Alessandro Idonea riparte dal padre Gilberto: «Con “Liolà” debuttai a 3 anni, oggi riprendo la sua regia»

Teatro e opera Giunto all’undicesima edizione, il cartellone teatrale, intitolato al suo creatore, torna in scena al Metropolitan di Catania con 5 spettacoli e un fuori abbonamento grazie alla direzione artistica di Alessandro Idonea, figlio dell’attore scomparso. Si ricomincia il 19 e 20 novembre con il pirandelliano “Liolà” con lo stesso Idonea in scena nel ruolo del protagonista: «Dopo due anni di “sofferenza” a causa della pandemia, questo è l’anno della ripartenza»

Saranno cinque spettacoli, più uno fuori abbonamento, all’insegna della migliore commedia. Sono queste le premesse della undicesima “Stagione a 4 Stelle – Gilberto Idonea”, in scena dal 19 novembre al 14 maggio 2023 al Teatro Metropolitan di Catania. Una rassegna firmata artisticamente dall’attore e regista Alessandro Idonea, figlio del compianto mattatore che nel 2012 aveva inaugurato un cartellone di enorme successo, memoria storica del teatro in Sicilia. «Dopo due anni di “sofferenza” a causa della pandemia, questo è l’anno della ripartenza – sottolinea Idonea -. Come facciamo da undici anni, concilieremo qualità della proposta artistica e divertimento misto a spensieratezza per il nostro pubblico».

Alessandro Idonea, foto di Dino Stornello

Una proposta, quella della “Stagione a 4 stelle”, che non può prescindere dal teatro di tradizione che è stata la cifra stilistica già dalla prima edizione ideata da Gilberto Idonea, ma che oggi va oltre. La grande apertura di stagione, sabato 19 (alle ore 17.30 e alle 21) e domenica 20 novembre (alle 17.30), è affidata al pirandelliano “Liolà”, dove Alessandro Idonea, nei panni di Neli/Liolà, è affiancato dai nomi forti della compagnia come Bruno Torrisi (lo zio Simone), Manuela Ventura (Tuzza), Loredana Marino (Mita), e Giovanna Criscuolo (zia Croce). Ad essi si affiancano Angela Sapienza, Antonella Cirrone, Chiara Seminara, Anita Indigeno, Federica Fischetti e con la partecipazione di Carmela Buffa Calleo.

Il cast di “Liolà”

«Squadra vincente non si tocca – sottolinea Alessandro Idonea, che cura anche la regia – solo che stavolta dovranno misurarsi sì con la tradizione ma con un testo più “nobile”, quello del premio Nobel Pirandello. Io a mio volta riprendo la regia che fu di mio padre che era quella originale di Accursio Di Leo. Questo spettacolo mi lega a doppio filo a mio padre perché, grazie a lui, ho esordito nel 1988, a tre anni, nel ruolo di Tiniddu; e quello di Liolà è stato il mio primo ruolo da protagonista al Metropolitan nel 2017».

Va oltre la tradizione un nuovo protagonista del palcoscenico, l’autore, attore e regista giarrese Marco Cavallaro, da anni romano d’adozione, ormai da anni amico “fidato” della “Stagione a quattro stelle” e quest’anno torna il 28 e 29 gennaio con “Amore sono un po’ incinta” condivisa con l’attrice romana Sara Valerio: «Marco è una conferma per il valore delle sue commedie» sottolinea Idonea.

La locandina di “Amore sono un po’ incinta”

Un altro amico della “Stagione a quattro stelle” è l’attore napoletano Enzo Casertano, uno dei protagonisti di “Non ci resta che… ridere” di Antonio Grosso in scena il 18 e 19 febbraio: «Enzo è il terzo anno che torna da noi, questa volta con una compagnia tutta napoletana (con lui Marta Bolignano, Francesco Procopio e Giuseppe Cantore nda) – e siamo sicuri che sarà un successo». E un amico indiscusso della Stagione a 4 stelle è proprio il teatro napoletano, che non manca quasi mai: «Il teatro napoletano, come quello siciliano, rappresenta la tradizione del palcoscenico – commenta Idonea -. Autori come De Filippo o Scarpetta li abbiamo sempre rappresentati in Sicilia, spesso con i testi tradotti nel nostro idioma, perché la consideriamo, forse, la drammaturgia più alta». “Non ci resta che… ridere” è ovviamente un testo nuovo ma attinge a piene mani ad un patrimonio scenico consolidato: «Per i napoletani, come per i siciliani, il teatro è nel dna».

Marta Bolignano, Francesco Procopio, Giuseppe Cantore e Enzo Casertano

Domenica 26 febbraio, fuori abbonamento, tornano sullo stesso palcoscenico Alessandro Idonea e Carmelo Caccamo con una versione teatrale di “Cavalleria rusticana” un omaggio a Giovanni Verga, nel centenario dalla morte. Idonea: «Entrambi abbiamo una stagione al Metropolitan, quindi per non scontentare nessun abbonato abbiamo scelto il fuori abbonamento».

Carmelo Caccamo

Tornando alla “Stagione a 4 stelle – Gilberto Idonea” un altro grande ritorno è quello dell’attore augustano Antonello Costa che sarà in scena il 15 ed il 16 aprile con “C’è Costa per te”: «Siamo felici di questo ritorno. Lui fece parte del primo nucleo di attori che inaugurò la Stagione a 4 stelle nel 2012, formato da mio padre Gilberto, Antonello Costa appunto, Nino Frassica e Pino Caruso».

Antonello Costa

Promette scintille un grande classico napoletano – “Miseria e nobiltà” di Eduardo Scarpetta, che chiude la rassegna il 13 e 14 maggio – con Idonea nel ruolo di Felice Sciosciammocca e l’attore nisseno Vincenzo Volo in quello di Pasquale: «Anche qui la squadra sarà molto importante, con il debutto di Volo nella nostra famiglia teatrale, e i ruoli di due mattatrici come Giovanna Criscuolo e Loredana Marino».

Vincenzo Volo e Giovanna Criscuolo

Informazioni
Abbonamenti a 5 spettacoli:
poltronissime € 70, ridotto € 60; poltrone € 60, ridotto € 50; distinti € 50, ridotto € 40. Ridotti: over 60, under 18, universitari e convenzionati. Info ai numeri 095322323 e 337951927 o via mail a eventi@associazionegags.it. Prevendite al botteghino del Teatro Metropolitan (via Sant’Euplio 21 a Catania) dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.
Tutti gli spettacoli saranno messi in scena il sabato alle ore 17.30 e alle ore 21; la domenica alle ore 17.30.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.