“Ti chiami Rosalia”, l’omaggio di Manutsa alla Santuzza di Palermo

Musica Il brano, scritto e cantato dalla cantautrice palermitana, e prodotto da Denis Marino e Roberto Terranova per l’etichetta Musica Lavica, è uscito proprio il 15 luglio, in occasione del "Festino" di Palermo che quest'anno non si è celebrato a causa delle misure ristrettive anti Covid 19

Si chiama  “Ti chiami Rosalia” l’omaggio di Manutsa alla sua Santuzza. Il brano, scritto e cantato dalla cantautrice palermitana, e prodotto da Denis Marino e Roberto Terranova per l’etichetta Musica Lavica, è uscito proprio il 15 luglio, in occasione del “Festino” di Palermo che quest’anno non si è celebrato a causa delle misure ristrettive anti Covid 19.
Manuela Di Salvo, in arte Manutsa, è una cantautrice siciliana electro-folk che ha scoperto, attraverso lo studio antropologico della sua terra, le diverse inflessioni dialettali: da oriente ad occidente, facendone un linguaggio unico siciliano.

Dopo aver studiato pianoforte e canto presso il Conservatorio di Musica di Palermo, Manuela Di Salvo ha scoperto il suo talento nell’interpretazione dei canti popolari e tradizionali siciliani e ha iniziato a portare sui palchi di svariati festival, di diverse manifestazioni e locali palermitani la tradizione musicale siciliana: da Rosa Balistreri a Giuni Russo fino agli antichi canti popolari.
Più di tre anni fa ha iniziato un nuovo viaggio,  la produzione di un disco electro-folk in lingua siciliana per il quale si è ispirata a band di carattere internazionale come Radiohead, Massive Attack, Portishead e allo stile cantautorale di Fabrizio De Andrè.
E’ prossimo alla pubblicazione, per Musica Lavica Records , il disco “Parru cu Tìa” – la voce delle donne: disco/concept che racconta e canta la donna siciliana, osservata nelle sue diverse sfaccettature.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.