venerdì 22 marzo 2019

venerdì 22 marzo 2019

MENU

"Sicilia libertaria", il giornale anarchico compie 40 anni

Media

Nato nel gennaio 1977, il foglio libertario, edito a Ragusa, annuncia tre appuntamenti celebrativi, il 22 gennaio a Palermo, il 26 gennaio a Catania e il 27 gennaio a Ragusa


di Redazione SicilyMag

«Questo mese di gennaio Sicilia libertaria compie 40 anni; un traguardo che nessuno si sarebbe aspettato quel gennaio del 1977 quando pubblicammo il primo numero ciclostilato». Con questo annuncio, il giornale degli anarchici siciliani, annuncia una serie di iniziative. Sud, autonomismo, militarismo, devastazioni ambientali, anticlericalismo, sindacalismo, lotte dei popoli nel Mondo, ma anche tanta cultura: libri, musica, cinema, storia, caratterizzano il mensile, che si stampa a Ragusa con una redazione sparsa nell’isola e anche all’estero. L’attuale formula - che sta riscuotendo l’apprezzamento dei lettori - con l’ultima pagina di grafica e la penultima monotematica, è frutto del recente e periodico sforzo di rinnovamento del giornale. «In 40 anni crediamo di essere diventati un punto di riferimento cercando sempre di coniugare coerenza di fondo e propaganda - commentano dal giornale -, diffondendo l’ideale anarchico senza produrre uno strumento di mera opinione, ma un periodico di stimolo alle lotte, sempre in prima fila nelle battaglie contro le ingiustizie e le manifestazioni della violenza statale e padronale.

Il numero 368 (gennaio 2017) dedica ai 40 anni una pagina speciale ed altri interventi sparsi, più una tavola del pittore Guglielmo Manenti in ultima pagina. La redazione, con il contributo dell’Archivio Storico degli Anarchici Siciliani e della Federazione Anarchica Siciliana, sta organizzando, inoltre, tre iniziative, rispettivamente a Palermo il 22 gennaio (Teatro Nuovo Montevergini, serale), a Catania il 26 gennaio (Teatro Coppola, serale) e a Ragusa il 27 gennaio (Centro Servizi Culturali, alle 17.30) per festeggiare al meglio, assieme a lettori e collaboratori, il “compleanno”. In queste occasioni i redattori affronteranno insieme ai presenti tutte le problematiche connesse alla vita e al ruolo del giornale. Seguirà la presentazione della mostra “I giornali anarchici e libertari siciliani dalle origini ai nostri giorni”, una esemplare rassegna che parte dal lontano 1870, con letture di brani e proiezione video a cura dell’A. S. A. S. Dopo aperitivi e/o cene sociali, si esibirà il gruppo sassarese Ificrate & i suoi Peltasti, con un repertorio di canzoni di lotta che va dall’Unità d’Italia ad oggi.

Per informazioni scrivere a info@sicilialibertaria.it

La prima pagina del numero di gennaio


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 21 gennaio 2017
Aggiornato il 26 gennaio 2017 alle 16:53





TI POTREBBE INTERESSARE

40 anni di Sicilia libertaria: «Siamo ancora qui, perché "non ci sono poteri buoni"»

Nel gennaio del 1977 nasceva il giornale anarchico dei siciliani diretto da Pippo Gurrieri, un giornale libero e responsabile, in cui non esiste la censura e nemmeno la pubblicità. Quarant'anni di ricordi, di volti, battaglie politiche e culturali qui raccontate da una delle sue migliori penne

Premio giornalistico Enrico Escher, entro il 31 marzo le adesioni

Nuova edizione di #FUTUROPRESENTE, promosso dall'Ateneo catanese, in memoria del giornalista catanese scomparso. Due le sezioni, reportage e videogiornalismo

"Sicilia libertaria", da 38 anni a Ragusa si compie un miracolo laico

Dai missili a Comiso al Muos, tante le battaglie del giornale anarchico nato nel gennaio 1977 nella città iblea e che da allora non ha mai smesso le pubblicazioni. Anzi, è molto letto anche all'estero e vanta traduzioni in spagnolo e francese. Il responsabile Pippo Gurrieri: «Grazie ai volontari della redazione è diventato un mezzo cercato dai lettori che amano bellezza e libertà»