mercoledì 24 aprile 2019

mercoledì 24 aprile 2019

MENU

Su i calici che profumano di Etna

Calici & Boccali

Domenica 14 e lunedì 15 aprile il Castello Romeo di Randazzo ospita i vini di 72 cantine chiamati a raccolta per "Contrade dell'Etna"


di Giusy Messina

“A Muntagna” in un calice. Domenica14 e lunedì 15 aprile torna per il dodicesimo anno l'appuntamento con “Contrade dell' Etna”, la kermesse per appassionati winelovers promossa ed organizzata da Andrea Franchetti, patron dell'azienda Passopisciaro, che si terrà al Castello Romeo di Randazzo. Settantadue le cantine partecipanti, tra le storiche e le giovani, che, novità di questa edizione, potranno portare in degustazione sia le annate più recenti, alle quali è dedicata la giornata di domenica 14 aprile, ma anche quelle meno recenti che invece saranno presentate lunedì 15 aprile.

Il Castello Romeo di Randazzo

Per “Contrade dell' Etna” ci sarà spazio anche per la cucina. Dai Pennisi, l’apprezzata macelleria con cucina di Linguaglossa, Le Delizie dell’hotel Scrivano, titolare dello stesso Castello Romeo, e il ristorante Veneziano, entrambi di Randazzo, saranno chiamati a preparare prelibate pietanze per gli appassionati winelovers.
Le aziende partecipanti a questa dodicesima edizione sono: Aitala, Al-Cantara, Alice Bonaccorsi, Alta Mora, Antichi Vinai, Azienda Agricola Contino Grazia Maria, Azienda Agricola Gumina, Azienda Agricola Gambino, Azienda Agricola Cantine La Contea, Azienda Agricola Sofia, Azienda Agricola Spuches, Azienda Agricola SRC, Azienda Agricola Tornatore, Azienda Vitivinicola Licciardello, Azienda Falcone, Barone di Villagrande, Benanti, Calcagno, Camporè, Camarda Sebastiano, Cantine di Nessuno, Cantine Nicosia, Cantine Russo, Cantine Valenti, Ciro Biondi, Contrada Santo Spirito di Passopisciaro – Tenuta Setteponti, Cottanera, Destro Vini, Donnafugata, Duca di Salaparuta, Edomè, Federico Curtaz, Federico Graziani, Feudo Cavaliere, Firriato, Fischetti, Frank Cornelissen, Giovanni Rosso, Giovi, Girolamo Russo, Graci, Gulfi, I Custodi delle Vigne dell’Etna, Irene Badalà, Massimo Lentsch, Monteleone, Murgo, Oro d’Etna, Palmento Costanzo, Passopisciaro, Pietradolce, Pietro Caciorgna, Planeta, Produttori Etna Nord, Quantico Vini, Sicily & Co, Sorelle Zumbo, Stagnitta srl, Tenuta Bastonaca, Tenuta di Fessina, Tenuta Masseria Setteporte, Tenuta Tascante, Tenute Bosco, Tenute di Nuna, Tenute Mannino di Plachi, Tenute Orestiadi – La Gelsomina, Terra Costantino, Terrazze dell’Etna, Theresa Eccher, Torre Mora, Travaglianti, Vini Scilio, Vivera


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 12 aprile 2019





Giusy Messina

Palermitana, classe '63, ama profondamente la sua Isola. Il suo motto è: con leggerezza si possono dire cose importanti. Si occupa di enogastronomia, storie, luoghi e territori, per raccontare una Sicilia nascosta e preziosa. Ha collaborato con il quotidiano L'Ora, La Repubblica, Cult. Ha scritto la prima guida de Il Movimento del Turismo del Vino in Italia, per la Sicilia. È giornalista pubblicista dal 1996.


TI POTREBBE INTERESSARE

Antonio Benanti: «I vini dell'Etna sono locomotiva dell'eccellenza siciliana»

Il presidente del Consorzio dei vini Etna Doc fa un bilancio del Vinitaly: «Un recente sondaggio di Wine Spectator dimostra come la grande platea conosce solo parzialmente l'Etna, è quindi necessario mappare il territorio approfondendo l'analisi su quello che ogni Contrada apporta ad ogni vino, per evitare che il territorio venga omologato»

E' nata l’associazione dei Produttori del Mamertino

La neo associazione presieduta da Flora Mondello mira a sviluppare il Consorzio di Tutela della Denominazione, e intanto si prepara a "debuttare" al Vinitaly 2019

Vinzia, la centometrista che ha dato sprint ai vini Firriato

Vinzia Novara Di Gaetano, amministratore delegato di Firriato con un passato da sportiva, dagli Anni 80 è il volto di una delle etichette più prestigiose che hanno dato slancio all'enologia siciliana: «In questi anni ho comunicato la mia terra, l'essenza ed il mio vino. Non da testimonial, ma da proprietaria di un'azienda che ho costruito con la mia famiglia»

Una festa celebra l'universo femminile del vino

Da sabato 2 marzo e per una settimana in tutta Italia si celebra “La Festa delle Donne del Vino”. In Sicilia si parte con due diverse iniziative a Marsala e a Noto, e si prosegue l'8 e il 9 marzo a Palermo e Catania

Palermo, piantate le prime viti per la rinascita dell'antico vigneto urbano

Si tratta della “Vigna del Gallo”, il progetto dell’Università di Palermo e del Consorzio di tutela vini Doc Sicilia che punta a ricreare un vigneto nello spazio naturale dell'Orto Botanico

La scommessa di Not: i vignaioli artigianali sono un patrimonio da salvare

Do Not Modify, Do Not Interfere, nessuna modifica, nessuna interferenza è il motto di Not, rassegna di vini franchi che si terrà a Palermo dal 12 al 14 gennaio. Franco Virga, uno degli organizzatori: «I vignaioli sono un patrimonio da salvare. Bisogna avviare un circuito che sostenga il vignaiolo, che sia remunerativo per lui e sostenibile per il consumatore finale»