Velisti per cultura, Siracusa celebra il suo mare

Eventi Domenica 6 settembre al Foro Italico di Siracusa intervengono le istituzioni, le associazioni ed i cittadini per aprire una finestra di conversazione sulla cultura del mare e il rispetto dell’ambiente. L’evento, che vede la collaborazione di Comune, Capitaneria di Porto, Demanio marittimo regionale, Lega Navale e Circoli Velici cittadini è stato ideato e realizzato dall’Associazione culturale Opera

Immergersi nel mondo della vela con una visita guidata delle imbarcazioni, ma anche laboratori creativi per bambini, talk interview sul rispetto dell’ambiente, una mostra fotografica dedicata al mare ed una lettura per ricordare il talentuoso apneista siracusano Enzo Maiorca. È in arrivo “Velisti per cultura” la manifestazione sulla cultura del mare e della vela che si svolgerà al Foro Italico di Siracusa, domenica 6 settembre 2020, dalle 17 in poi. L’evento è realizzato in collaborazione con il Comune di Siracusa, Siracusa Città Educativa, la Capitaneria di Porto, il Demanio marittimo della Regione Siciliana, la Lega navale, i Circoli Velici siracusani e la Federazione Italiana Vela.

«Questa iniziativa ha come obiettivo valorizzare una risorsa fondamentale per la città di Siracusa – ha spiegato Rita Gentile, Assessore comunale alle Politiche di Inclusione –, che appartiene all’identità dei siracusani: il mare. Tutto ciò che può aiutare il cittadino a comprendere e soprattutto a conoscere maggiormente questa risorsa, che nel passato si è rivelata vitale e intorno alla quale ruotava la maggior parte dell’economia locale, deve essere senz’altro recuperato, valorizzato e portato alla luce. All’interno di questa logica siamo stati ben felici di accogliere la proposta avanzata dall’associazione Opera, poiché vorremmo che oggi, nel 2020 e alla luce di un cambiamento sociale non indifferente, il mare nella sua veste di bene comune continuasse a rinnovare la propria forza in termini sia economici che culturali. Recuperare quel valore attraverso il quale numerose generazioni che si sono susseguite hanno impostato la propria vita sembra dunque essere un presupposto che ci restituisce considerevoli riflessioni. È importante sottolineare, inoltre, che queste iniziative si realizzano grazie alla felice sinergia tra Enti. Le istituzioni, in questo caso insieme al mondo dell’associazionismo, scendono in campo per perseguire un fine comune. Ringraziamo la Capitaneria ed il Demanio Marittimo Regionale che hanno permesso la realizzazione di questa attività».

Nel corso della manifestazione è prevista una mostra fotografica a cura di Marcello Bianca, un laboratorio sui nodi marinareschi «Annodando» realizzato dai dipendenti in pensione della “Mari base di Augusta” e il laboratorio creativo «Letture e origami in barca a Vela» pensato da Rossana Geraci di Siracusa Città Educativa, Carovana Clown, AnimaMente ed Olga Perfiloeperdisegno, rivolto ai bambini dai 6 ai 12 anni.

A disposizione ci sarà uno spazio riservato all’iniziativa sulla parte della banchina del Foro Italico, in corrispondenza dell’altrettanto spazio acqua in cui sono previsti due approdi in totale che vedranno protagoniste le barche a vela della Lega Navale, presieduta da Antonino Amato e del Circolo Velico Lakkios, guidato dai fratelli Scimonelli. 

Il Foro Italico di Siracusa

A raccontare la propria esperienza in mare sarà anche Ivan Branciamore, delegato nazionale della Federazione Italiana Vela e componente del Circolo Velico Ribellino

L’assessore comunale all’Ambiente Carlo Gradenigo e l’associazione Rifiuti Zero, guidata da Emma Schembari, affronteranno il tema della tutela dell’ambiente ed il rispetto che ci legano a questa risorsa. La Sovrintendenza del mare sarà raccontata dall’assessore comunale alla Cultura, Fabio Granata. La storia del Museo del mare e dello storico buzzetto siracusano, l’imbarcazione tipica dei pescatori oggi impiegata per la Regata dei Quartieri storici, saranno raccontati da Augusto Aliffi e da Emanuele Schiavone, presidente dell’associazione Il Gozzo di Marika. La manifestazione si chiuderà con l’attrice Katia Annino che leggerà alcuni estratti dai testi di Enzo Maiorca. 

«Abbiamo raccolto l’invito di un nostro concittadino che ci ha sottoposto l’eventualità di dedicare una giornata che fosse interamente rivolta alla cultura del mare e delle velaha raccontato il presidente dell’Associazione Culturale Opera, Giuseppe Messina . Il progetto è nato con l’obiettivo di creare uno spazio di riflessione attiva su un argomento che si innesta nelle nostre radici e che si ancora, seppur in modo diversi, alla storia di ciascuno di noi. Dal momento in cui ci si è prospettata l’opportunità di collaborare con gli Enti, che ci hanno accordato il loro supporto, abbiamo cercato di immaginare un pomeriggio di settembre durante il quale parlare delle realtà che sul territorio, ogni giorno, scrivono una pagina di sport, tradizione e cultura. Dobbiamo ringraziare, ancora una volta, la lungimiranza e sensibilità degli imprenditori siracusani che hanno scelto di esserci sostenendo l’iniziativa economicamente».

Programma

17.30 – Introducono 

Giuseppe Messina e Lucia De Luca 

Intervengono sul palco 

Rita Gentile Assessore comunale alle Politiche di Inclusione, Rossana Geraci, Dott.ssa Caterina Galasso, Ivan Branciamore Fiv e Circolo Velico Ribellino, circolo Lakkios, Lega Navale

18.00 – La Sovrintendenza del mare 

Fabio Granata Assessore comunale alla Tutela e valorizzazione dei Beni e Attività culturali

18.15 – Il museo del mare, un tesoro nascosto 

Augusto Aliffi

18.30 – Il Buzzetto siracusano 

a confronto con Emanuele Schiavone dell’associazione Il Gozzo di Marika 

18.45 – Tutela del mare e dell’ambiente. Talk interview 

ne parliamo con Emma Schembari di Rifiuti Zero, l’Assessore comunale all’Ambiente Carlo Gradenigo e la Capitaneria di Porto

19.00 – videoproiezione “Per voi cos’è la cultura?”

19.15 – Katia Annino legge Enzo Maiorca 

È d’obbligo indossare la mascherina e mantenere il distanziamento sociale. L’evento si terrà nel pieno rispetto delle normative ministeriali in materia di prevenzione e contenimento del contagio del virus Covid-19.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.