Sergio Castellitto sarà Carlo Alberto Dalla Chiesa su Rai Uno

Visioni La serie in quattro puntate andrà in onda prossimamente sulla rete ammiraglia in occasione del 40° anniversario dalla strage di via Carini

Sergio Castellitto sarà il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa nella serie di Lucio Pellegrini, co-prodotta da Rai Fiction e Stand by me, che andrà in onda prossimamente su Rai1, in occasione del 40° anniversario dalla strage di via Carini (3 settembre 1982), in cui la mafia uccise il Generale Dalla Chiesa, sua moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente di scorta Domenico Russo.

Sergio Castellitto nei panni del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa

Una serie in 4 serate, prodotta da Simona Ercolani e scritta da Monica Zapelli e Peppe Fiore, girata tra Roma, Palermo e Torino che ripercorre la lotta condotta dal Generale dei Carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa negli anni Settanta contro le Brigate Rosse: per combatterle, Dalla Chiesa crea il “Nucleo Speciale Antiterrorismo”, un gruppo scelto di giovani carabinieri che agisce con metodi e mezzi innovativi per l’epoca. La guerra per la difesa della democrazia – che si snoda in un susseguirsi incalzante di vittorie e sconfitte – vede contrapposti, da una parte, un gruppo rivoluzionario clandestino, spietato, composto da terroristi spesso giovanissimi; dall’altra il generale e i suoi ragazzi, coi quali Dalla Chiesa vive un rapporto professionale e umano, continuo e profondo. Sullo sfondo dei misteri e delle trame della storia d’Italia, la serie accompagna la vita del Generale fino al 3 settembre 1982 quando, tornato a Palermo come prefetto speciale, verrà assassinato dalla mafia.

La serie è una co-produzione Rai Fiction – Stand by me. Una serie di Lucio Pellegrini, con la regia di Lucio Pellegrini e Andrea Jublin. Soggetto di serie, soggetti e sceneggiature di puntate: Monica Zapelli; soggetti e sceneggiature di puntate: Peppe Fiore; con la consulenza storica di Giovanni Bianconi. In onda prossimamente su Rai1.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.