rappresentata per la prima volta a Monaco il 29 gennaio 1781 al Residenztheater, su libretto di Giambattista Varesco (cappellano di corte di Salisburgo) tratto da Danchet, l’opera mozartiana “Idomeneo re di Creta” K 366,  assente da decenni sul palcoscenico del Teatro Massimo Bellini di Catania, vi ha trovato collocazione in forma semiscenica, sotto la regìa di Guy Montavon, all’interno del cartellone “Bellezza, Belcanto, Bellini”: ha debuttato così il X Festival Internazionale del Val di Noto “Magie barocche”. La pertinenza interpretativa dei ruoli vocali, la compattezza del coro istruito da Luigi Petrozziello,  la sobrietà della messa in scena che si è ben armonizzata col classicismo mozartiano, tra spunti di Gluck e Metastasio, nonché  la direzione competente e appassionata di Claudia Patanè, hanno certamente favorito un alto gradimento del pubblico, che, sia pure non molto numeroso e stressato dal caldo di una serata settembrina, ha elargito un ampio plauso a fine serata.

Claudia Patanè, foto Antonio Parrinello

In oggetto la storia di Idomeneo, re di Creta, che prima di approdare nell’isola al ritorno dalla guerra di Troia, viene  colto insieme alla sua flotta da una rovinosa tempesta. Pertanto, nell’intento di salvarsi, fa voto al dio Nettuno di sacrificargli la prima persona in cui s’imbatterà sulla terraferma. Ma a riparare la sfortuna del re, di avere incontrato il figlio Idamante da immolare all’altare del dio, sarà la benevolenza dello stesso Nettuno, che smussando la sua rabbia, rinunceràda a qualsiasi vittima (prima Idamante, poi Ilia, divenuta sua schiava, che se ne innamora) a condizione che Idomeneo abdichi a favore del figlio e che quest’ultimo si unisca in matrimonio a Ilia. Come contraltare alla grazia principesca di quest’ultima, i cui panni rivestiva Maria Grazia Schiavo con rilevanti chances vocali, era una grintosa Elettra, a quanto si evinceva dall’autorevole spessore vocale di Daniela Schillaci, che ha saputo calarsi in un personaggio di forbita e ferrea vocalità, con acuti svettanti , convergendo la sua presenza scenica  sull’ostilità sferzante verso la principessa Ilia, sua rivale in amore: quest’ultima, dal canto suo, ne ha ben rappresentato l’antagonista che si impone col suo savoir faire di equilibrio espressivo, manifestato dalla Schiavo. Nelle vesti di Idamante invece il mezzosoprano Maria Josè Lo Monaco che ha sfoderato un registro vocale duttilissimo, pronto a molteplici screziature di colore. Apprezzabile il registro tenorile di Philippe Castagner nelle vesti di Idomeneo, accanto a Diego Goday (l’Arbace) e Andrey Andreychick (la Voce).

Il Teatro Massimo Bellini di Catania

Riconoscendo quindi i giusti meriti a un più che preparato cast degli interpreti e alla bacchetta spiccatamente puntigliosa della Patanè, e tenendo conto dell’essenzialità dei costumi (tra una tunica per Ilia, stivali appariscenti alla Bonaparte  per Idamante, e un mantello dorato per Idomeneo), possiamo senza dubbio affermare che a dominare su tutto (compensando la mancanza dei balletti, voluti da Mozart alla fine del primo atto), è stata la musica del grande musicista salisburghese: e a riscattarne un’opera per anni caduta nell’oblio, si irradiava dalla  partitura una innegabile leggiadria e squisitezza melodica.

 

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.