Quando il jazz parlava siciliano

Eventi Sabato 10 dicembre a Palermo Franco Maresco e Stefano Zenni raccontano la storia del jazz

Sabato 10 dicembre Franco Maresco e Stefano Zenni raccontano al Teatro Biondo di Palermo la storia del jazz, con le musiche di Salvatore Bonafede, Gabriele Mirabassi e Alessandro Presti.

Tony Scott

Tony Scott

Nel febbraio del 2017 ricorre il centenario dell’incisione del primo disco di musica jazz della storia. Ad inciderlo fu Nick La Rocca, siciliano di seconda generazione nato a New Orleans. In vista dell’imminente ricorrenza, l’Associazione Lumpen proporrà, sabato 10 dicembre alle ore 21.00 al Teatro Biondo di Palermo, lo spettacolo-concerto Jass – Quando il jazz parlava siciliano, ideato da Franco Maresco e Claudia Uzzo.
Uno spettacolo originale e avvincente, nel quale Maresco, insieme al musicologo Stefano Zenni, ripercorrerà la storia del jazz evidenziando lo straordinario contributo che i siciliani portarono non solo in questo genere, che grazie anche a loro diventò arte, ma anche nella cosiddetta musica leggera americana, da Nick La Rocca a Louis Prima, da Frank Sinatra a Jimmy Giuffre e Tony Scott.
Ad eseguire uno straordinario repertorio di classici saranno tre affermati musicisti: Salvatore Bonafede (piano), Gabriele Mirabassi (clarinetto) e Alessandro Presti (contrabbasso, tromba), mentre l’attore Melino Imparato interpreterà una selezione di testi scelti per l’occasione, tra cui brevi frammenti di Franco Scaldati. Sullo sfondo la proiezione di rari materiali video. Ad arricchire lo spettacolo, le luci di Cristian Zucaro.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.