Parte da Catania il tour del Teatro del Fuoco

Teatro L'International Firedancing Festival inizia il suo tour siciliano, con una nuova formula busker, ai piedi dell'Etna: dal 23 al 27 giugno Catania sarà animata da workshop di firedancing, una parata per le vie della città ed esibizioni su strada di artisti provenienti da ogni angolo del mondo

Conto alla rovescia per l’ottava edizione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival che quest’anno inizierà da Catania il suo tour, con la formula Busker Festival, per poi proseguire tra le Isole del Mediterraneo facendo tappa alle Eolie, Palermo e le Isole Egadi.

Performance Teatro del fuoco

Performance Teatro del fuoc

A Catania, per il festival I-Art, il Teatro del Fuoco International Firedancing Festival formula Busker prenderà il via il 25 giugno con una parata che da via Etnea proseguirà per via Vittorio Emanuele, via Garibaldi, via Crociferi, piazza Duomo, piazza Università per giungere infine al Castello Ursino. Il 26 e 27 giugno il Festival del fuoco – che è stato insignito del premio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed è stato protagonista dello show del Tricolore per il Governo Italiano- proseguirà con esibizioni su strada degli artisti provenienti da ogni angolo del mondo e con un Open Space dedicato agli artisti locali che intendono partecipare alla grande kermesse.
Nella tappa alle pendici dell’Etna – considerata dagli antichi popoli la montagna per eccellenza per la sua maestosità e l’aurea divina – il Teatro del Fuoco vuole essere « un inno alla natura mediterranea – spiega Amelia Bucalo Triglia, autrice della manifestazione – alla fertilità che svela i significati simbolici, gli aspetti culturali e identitari della Sicilia».

Performance Teatro del fuoc

Performance Teatro del fuoc

Il Teatro del Fuoco è una manifestazione caratterizzata da un profilo internazionale e da contenuti innovativi e originali, espressi attraverso performances di danza, mimo, acrobatica e fuoco, con artisti provenienti da Argentina, Francia, Svizzera, Germania, Nuova Zelanda, Polonia, Repubblica Slovacca, Israele, Ungheria, Australia.

Il programma di Catania prevede anche appassionanti workshop di firedancing, martedi 23 e mercoledi 24 giugno al Palazzo della Cultura (ore 17), per legare assieme lo sviluppo delle maestranze locali, l’internazionalità della manifestazione e il racconto di un territorio d’interesse storico, naturalistico e culturale, considerato non a caso Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Così il Teatro del Fuoco, nella stagione di Expo 2015, trasformerà Catania in una percorso fantastico di spettacolare animazione per l’intrattenimento turistico di alta qualità.

I workshop Palazzo della Cultura, 23 e 24 giugno ore 17

L’occasione è preziosa, perché per la prima volta a Catania, il 23 e 24 giugno al Palazzo delle Culture si svolgerà un workshop con artisti internazionali del Teatro del Fuoco per scoprire la nuova arte del Firedancing, che consentirà di apprendere la tecnica della manipolazione degli attrezzi infuocati. In particolare il “Workshop spinning & Contact Staff” e “Hula Hoops” condotti da Brano e Dominika, artisti degli spettacoli del Teatro del Fuoco, atleti di grandissima esperienza e abilità, che sveleranno alcuni elementi della loro arte, che ha molte affinità con la ginnastica ritmica, atletica, arti di combattimento, danze orientali, meditazione: la danza con il fuoco appartiene alla cultura storica di molte paesi del mondo. Brano e Dominika sono due artisti slovacchiapprezzati da anni nella conduzione dei workshop di “European Joggling Conventions”, “Meet The Freak” in Portogallo e numerosi festivals in Ungheria, Repubblica Slovacca e Repubblica Ceca.

Per iscriversi inviare una mail a info@teatrodelfuoco.com con cv e foto entro le ore 16 del 23 giugno. Per i minori (accompagnati), età minima 8 anni, selezione di accesso sul posto. Lezioni a numero chiuso

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.