Scelti i tre titoli vincitori del bando Corti teatrali del Catania Off Fringe Festival

Teatro e opera Si tratta de "L’intervista" di Alfredo Maria Le Boffe, "Dialoghi tra il piccolo me e il grande me" di Bruno Maurizio Prestigio, e "Inconvenienti borghesi" di Francesca Giancaspro. Saranno prodotti dal Teatro Stabile di Catania e programmati nella stagione 2023 della Sala futura

Scelti i tre titoli vincitori del bando Corti teatrali del Catania Off Fringe Festival. Si tratta de L’intervista di Alfredo Maria Le Boffe, Dialoghi tra il piccolo me e il grande me di Bruno Maurizio Prestigio, e Inconvenienti borghesi di Francesca Giancaspro. Ai tre vincitori, votati da una giuria di esperti, dal pubblico in sala e online, andrà il premio “Produzione Tsc for Ct Off 22” che li vedrà prodotti dal Teatro Stabile di Catania come spettacoli completi e programmati nell’ambito della stagione di Sala Futura 2023.

Un momento dello spettacolo “Incovenienti borghesi”

L’iniziativa del Teatro Stabile di Catania diretto da Luca De Fusco è stata realizzata d’intesa con il Catania Off Fringe con l’intento di valorizzare i giovani autori Under 35. Nell’ambito della collaborazione il Teatro Stabile di Catania ospiterà a Sala Futura nel 2023 anche un altro spettacolo presentato nell’ambito del Catania Off Fringe Festival:  La Signorina Else, novella scritta da Arthur Schnitzler, riadattata da Claudio Ottavi Fabbrianesi, autore e regista dello spettacolo.

Un momento dello spettacolo “Dialoghi tra il gran me e il piccolo me”

«Questa collaborazione con il Catania Fringe Festival arricchisce il Teatro Stabile di Catania – dichiara il direttore Luca De Fusco – che nella sua mission istituzionale deve anche dar voce agli Under 35 che saranno i protagonisti del nostro teatro futuro».

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.