Enoturismo, “Cantine d’Italia” premia l’Agrirelais di Baglio di Pianetto

Calici & Boccali Cantine d’Italia 2022, la guida per l’enoturista a cura di Go Wine, ha conferito Il premio speciale “Alto Confort” alla cantina di Santa Cristina Gela per l’ospitalità aziendale dell’anno offerta dall’Agrirelais Baglio di Pianetto. La Sicilia si distingue con 31 cantine recensite, di queste 11 ottengono il riconoscimento dell’Impronta Go Wine, tra le quali, new entry la cantina Firriato di Paceco

È uscita la nuova edizione 2022 di Cantine d’Italia, la guida per l’enoturista a cura di Go Wine. L’evento di presentazione e premiazione si è tenuto il 2 dicembre a Milano. Cantine d’Italia 2022 si presenta con una copertina flessibile rinnovata, 820 cantine selezionate, 245 “Impronte d’eccellenza” per l’enoturismo, oltre 4.400 vini segnalati, circa 1.500 indirizzi utili per mangiare e dormire. Si tratta di una guida alle cantine, con una sua identità specifica, non è una guida tradizionale ai vini. Una guida pensata per i turisti del vino, che racconta e scrive di vino partendo dalla “cantina”, luogo dove uomini e donne del vino operano e progettano il loro lavoro, dove sono portatori di storie e tradizioni familiari, oppure di più recenti investimenti. La cantina che, nel corso degli anni, è diventata a pieno titolo un luogo di promozione del territorio, perché invita al viaggio e comunica con la sua realtà un’identità territoriale fatta di tutto quanto ruota attorno: il paesaggio, i vigneti, la tradizione del luogo, i borghi.

Il volume consiste in un articolato repertorio di cantine, ricco di dati e riferimenti che si aggiorna in ogni edizione, con nuovi inserimenti ed alcune esclusioni. Sale complessivamente il numero delle cantine siciliane inserite nella guida, con una conferma per la crescita complessiva della regione nel contesto del panorama nazionale. Da segnalare il riconoscimento de L’Impronta alla cantina Firriato, fra le new entry di questa edizione.

Una barricaia della cantina Firriato a Paceco

Sono in totale 245 le “Impronte Go Wine” nell’edizione 2022: esse rappresentano un segno di “eccellenza” nel campo dell’enoturismo nazionale e costituiscono una sorta di segno ideale che Go Wine attribuisce alle cantine che hanno conseguito un alto punteggio nella valutazione complessiva su sito, accoglienza e profilo produttivo. Si tratta dei tre fattori su cui si compone la presentazione delle singole cantine e su cui si definisce una loro valutazione: il sito ovvero il luogo ove si trova la cantina, guardando anche alla cantina medesima dal punto di vista architettonico; ma anche sito da intendersi come il patrimonio complessivo di vigneti di cui dispone la cantina; l’accoglienza, la vocazione della cantina ad “aprirsi” all’esterno al pubblico con una parallela attività, sia in ambito recettivo: agriturismo, B&B o ristorazione, sia svolgendo iniziative culturali che si rivolgono al mondo esterno; il vino, il profilo produttivo dell’azienda valutato nel tempo, al di là dell’esito di una singola vendemmia; tenendo conto del carattere della produzione, della eccellenza di alcune etichette, della particolare cura verso specifiche tipologie di vini.



La Sicilia si distingue con 31 cantine recensite; di queste 11 ottengono il riconoscimento dell’Impronta Go Wine. Come riferito, si aggiunge tra i premiati rispetto alla scorsa edizione la cantina Firriato. Esse sono: Abbazia di Santa Anastasia – Castelbuono (Palermo); Alessandro di Camporeale – Camporeale (Palermo); Baglio di Pianetto – Santa Cristina Gela (Palermo); Barone di Villagrande – Milo (Catania); Barone Scammacca del Murgo – Santa Venerina (Catania); Benanti – Viagrande (Catania); Donnafugata – Marsala (Trapani); Firriato – Paceco (Trapani); Florio – Marsala (Trapani); Gulfi – Chiaramonte Gulfi (Ragusa); Planeta – Menfi (Agrigento). Le Tre Impronte, ovvero il massimo riconoscimento per l’esperienza enoturistica, si riconfermano alle cantine siciliane DonnafugataFlorio Planeta.

Il Premio “Alto Confort”, uno degli 8 premi speciali, va alla cantina siciliana Baglio di Pianetto di Santa Cristina Gela (Palemo) per l’ospitalità aziendale dell’anno offerta dall’Agrirelais Baglio di Pianetto. Si trova nella parte nord della Sicilia, non lontano da Palermo. Il riconoscimento va alla visione del Conte Marzotto, purtroppo recentemente scomparso. L’Agrirelais è un agriturismo di charme ospitato nei locali del baglio, già residenza dei Baroni di Ramione: 13 camere, con ampio solarium, una piscina, una bella corte interna, il tutto in un bellissimo scenario naturale, con la cantina da visitare a due passi.

Baglio di Pianetto a Santa Cristina Gela

La Guida Cantine d’Italia 2022 è edita dall’associazione Go Wine e nasce da un’idea di Massimo Corrado che ne cura il coordinamento e la direzione editoriale. Conferma l’impegno dell’associazione volto ad affermare, anche attraverso la guida, i principi ispiratori dell’attività associativa. La redazione Go Wine cura la redazione di tutto il volume e del repertorio delle cantine selezionate, con i contributi e le segnalazioni di giornalisti e delegati Go Wine in Italia.

Le 820 cantine presenti nel volume sono state scelte in base all’esperienza diretta. Per ogni cantina una pagina ricca di notizie: dall’anagrafica aziendale ai dati sulla produzione, ai referenti interni da contattare; dai giorni e gli orari di visita alle informazioni stradali; dal racconto delle suggestioni che la cantina e il suo contesto offrono al visitatore a una serie di utili appunti sui vini aziendali con indicazione del vino top e degli altri vini da conoscere. Ogni cantina è presentata attraverso una valutazione in stelle (su scala 5), suddivisa nei tre aspetti che sono ritenuti rilevanti dalla Guida: il sitol’accoglienza e i vini. Inalterato è sempre lo spirito dell’opera: spingere l’appassionato a viaggiare per conoscere il fascino del territorio del vino italiano attraverso il racconto di molti suoi interpreti d’elezione.


Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.