Siracusa tra le 10 candidate finaliste a Capitale della Cultura 2024

Beni culturali Lo ha reso noto il Ministero della Cultura. Le città selezionate verranno audite, in video-conferenza, il prossimo 3 e 4 marzo da parte della Giuria presieduta da Silvia Calandrelli che dovrà poi indicare al ministro Dario Franceschini la candidatura ritenuta più idonea

C’è anche Siracusa tra le 10 finaliste per l’edizione del 2024 della Capitale italiana della Cultura. Lo ha reso noto il Ministero della Cultura. Le città selezionate verranno audite, in video-conferenza, il prossimo 3 e 4 marzo da parte della Giuria presieduta da Silvia Calandrelli che dovrà poi indicare al ministro Dario Franceschini la candidatura ritenuta più idonea. Negli anni il titolo di Capitale della Cultura è stato assegnato alle città di Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna e Siena nel 2015; Mantova nel 2016; Pistoia nel 2017, Palermo nel 2018, Parma nel 2020 e nel 2021, Procida è la capitale del 2022, Bergamo e Brescia saranno le capitali nel 2023.

Ecco le altre nove città finaliste che si contendono il titolo di Capitale della Cultura per il 2024: Ascoli Piceno; Chioggia (Ve); Grosseto; Mesagne (Br); Pesaro; Sestri Levante con il Tigullio (Ge); Unione dei Comuni Paestum-Alto Cilento (Sa); Viareggio (Lu); Vicenza.

«Un ottimo risultato, frutto di un gioco di squadra. Ringrazio l’assessore Granata, il comitato organizzatore, i dipendenti comunali e tutte le istituzioni e i cittadini che hanno partecipato a questo importante risultato. Avanti tutta» il commento del sindaco Francesco Italia.

«La nostra città d’acqua e di luce è finalista per Capitale italiana di Cultura 2024. Viva Siracusa!!» il commento entusiasta di Fabio Granata, assessore alla Cultura della città.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.