Stagione classica 2023 a Siracusa, ecco i registi

Teatro e opera Dall’11 maggio al 2 luglio la stagione 2023 al Teatro Greco di Siracusa vedrà in scena "Prometeo Incatenato" di Eschilo per la regia di Leo Muscato, "Medea" di Euripide per la regia di Federico Tiezzi, la commedia "La Pace" di Aristofane per la regia di Daniele Salvo. Evento speciale sarà la messinscena de "Ulisse, l’ultima Odissea" spettacolo ideato e diretto da Giuliano Peparini

La Fondazione Inda annuncia la stagione 2023 delle rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa. Da giovedì 11 maggio al 2 luglio del prossimo anno sono in programma quattro spettacoli affidati a quattro registi italiani, con due ritorni, Federico Tiezzi e Daniele Salvo, e due debutti, Leo Muscato e Giuliano Peparini: Prometeo Incatenato di Eschilo per la regia di Leo Muscato nella traduzione di Roberto Vecchioni, Medea di Euripide diretta da Federico Tiezzi nella traduzione dal greco di Massimo Fusillo, la commedia La Pace di Aristofane per la regia di Daniele Salvo tradotta da Nicola Cadoni. Nel programma della stagione 2023 anche un quarto grande appuntamento: Ulisse, l’ultima Odissea, con la regia di Giuliano Peparini, in scena per quattro serate speciali a cavallo di giugno e luglio.

Teatro Greco di Siracusa

Col Prometeo Incatenato di Eschilo, che torna al Teatro Greco per la quinta volta, debutta a Siracusa Leo Muscato, regista di fama internazionale, famoso per le sue direzioni del teatro musicale barocco all’Opera House di Bonn e per gli spettacoli alla Fenice di Venezia, al San Carlo di Napoli, alla Scala di Milano, dove in aprile metterà in scena Le Zite ‘ngalera, commedia in musica di Leonardo Vinci, e in settembre la ripresa del Barbiere di Siviglia.

Leo Muscato, foto di Paolo Aquaro

Federico Tiezzi, regista, attore e drammaturgo fra i più importanti della scena contemporanea con una grande esperienza nella regia di testi classici e numerosi riconoscimenti come 13 Premio Ubu per regia e spettacoli, il Premio Abbiati a Die Walküre e il Premio Flaiano per Antigone nel 2018, dopo aver diretto Ifigenia in Aulide di Euripide nel 2015, ritorna al Teatro Greco con la Medea di Euripide, la tragedia della vendetta femminile, in scena a Siracusa per la settima volta. 

Federico Tiezzi, foto Luca Manfrini

Infine, in prima assoluta al Teatro Greco andrà in scena la commedia di Aristofane, La Pace, che racconta di Trigeo, vignaiolo dell’Attica, che sale sull’Olimpo per riportare la pace fra gli uomini. A dirigerla sarà Daniele Salvo, allievo di Ronconi, regista visionario con una lunga esperienza nel dramma antico che in questi giorni sta mettendo in scena Macbeth di Shakespeare al Globe Theatre di Roma. Daniele Salvo a Siracusa ha diretto Edipo a Colono del 2009, Aiace del 2010, Edipo Re del 2013 e Coefore Eumenidi del 2014.

Daniele Salvo, foto di Franca Centaro

La Fondazione Inda, reduce dal successo della 57° Stagione di rappresentazioni classiche, con oltre 140 mila spettatori, metterà in scena per la prima volta al Teatro Greco Ulisse, l’ultima Odissea, spettacolo ideato e diretto da Giuliano Peparini, regista e direttore artistico di fama internazionale, oltre che coreografo e ballerino di  grande versatilità, acclamato al Teatro dell’Opera di Roma per Lo Schiaccianoci e Le Quattro Stagioni, e all’estero per g 1789 (Francia), Le Rêve (Las Vegas), Romeo & Giulietta, e in grado di spaziare  dalle collaborazioni con artisti  del calibro di Claudio Baglioni (nell’ultimo anno con lo spettacolo Tutti Su! e in televisione con Ua!) a quella con gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana, per il secondo anno consecutivo nel loro Fashion Show per l’Alta Moda. Lo spettacolo è ispirato all’Odissea su libretto di Giuliano Peparini e Giuseppe Cesaro.

Giuliano Peparini, foto Mirta Lispi

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.