lunedì 24 giugno 2019

lunedì 24 giugno 2019

MENU

Sebastiano Lo Monaco, 40 anni a teatro nel segno di Pirandello

Teatro

L’attore e regista di origini siracusane il 29 giugno festeggerà i suoi primi quattro decenni di carriera artistica ad Agrigento, città natale del Premio Nobel


di Redazione SicilyMag

Da 40 calca le scene dei teatri nazionali, dove ha interpretato centinaia di ruoli, ma più di tutti, ha privilegiato le opere di Luigi Pirandello e i classici del teatro greco, portando avanti il suo impegno sociale interpretando in esclusiva i testi di Piero Grasso. L’attore e regista Sebastiano Lo Monaco ha scelto di festeggiare i suoi primi quattro decenni di carriera artistica ad Agrigento, città nella quale dal 2015 dirige il teatro Pirandello, e lo farà giovedì 29 giugno con lo spettacolo dal titolo “Io e Pirandello” che si terrà alle 21 allo Spazio Temenos, una serata-evento inserita all’interno del festival “Strada degli scrittori”, in cui si racconterà attraverso le opere del maestro di Girgenti.

«Che il mio anniversario coincida con i festeggiamenti per i 150 anni della nascita di Luigi Pirandello è una bellissima coincidenza – ha spiegato Lo Monaco – ho dedicato una poderosa parte della mia carriera a interpretare e mettere in scena le sue opere”. Non a caso Pierluigi Pirandello, nipote del celebre drammaturgo, lo ha definito “interprete senza pari dell'arte di Luigi Pirandello».
Nato e cresciuto a Floridia (Siracusa), Lo Monaco proprio nel giugno di 40 anni fa faceva il suo ingresso nell’Accademia d’arte drammatica “Silvio D’Amico” di Roma. Dai primi anni Ottanta il suo nome campeggia nelle locandine dei più prestigiosi teatri italiani, diretto tra gli altri da Enrico Maria Salerno, Susan Sontag, Giuseppe Patroni-Griffi, Mario Missiroli, Roberto Guicciardini, Mauro Bologni e Federico Tiezzi.
Interprete giovanissimo di Shakespeare a Moliere, è però con Pirandello che ha conquistato (e ancora conquista) il cuore di pubblico e critica. Nel suo ricco carnet non mancano le interpretazioni e le regie di “Come tu mi vuoi”, “Berretto a sonagli”, “Così è (se vi pare)”, “Questa sera si recita a soggetto”, “Sei personaggi in cerca d’autore”, “Non si sa come”, “Enrico IV”.

Il suo personale legame di stima e amicizia con Piero Grasso si è trasformato in impegno sociale antimafia e si è fatto concreto tra il 2011 e il 2014 con le numerosissime repliche degli spettacoli “Per non morire di mafia” e “Dopo il silenzio”, entrambi scritti dall’allora procuratore antimafia Grasso e affidati in esclusiva a Lo Monaco. In concomitanza alle messe in scena, Sebastiano ha organizzato e partecipato a molteplici incontri pubblici e progetti in difesa della legalità, collaborando con Libera, Fondazione Antonino Caponnetto e Arci.
Nel cinema è stato don Gaspare ne “I Vicerè” di Faenza, l’imprenditore in crisi della Baària di Tornatore, e ha lavorato con Pupi Avati, Pasquale Festa Campanile, Liliana Cavani, Neri Parenti, Cinzia T. H. Torrini e sempre più numerose sono le sue apparizioni nelle serie tv. Prossimamente, sarà tra i protagonisti di una delle puntate de Il Commissario Montalbano, serie regina di Raiuno.
Ma il teatro rimane la sua dimora e, tra i tanti palcoscenici calcati, la cavea del teatro greco di Siracusa è il suo luogo dell’anima: qui Sebastiano è stato, tra gli altri, Agamennone con Roberto De Simone, Edipo Re con Roberto Guicciardini, Filottete con Giampiero Borgia, Eracle con Luca De Fusco. Il critico teatrale Enrico Groppali scrive di lui: «Pochi interpreti come Sebastiano Lo Monaco si dedicano al teatro con l’impegno, la partecipazione, la passione di un autentico uomo di cultura. Il contributo di Lo Monaco alla diffusione della cultura classica nella sua terra d’elezione è stato oltre che meritorio polivalente. Data la conoscenza da parte dell’attore non solo dell’ars antiqua ma dell’acquisizione diretta degli originali, il che gli ha consentito di viaggiare nel profondo di quegli stilemi e di quella cultura».
Una pioggia di onorificenze ha costellato il suo percorso: dalle nomination agli Olimpici del teatro per “Uno sguardo dal ponte” di Miller e “Il berretto a sonagli” di Pirandello nel 2003 e nel 2004 al premio Kaos di Agrigento destinato ai più grandi interpreti del teatro pirandelliano nel 2005 al premio speciale Elio Vittorini a Siracusa nel 2011 fino all’investitura, nel 2003, del titolo di Commendatore della Repubblica per meriti artistici e per l’impegno umanitario da parte del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.
Il suo impegno per il teatro siciliano in questi ultimi anni si è unito allo sforzo culturale di Moni Ovadia e Mario Incudine nel realizzare la rete dei teatri siciliani. «Se devo fare un consuntivo dei miei anni di attività artistica – ha dichiarato Lo Monaco – non posso non far risaltare la mia lunga storia d’amore con Pirandello e il teatro greco: sono loro le mie radici, la mia linfa siciliana, le mie pietre miliari”.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 27 giugno 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

"Estate al Castello Ursino", la nuova drammaturgia siciliana è di scena

Il maniero catanese ospiterà dal 15 giugno all'8 agosto la stagione estiva del Teatro Stabile: «Gli artisti coinvolti sono ad alta percentuale siciliana - dice il direttore artistico Laura Sicignano - soprattutto giovani, nell'auspicio di riportare in patria "cervelli fuggiti", per contaminare la tradizione con influssi contemporanei e vivaci

Col Biondo delle culture di Pamela Villoresi, l'umanità in movimento va in scena a Palermo

Presentata la stagione 2019-2020, intitolata "Traghetti", che inaugura la direzione dell'attrice e regista toscana del teatro pubblico palermitano: «Le culture come veicoli, strumenti, motori, ponti: traghetti. Noi partiamo da Palermo, noi approdiamo a Palermo». Si comincia il 25 ottobre con "Esodo", adattamento dell'Edipo re di Sofocle di Emma Dante

Alfio Scuderi: «Le mie Orestiadi sono un'idea per Gibellina»

La 38ª edizione del Festival Internazionale firmata per il secondo anno consecutivo da Alfio Scuderi, non sarà una semplice rassegna estiva ma un viaggio attraverso la parola, gli autori, le storie, con particolare attenzione al teatro narrativo. Si parte il 5 luglio con un lungo week end di racconti scandito da Luigi Lo Cascio, Roy Paci e Ninni Bruschetta

«Che il Dioniso della rinascita danzi al Teatro Stabile di Catania»

Questo è l'augurio per il futuro della direttrice Laura Sicignano nel presentare "Meravigliosi inganni", la stagione 2019-2020 dell'ente teatrale catanese, 13 titoli in abbonamento, di cui 5 prodotti, e 7 fuori abbonamento: «Questa stagione sarà complessa come il nostro tempo. Ricca di ossimori: tradizionale sì, ma vitale e poetica»

Davide Livermore, il lapalissiano: «Elena e il suo simulacro, che dramma giocoso»

Il regista torinese a Catania, ospite dell'Università, per presentare la sua "Elena" di Euripide, protagonista Laura Marinoni, che dal 9 maggio apre la 55esima stagione dell'Inda al Teatro Greco di Siracusa: «Il teatro è palestra di verità e semplicità. Euripide sperimentava, "Elena" è un meraviglioso ibrido di tragedia e commedia, ci trovi gli archetipi di Opera buffa e Opera lirica»

L'Inda senza confini di Antonio Calbi: «Farò di Siracusa il palcoscenico del Mediterraneo»

La sfida del sovrintendente dell'Istituto nazionale del dramma antico è iniettare energie nuove per rafforzare l'identità della principale realtà culturale della città siciliana: «Immagino un’Inda pluridisciplinare con al centro la tradizione, aperta alle collaborazioni dal mondo. Siracusa sarà un punto di riferimento internazionale del teatro antico al tempo del presente»