Blog

Una granita Fava, per favore

Blog Fabrizio Gifuni, in "Prima che la notte", ce lo ha fatto rivivere in maniera commovente, perfetto anche nella cadenza catanese. Pippo Fava incarnava il tipico catanese, amante della bella vita e godereccia che affrontava con coraggio e che respirava a pieni polmoni. Per rendergli omaggio io stesso vorrei mangiare la granita al caffè e panna che si faceva preparare al bar Calì, perché anche io sono un malinconico catanese, ma anche godereccio

1984, esce il primo disco dei Denovo, “Niente insetti su Wilma”, e da quel momento a Catania non sarà più la stessa cosa. Adesso le strade nere e polverose hanno una colonna sonora che per contraddizione accompagna i morti ammazzati sui selciati e sui bar, incaprettati dentro i portabagagli delle auto. E tanta sfrontatezza nell’esibire benessere e soldi, rolex ai polsi e Lacoste ai petti, potenti moto di grossa cilindrata che sostano nei bar più alla moda di corso Italia, e in alto palazzoni eleganti che offrono viste impareggiabili sul lungomare. Questa è una delle sequenze iniziali e più significative del film “Prima che la notte” di Daniele Vicari che racconta l’ultima notte di Giuseppe Fava e tutto quello accade prima, dal suo ritorno da Roma nella città che lo aveva adottato. Fabrizio Gifuni, uno dei migliori attori italiani ce lo fa rivivere in maniera commovente, perfetto anche nella cadenza catanese. Quella città che molti vedono estranea alla mafia e che invece ha decretato la vittoria del suo unico padrone, Nitto Santapaola, più un Monarca che un rappresentante dell’oligarchia palermitana di Cosa Nostra. Ma tutti sapevamo in città, di quel calderone di connivenza tra poteri forti, economia e criminalità organizzata, ma di cui il solo Pippo Fava, dalle pagine de “I Siciliani” scrisse pubblicamente, e per questo pagò con la morte. Lui incarnava il tipico catanese, amante della bella vita e godereccia che affrontava con coraggio e che respirava a pieni polmoni, del mare di Ognina e dei frutti di mare, e di quella granita al caffè e panna a strati che si faceva preparare appositamente al bar Calì, e che io stesso vorrei mangiare, magari con Lucio Lanza che l’ha ricordata, perché anche io sono un malinconico catanese, ma anche godereccio. Così lo omaggerei, ordinando la granita “Fava”.

Fabrizio Gifuni-Pippo Fava e i carusi de I siciliani in Prima che la notte

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.