Catania, Università e Teatro Stabile celebrano il Dantedì leggendo il XXVI Canto dell’Inferno

Cultura Grazie alla collaborazione con il Teatro Stabile di Catania, l’Università di Catania ha realizzato per il Dantedì, giornata dedicata a Dante alighieri, un video della lettura dell'Inferno, nel quale gli attori Pietro Pace, Luca Iacono, Egle Doria, Simone Luglio, Franco Mirabella e Silvio Laviano hanno letto le terzine del XXVI Canto

Anche l’Università di Catania ha aderito alla giornata nazionale in onore di Dante Alighieri, che si è celebrata oggi, 25 marzo, data che gli studiosi individuano come inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia e che di recente è stata istituzionalizzata come Dantedì.

Grazie alla collaborazione con il Teatro Stabile di Catania, l’Università ha realizzato per questa occasione un video della lettura dell’Inferno, nel quale gli attori Pietro Pace, Luca Iacono, Egle Doria, Simone Luglio, Franco Mirabella e Silvio Laviano hanno letto le terzine del XXVI Canto, sulle musiche originali del compositore Edmondo Romano. Dalle 12 il video è stato pubblicato sui canali ufficiali dell’Ateneo e dello Stabile etneo e sulle pagine social, condiviso con gli hashtag #Dantedì, #IoleggoDante e #UnictxDantedì. 

All’iniziativa ha collaborato anche Radio Zammù con una poesia, tratta da “Le rime”, letta da quattro speaker, ognuno rigorosamente da casa propria. I docenti dell’Ateneo Rosario Castelli e Andrea Manganaro (Letteratura italiana, Dipartimento di Scienze umanistiche) sono inoltre intervenuti con due contributi video e le lezioni a distanza di discipline letterarie dei corsi di studio dell’Università di Catania, tramite la piattaforma MS Teams, sono state dedicate al Sommo Poeta. All’iniziativa ha aderito anche l’Associazione degli Italianisti Italiani, con cui Unict collabora da anni, coinvolgendo a distanza gli alunni di moltissime scuole siciliane.

 

 

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.