Brad Mehldau Trio

Eventi Il grande improvvisatore venerdì 4 dicembre a Palermo, sabato 5 dicembre a Catania per l'apertura di Catania Jazz

Grande musicista acclamato e richiesto in tutti i più grossi festival internazionali, la caratteristica di Mehldau sono l’improvvisazione e la formalità: è, prima di tutto, un improvvisatore, ma è allo stesso tempo molto legato all’architettura formale della musica. Brad Mehldau – che ha suonato in tutto il mondo ad un ritmo costante, attirando negli anni un numero considerevole di fans, grazie anche alle sue singolari e intense performance – sarà in Sicilia per due imperdibili concerti: venerdì 4 dicembre al Teatro Biondo di Palermo e sabato 5 dicembre a Le Ciminiere di Catania per l’apertura della XXXIII stagione di Catania Jazz.

Brad Mehldau Trio

Nel 1999 e nel 2000 registra due dei suoi album più significativi, molto diversi tra loro: “Elegiac Cycle”, album da solista, e “Places”, in trio, considerato uno dei suoi migliori lavori. Nel 2004 registra il suo primo album con l’etichetta discografica Nonesuch “Brad Mehldau live in Tokio”, confermando la maturità raggiunta come solista. Nel 2005 il batterista Jeff Ballard si unisce alla band e con il suo nuovo trio, con Grenadier al basso, Brad Mehldau nel 2008 crea un entusiasmante doppio live, intitolato “Brad Mehldau trio live”. Oltre al suo progetto da solista, e a quello da leader nel trio, Mehldau ha anche collaborato con grandi musicisti jazz, come Joshua Redman, Pat Metheny, Charlie Haden e Lee Konitz, e registrato in album di musicisti quali Michael Brecker, Wayne Shorter, John Scofield e Charles Lloyd. Per oltre un decennio ha collaborato con numerosi musicisti e coetanei tra cui Peter Bernstein, Kurt Rosenwinkel e Mark Tuner. Inoltre la sua musica è stata anche colonna sonora di film, quali Eyes Wide Shut e The Million Dollar Hotel.

Formazione: Brad Mehldau – piano; Larry Grenadier – contrabasso; Jeff Ballard – batteria

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.