“Red Zones”, la nuova docu-serie di Luca Vullo dal 3 maggio su Sky TG24

L'Isola e i media Il regista nisseno firma le 4 puntate dedicate alle “zone rosse” d'Europa viste attraverso gli occhi di persone comuni che raccontano le loro vite travolte dalla pandemia e dal lockdown

Dolore, rabbia, paura. Ma anche la speranza e la voglia di combattere e di cambiare. I sentimenti e le storie delle persone che stanno lottando per contenere la pandemia sono al centro di “Red Zones”, una docu-serie in quattro puntate realizzata da Luca Vullo e coprodotta da Ondemotive Productions Ltd & Videoplugger Ltd, in onda da domenica 3 maggio alle 11 (con un successivo passaggio alle 21) su Sky TG24.

Luca Vullo – ph Ettore Garozzo

La serie mostra le “zone rosse” d’Europa, attraverso gli occhi di persone comuni che raccontano come le loro vite siano state travolte dalla pandemia e dal lockdown. Un coro di voci che rivela come il virus abbia influenzato il nostro stato psicofisico ed emotivo e abbia cambiato il nostro modo di relazionarci e il nostro stile di vita. L’Italia, così come nella diffusione della pandemia, è il primo porto di approdo della docu-serie, che si sposta poi nel resto del continente, con storie che si ripetono eppure in qualche modo cambiano nei vari  Paesi, diversi nella cultura, nel modo di reagire, di fare scuola, lavoro, nell’offrire assistenza e supporto.
Il racconto prende il via dall’Italia, il Paese dove il contatto fisico, la socializzazione, la famiglia, l’amicizia, la passione e l’ingegno rappresentano i punti di forza del suo popolo. È uno dei paesi più colpiti, sia in termini di contagi che dal punto di vista economico, turistico e psicologico. Nella più grande restrizione ai movimenti dalla Seconda Guerra Mondiale, 60milioni di italiani affrontano misure senza precedenti quando scuole, aziende e negozi si chiudono, mentre gli ospedali fronteggiano una crisi di sovraffollamento.
Grazie alle voci dei molti intervistati, diversi per età, etnia, ricchezza, professione, salute e stile di vita, l’episodio mostra come le persone stiano vivendo questo dramma. Una narrazione intima ed emotiva svela l’effetto che tutto questo sta avendo sulla vita, sulle famiglie e sul futuro delle nuove generazioni. Sono storie di sanitari, sindaci, farmacisti, mamme, bambini, disabili, insegnanti, sacerdoti, militari, artisti e contagiati, che stanno sostenendo la propria battaglia contro il coronavirus, uniti dalla consapevolezza che nessuno si sarebbe mai aspettato di dover vivere un momento così drastico e difficile, eppure anche dall’assoluta necessità di rimanere esseri umani e dalla speranza di un poter ricominciare da un mondo diverso, più responsabile e consapevole.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.