venerdì 24 maggio 2019

venerdì 24 maggio 2019

MENU

"Una lunga attesa", quattro donne "contro" un destino comune

Recensioni

Lo spettacolo diretto da Nicola Costa, andato in scena alla Sala Chaplin di Catania, è uno spettacolo godibile e dal ritmo serrato che parla di donne e delle loro frustrazioni, di quanto le delusioni della vita possano influire in modo inaspettato sul destino di ciascuna


di Lavinia D'Agostino

Quattro donne, quattro storie, un uguale destino. Sono le protagoniste di “Una lunga attesa” di Fabrizio Romagnoli messo in scena dal 5 all'8 maggio alla Sala Chaplin di Catania con la regia di Nicola Costa, per la rassegna “La carrozza degli artisti”.
Eli, Flami, Miky e Vale sembrano quattro amiche, ma non lo sono, e lo si capisce subito. Troppo diverse, troppo arrabbiate, troppo deluse, al punto da risultare ciascuna insopportabile e modo suo, violenta a modo suo, in un crescendo di intolleranza che le porterà a svelarsi, e rivelarsi, a suon di urla.

Alice Sgroi e Elisa Franco in scena - ph Dino Stornello

Introdotto da una voce fuori campo che si diluga più del dovuto, la scena si apre con l'attesa di Miky (Elisa Franco) che poi racconterà essere una casalinga e moglie "perfetta", poi raggiunta da Flami (una sorprendente Carmela Sanfilippo a cui va il merito di aver retto tutta la scena), una “sciocca” e impaurita segretaria di buona famiglia, Vale (la giovane Viviana Toscano) una ragazza rozza e incazzata col mondo e con la vita, forse perché non ha ancora capito chi è, e costantemente alla ricerca di una “guida”, ed Eli (una convincente Alice Sgroi), donna avvenente e senza scrupoli.
“Una lunga attesa” è uno spettacolo che parla di donne e delle loro frustrazioni, di quanto le delusioni della vita possano influire in modo inaspettato sul destino di ciascuna, offrendo una visione che, per quanto veritiera per certe sfumature, risulta assolutamente “parziale”, che indaga cioè solo alcuni aspetti dell'essere femminile senza mai andare fino in fondo a scandagliare l'anima delle protagoniste.

Viviana Toscano e Carmela Sanfilippo in scena - ph Dino Stornello

Pochi i comuni denominatori che collegano le quattro protagoniste, uno su tutti il ruolo che le madri hanno giocato nella vita di ciascuna di queste donne. Nella messiscena di Nicola Costa, – nel suo insieme godibile ma un po' sopra le righe, a nostro avviso – le attrici hanno dato una grande prova, mantenendo il ritmo serrato ed esasperato che richiede il testo. Anche se un po' troppo “urlato” in alcuni passaggi.

Una menzione particolare va a Carmela Sanfilippo, superba attrice catanese che ritorna in città dopo alcuni anni all'estero, che nel ruolo di Flami riesce egregiamente ad alternare momenti di grande ironia a momenti di grande commozione, bene interpretando il personaggio disagiato anche nelle sue movenze.
Eli, Flami, Miky e Vale sono quattro donne divise in due fazioni: Micky e Flami da una parte, ed Eli e Vale dall'altra. Quella che dovrebbe essere una partita a carte tra “amiche” si trasforma subito in un gioco di forza e potere, di falsità, di lotta alla sopravvivenza, un gioco di supremazie su chi riesce ad avere la meglio sulle altre: ne viene fuori un gioco al massacro fatto di accuse, illazioni, confessioni e rivendicazioni all'ultimo respiro.

Alice Sgroi, Elisa Franco, Nicola Costa, Viviana Toscano e Carmela Sanfilippo - ph Dino Stornello

Lo spettatore si trova dunque catapultato in questo gioco psicologico e violento, non sapendo bene per chi patteggiare, perché conosce di ognuna sia la maschera, sia l'intimo pensiero. Quando la calma sarà finalmente ristabilita e la partita a carta sembra poter avere inizio, un finale assolutamente a sorpresa spiazzerà gli spettatori.
Spettacolo godibile e molto applaudito, ma stiracchiato sul finale, quando una voce fuori campo spiega al pubblico l'epilogo già palesato in scena. Assolutamente superfluo.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 07 maggio 2019





Lavinia D'Agostino

Palermitana classe '78, vive a Catania per scelta. È convinta che due cose la leghino a questa città: l'accoglienza e l'allegria. È iscritta all'Ordine dei Giornalisti dal 2000 ed è giornalista professionista dal 2014. Nel tempo libero ama conoscere, parlare e cucinare.


TI POTREBBE INTERESSARE

Choròs, il sapore antico delle voci della tragedia

Un'altra convincente rappresentazione al teatro greco-romano di Catania dell'Amenanos Festival: con "Choròs", Daniele Salvo, con le voci di Melania Giglio e Giulia Diomede e le musiche dell'ensemble della Cappella Tergestina, ha messo insieme palpitanti spezzoni tratti da per Aiace di Sofocle, Baccanti di Euripide, Edipo Re di Sofocle, Edipo a Colono di Sofocle, Coefore di Eschilo e Eumenidi di Eschilo

Federica Reale, grinta ed eleganza per la giovane pianista catanese

Ospite della Società Catanese Amici della Musica, con un repertorio otto-novecentesco la 18enne concertista ha convinto il pubblico accorso per lei al Kakane palace Hotel di Catania

Siracusa la città delle donne che dicono no alla guerra degli uomini

C'è l'Euripide più antimilitarista nelle due tragedie della 55esima stagione classica dell'Inda. Ha aperto le danze la multiforme e poetica visione della scena di Davide Livermore che ha ridato, nel bene nel male, a "Elena" la dignità di donna, mentre Muriel Mayette-Holtz con "Le troiane" ha dato alla parola delle donne il potere di contraddire l'ineluttabile violenza maschile

Con "Prometheus" buona la prima dell'Amenanos Festival

L'opera di Eschilo, in scena al Teatro greco romano di Catania, ha tenuto a battesimo lo sfizioso cartellone ideato da Michele Di Dio, una tragedia classica in versione integrale dal risultato davvero convincente grazie alle idee registiche di Daniele Salvo e al cast di bravi attori. Su tutti Alessandro Albertin che è stato un Prometeo superbo e orgoglioso

In "Nove" Egle Doria interpreta se stessa per una denuncia sociale

E' andato in scena al Teatro del Canovaccio di Catania l'intellligente spettacolo diretto da Nicola Alberto Orofino in cui l'attrice catanese, che con grande disinvoltura ha attraversato tutti i registri, ha denunciato la necessità di lottare per i diritti Lgbt

Gioia e dolore, matrimonio perfetto in West Side Story

La Camerata Polifonica Siciliana ha vinto la difficile sfida di mettere in scena al Sangiorgi di Catania la versione cameristica per due voci, due pianoforti e percussioni del più celebre musical di tutti i tempi