Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania, sarà Giovanni Cultrera il Sovrintendente

Musica La Regione siciliana forma il decreto di nomina, si attende la controfirma del concertista ragusano per l'ufficializzazione. Dovrà gestire un ente attualmente senza risorse per andare avanti

Arriva il via libera dalla Regione siciliana per la nomina di Giovanni Cultrera di Montesano, nuovo sovraintendente del Teatro Vincenzo Bellini di Catania. Il pianista ragusano lascia quindi il suo ruolo di direttore artistico della Fondazione Teatro Garibaldi di Modica. Per ufficializzare la nomina si attende la firma del concertista ibleo. Cultrera ha una formazione giuridica alle spalle, essenziale per una gestione manageriale di un ente lirico come il Bellini in grave crisi di liquidità. La tesi di laurea di Cultrera verteva proprio sulla trasformazione degli enti lirici in fondazioni di diritto privato. Si occupa tutt’oggi di enti lirico-sinfonici in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni. È stato direttore artistico della stagione concertistica internazionale della Fondazione Teatro Garibaldi, Ibla Classica International e Ibla Sacra International. E’ il titolare della Cattedra di prassi esecutiva e repertorio pianoforte per il biennio di specializzazione nel corso di laurea in Discipline Musicali all’Istituto Superiore di studi musicali Vincenzo Bellini e, docente, nello stesso corso di Diritto e Legislazione dello Spettacolo e Organizzazione dello Spettacolo Musicale. Il teatro Bellini di Catania è in attesa di 13.600.000 euro dall’Assemblea regionale siciliana per la stagione 2020, fondi essenziali per la sua sopravvivenza. Se questi soldi non dovesse essere stanziati il teatro andrà liquidazione nel 2021, ma la stagione lirico-sinfonica si fermerebbe già il prossimo giugno.

Giovanni Cultrera di Montesano

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.