giovedì 18 ottobre 2018

giovedì 18 ottobre 2018

MENU

La piuma bianca

E' un fatto

Blog

Sono i fatti di questi giorni, di assassini di donne con pene ridotte, di stupratori di dottoresse che hanno prestato aiuto, di segregazioni casalinghe di giovani compagne nella stessa nostra città, che hanno mosso la biro di Riccardo La Spina in questa sua nuova tavola “Donna”. Io ho scarabocchiato a parole il mio sentire su questa ferita umana, che dovrebbe essere, nel ventunesimo secolo di una civiltà, solo un brutto ricordo della lontana preistoria


di Sergio Mangiameli

Donna, disegno di Riccardo La Spina

Nasciamo tutti da una donna, è un fatto. E basterebbe questo per portare dentro fino all’ultimo respiro, una linea di rispetto e un fiotto di gratitudine verso tutte. Soprattutto se siamo uomini, non solo maschi, che prendono con la forza i corpi delle donne e li usano con violenza. Perché è un fatto che le donne spente dai maschi, sono la vergogna e la pena degli uomini che restano.

Viviamo tutti con una donna, è un fatto. Altrimenti, sopravviviamo ai margini del mondo. Ed è sempre una donna, che fa di un ragazzo un uomo. I grandi uomini hanno dietro donne normali, in cui la loro grandezza sta nell’averle sapute capire, le loro donne. E’ un fatto.

Abbiamo figli e diventiamo padri. Facciamo figlie e nasciamo daccapo, imparando il codice muto del segreto della vita, che non sta nella competizione, ma nella condivisione. E’ un fatto.

L’ultimo sguardo lo mandiamo alla nostra prima donna, quella d’inizio, quella che ci ha spinto verso la luce, della quale ricordiamo ancora, l’odore, il fiato, le carezze.

E’ un fatto che spesso manca, ricordarci di mantenere vivo il sorriso delle nostre donne, madri, mogli, compagne, amanti, figlie, nonostante tutto. Fosse solo per goderne e immaginare per un attimo, solo un attimo, che senza quel sorriso, sarebbe tutta un’altra storia.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 05 ottobre 2017




Sergio Mangiameli

Il senso di appartenenza, come ostinato segnavia, con l’ambiente naturale. Sono presente su Facebook


ULTIMI POST

Restare o andarsene? Nel nome di Empedocle noi rimaniamo

Perché abbandonare un gruppo WhatsApp nato per una rimpatriata fra gli ex giovani di via Empedocle? Perché qualcuno si oppone al blocco della nave Diciotti al porto di Catania e lo scrive? Nel nome del filosofo che duemila e cinquecento anni fa combattè la tirannia, dovremmo rimanere. Siamo stati, siamo e solo così saremo persone aperte. Rimanendo

Dio, che domanda!

Il primatologo giapponese Matsuzawa ci dice che lo scimpanzè è più creativo dell'uomo che, invece, vanta il linguaggio che permette la condivisione. Vuol dire, quindi, che "Feisbuc" ci salverà? E se Dio fosse stato creato invece di essere creatore potremmo dare la responsabilità ai primati più creativi di noi?

Certo che ce la facciamo

Il 31 luglio di novant'anni fa la 16enne americana Betty Robinson vinceva l'oro dei 100 metri alle Olimpiadi di Amsterdam, la prima per le donne. A Berlino, nel 1936, rivinse l'oro nella staffetta. Nulla di strano se non fosse che 5 anni prima era stata data morta dopo un incidente aereo. Dedicato ai sedicenni di oggi e ai loro sogni. E a chi indirizza i loro sogni, e li aiuta a trovare l'antidoto che supera ogni caduta