Due siciliane in lizza per diventare la nuova “regina italiana dello shaker”

Vengono da Palermo e da Giardini Naxos due delle migliori barlady d’Italia: Adriana Firicano e Francesca Armanno sono infatti state selezionate, tra le centinaia di partecipanti, per le finali nazionali di Lady Amarena 2019, l’unico concorso esclusivamente riservato all’altra metà della mixology” e promosso da Fabbri 1905, in programma a Bologna il prossimo 15 ottobre.

La palermitana Adriana Firicano

La palermitana Adriana Firicano

Le due lady siciliane affronteranno a suon di cocktail altre 8 barlady nazionali (in totale una rosa di 10 artiste del bancone) per eleggere la nuova “regina italiana dello shaker”. Ma non ci sarà tempo per assaporare la gloria: dopo appena 24 ore la vincitrice tricolore sarà infatti chiamata a fronteggiare le 11 “colleghe” (12 con l’Italia) provenienti dai cinque continenti – dalla Nigeria agli Emirati Arabi, passando per la Cina e Singapore – che si sfideranno nella finalissima che decreterà la nuova “signora della mixology” del pianeta.

La giardinese Francesca Armanno

La giardinese Francesca Armanno

Lady Amarena è infatti l’unico concorso internazionale che dal 2015 premia le signore dei cocktail, una minoranza agguerrita e preparata, che sta portando un vento di cambiamento nel settore.

Vento che si respira anche nelle ricette proposte dalle top 10 italiane, che nei loro cocktail hanno distillato forza, equilibrio, dolcezza, creatività ma anche contraddizioni, difficoltà e voglia di riscatto. Dall’omaggio alla “Lupa” di Verga al Carosello, dall’apologia delle “donne ribelli” al regalo di compleanno di una mamma per il suo piccolo, le creazioni delle lady comunicano ed esaltano la complessità dell’animo femminile.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.