Ecco il cda del Teatro Stabile di Catania, Rita Gari Cinquegrana nuova presidente

Teatro e opera L’assemblea dei soci del Teatro Stabile di Catania ha nominato il nuovo consiglio di amministrazione. I nuovi componenti sono Rita Gari Cinquegrana, designata dal Comune di Catania, Ida Angela Nicotra, designata dalla Città Metropolitana di Catania, il notaio Carlo Zimbone, designato dalla Regione Siciliana,  il prof. Domenico Giovanni Nicosia, designato dal’Assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo. Riconfermato Raffaele Marcoccio per l’Ente Teatro di Sicilia

L’assemblea dei soci del Teatro Stabile di Catania ha nominato questa mattina il nuovo consiglio di amministrazione. I nuovi componenti, indicati come da Statuto, sono la dott.ssa Rita Gari Cinquegrana, designata dal Comune di Catania, la prof.ssa Ida Angela Nicotra, designata dalla Città Metropolitana di Catania, il notaio Carlo Zimbone, designato dalla Presidenza della Regione Siciliana,  il prof. Domenico Giovanni Nicosia, designato dal’Assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, mentre è stato riconfermato Raffaele Marcoccio per l’Ente Teatro di Sicilia.

Rita Gari Cinquegrana

Il ruolo di presidente è stato affidato alla dott.ssa Rita Gari Cinquegrana, il vicepresidente verrà scelto in occasione della prossima assemblea, già convocata per il 9 novembre. Alla riunione di oggi, in rappresentanza dei soci del Teatro Stabile di Catania, sono intervenuti l’Assessore al Turismo, Sport e Spettacolo Manlio Messina in rappresentanza della Regione, l’assessore alla Cultura Barbara Mirabella in rappresentanza del Comune di Catania, la dott.ssa Silvana Cardì in rappresentanza della Città Metropolitana di Catania, l’avv. Renato Sgroi in rappresentanza dell’Ente Teatro di Sicilia. Evidenziando il rigore e il valore dello straordinario e difficoltoso lavoro svolto in questi anni, tutti i rappresentanti dei soci hanno unanimemente rivolto il proprio elogio al presidente uscente, notaio Carlo Saggio, sottolineandone in particolare la coerenza e la precisione, e ringraziato tutti gli altri componenti del cda uscente – la prof.ssa Lina Scalisi, la dott.ssa Loredana Lauretta, il dott. Fabio Roccuzzo (già dimissionario dallo scorso 18 ottobre) – e la direttrice Laura Sicignano.

La Sala Verga del Teatro Stabile di Catania

L’assessore regionale Manlio Messina ha dichiarato che «il lieve ritardo nella designazione delle nuove nomine è stato dovuto solo alla necessità di individuare nomi all’altezza della istituzione»: «Le figure scelte oggi – ha proseguito Messina – sono tutte di alto profilo e ciò rappresenta un segnale che si vuole dare alla città: il Teatro non è un ‘assumificio’, bensì un luogo dove si realizza cultura, lasciando le persone libere di operare».

L’esterno della Sala Verga, foto Antonio Parrinello

«Il Teatro Stabile prosegue nel cammino di promuovere arte e cultura con un avvicendamento a scadenza naturale dei termini prestabiliti», ha detto l’assessore comunale alla Cultura Barbara Mirabella, delegata dal sindaco Salvo Pogliese nella riunione dell’assemblea dei soci del Teatro Stabile di Catania: «Un sentito ringraziamento lo rivolgiamo a chi ha operato con dedizione per difendere la tradizione del nostro teatro, frutto della lungimiranza dei padri fondatori, da Mario Giusti a Turi Ferro. Un teatro dal cuore siciliano che come Amministrazione Comunale abbiamo sempre sostenuto nonostante il gravoso dissesto finanziario, rispettando con doveroso ossequio gli autonomi indirizzi artistici e gestionali. La nuova governance individuata in sintonia con la Regione, secondo merito e competenza, darà un’ulteriore spinta al percorso di rinascita, sostenendo la cultura come faro autonomo di crescita e sviluppo della collettività».

La prof.ssa Scalisi che presiedeva l’Assemblea in assenza del presidente Carlo Saggio, trattenuto fuori Catania, ha ringraziato i soci «per il sostegno, la vicinanza e la fiducia e per la libertà in cui il cda si è potuto muovere»: «Ringrazio anche tutto il consiglio – ha detto – per aver operato in questi anni per riportare il teatro in sicurezza, rilanciandolo sul piano culturale e creando una reale connessione con il pubblico e con il territorio». La vicepresidente Scalisi e il consigliere Marcoccio, inoltre, hanno voluto ringraziare a nome del presidente e di tutto il cda la direttrice, dott.ssa Laura Sicignano, anch’essa presente alla riunione, per l’originalità e la competenza del suo operato.

La Slc Cgil di Catania, che non pochi motivi di scontro ha avuto con l’attuale consiglio di amministrazione dello Stabile e la sua direttrice Laura Sicignano, “saluta con grande soddisfazione” la nomina del nuovo cda dello Stabile, in particolar modo la nuova presidente Rita Gari Cinquegrana. Per il segretario generale della SLC Cgil, Gianluca Patanè, «con la nomina di Gari Cinquegrana è stata ascoltata la nostra richiesta.  La professoressa  si è diplomata alla storica scuola dello Stabile di cui è stata pure docente di Storia del teatro e dello spettacolo contribuendo alla crescita di molte  generazioni di attrici e attori. Così come auspicavamo, è stata scelta una personalità di alto livello che possiede anche una visione completa degli artisti del territorio. Nella sua lunga carriera ha dimostrato di essere una donna realmente competente anche in campo amministrativo e gestionale in città e nel ruolo di Sovrintendente del Teatro Bellini, aggiudicandosi grande stima a livello nazionale. Ringraziamo fortemente i soci: Il presidente Nello Musumeci, il sindaco Pogliese e l’assessore regionale Messina per la scelta e per aver messo al centro la storia e l’identità del nostro teatro etneo».

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.