lunedì 16 settembre 2019

lunedì 16 settembre 2019

MENU

Premio Città di Leonforte, vince il monologo "Laltra"

Teatro

Lo spettacolo scritto da Franca De Angelis, diretto da Christian Angeli e interpretato da Anna Cianca, ha vinto 4 premi: migliore attrice protagonista, migliore regia, migliore testo e migliore spettacolo. Più di un premio anche per "Camicette bianche" de La casa del Musical di Agrigento che si è aggiudicato, tra gli altri, il premio assegnato dal pubblico


di Beatrice Levi

Con ben quattro premi assegnati dalla giuria tecnica, il monologo “Laltra” ha trionfato alla 38° edizione del Premio nazionale città di Leonforte sezione teatro. Lo spettacolo, scritto da Franca De Angelis, diretto da Christian Angeli e interpretato da Anna Cianca, ha vinto il premio per la migliore attrice protagonista, quello per la migliore regia, quello per il migliore testo e anche quello come migliore spettacolo. Lo spettacolo, prodotto dall'associazione culturale Eranos di Roma, è stato inoltre selezionato dal direttore artistico del festival nazionale Tale’Tale’ Talia, Paolo Patrinicola, per andare in scena il prossimo maggio a Enna, ne corso della quarta edizione del festival.

Da sinistra Alessia Sorbello, Carmela Buffa Calleo, Anna Cianca e Lorenza Denaro

Così come è stato per la rappresentazione di ogni singolo spettacolo, anche per la cerimonia di premiazione del 29 agosto l'arena della Vecchia stazione era gremita di gente, segno che il Premio nazionale città di Leonforte sezione teatro, organizzato dall'Amministrazione comunale, è una forte realtà culturale che ogni anno cresce in modo esponenziale grazie all'organizzazione impeccabile e a una direzione artistica, firmata da Sandro Rossino, puntuale ed impeccabile.

La lunga serata conclusiva, egregiamente condotta da Lorenza Denaro affiancata da Alessia Sorbello, si è aperta con lo spettacolo conclusivo del workshop di improvvisazione teatrale condotto dall'actor coach Carmela Buffa Calleo, che è riuscito a coinvolgere attivamente anche il pubblico in sala.

La performance del workshop di improvvisazione teatrale

La giuria presieduta dall'organizzatore teatrale Walter Amorelli e composta dalla giornalista Lavina D’Agostino giornalista, dall'attrice Carmela Buffa Calleo, dal regista e attore Andrea Trovato e dal regista Piero Ristagno ha assegnato all'attore romano Matteo Cirillo il premio migliore attore per lo spettacolo “ Oggi sposo”, all'attore catanese Cosimo Coltraro quello di migliore caratterista per “L’alba del terzo millennio” e quello del migliore allestimento al musical “Camicette bianche” portato in scena da La casa del musical di Agrigento.
Quest'ultimo spettacolo, diretto da Marco Savatteri, si è anche aggiudicato, per una manciata di centesimi di voto, il premio del pubblico ed un premio speciale assegnato dalla giuria tecnica alla Casa del Musical “per la capacità di aggregare giovani in una esperienza di formazione artistica, valorizzando e incoraggiando i talenti, e creando
comunità e senso di appartenenza”.

Foto di gruppo per la Casa del Musical di Agrigento

Il premio alla carriera quest'anno è stato assegnato all'attore catanese Bruno Torrisi, che in 30 anni di carriera si è equamente diviso tra cinema, tv e televisione. La giuria tecnica, inoltre ha assegnato anche delle menzioni speciali a spettacoli che non sono stati selezionati per la finale del premio, ma comunque ritenuti meritevoli di menzione: l'attore palermitano Vincenzo Palmieri per lo spettacolo “Stop Motion”; l'attore romano Daniele Parisi per “Ab Hoc et Hac”, la compagnia del Teatro del Canovaccio di Catania per “Ancora un Poe”, Gli Sfigartisti di Fiumicino per “Fa Curriculum. Stiamo lavorando per voi”; l'attrice catanese Carmela Sanfilippo per “Una lunga attesa”.

Un ultimo premio, infine, è stato riservato a Parco Sottarco per l’impegno sul territorio di Leonforte.

Premio città di Leonforte sezione teatro –TUTTI I PREMI

Miglior attore protagonista - Matteo Cirillo per "Oggi sposo"
Per l’estrema delicatezza con cui affronta il difficile rapporto uomo-donna accompagnando per mano gli spettatori in un poetico viaggio, ironico e leggero, in un universo in cui l’amore può spingersi oltre la morte.

Andrea Trovato premia Matteo Cirillo migliore attore

Migliore attrice protagonista - Anna Cianca per "Laltra"
Per l’interpretazione intensa, emozionante e coinvolgente, a tratti anche grottesca. Utilizzando diversi registri e facendo vivere differenti luoghi e situazioni, si è distinta per maestria e padronanza dell’arte scenica.

Miglior Allestimento - "Camicette bianche" de La Casa del Musical
In una dimensione corale ben orchestrata, valorizza ogni singolo attore coinvolgendo il pubblico, anche grazie ad accompagnamenti musicali eseguiti dal vivo che mettono in evidenza una spettacolare sintonia tra palcoscenico e regia. Sono degni di nota le armonizzazioni dei cori, le coreografie, i costumi ricercati anche nei tessuti e l’utilizzo di semplici oggetti di scena che evocano via via diversi ambienti. La performance, ambientata agli inizi del ‘900, tratta tematiche ancora oggi estremamente attuali e induce lo spettatore a una profonda riflessione.

La premiazione di Cosimo Coltraro

Miglior caratterista - Cosimo Coltraro per "l'alba del terzo millennio"
Per la presenza scenica, i tempi comici e i colori dialettali che riportano ai grandi caratteristi del teatro siciliano del passato

Migliore regia - "Laltra"
A Christian Angeli per la semplicità e la discrezione di una messa in scena, volutamente non pretenziosa ma efficace, che rispetta e valorizza la drammaturgia

Migliore testo - "Laltra"
A Franca De Angelis per aver saputo trattare con un linguaggio semplice ed efficace - scandito da una sapienza proverbiale - un argomento di drammatica attualità che fotografa in maniera minuziosa, e a tratti estrema, le mille sfaccettature della violenza di genere

MIGLIORE SPETTACOLO - LALTRA .


PREMI SPECIALI

Premio speciale Alla Casa del Musical di Agrigento che riesce ad aggregare giovani in una esperienza di formazione artistica, valorizzando e incoraggiando i talenti, e creando comunità e senso di appartenenza.

Premio Gradimento del pubblico - "Camicette bianche" (con valutazione 9.53/10) La Casa del Musical di Agrigento

Bruno Torrisi ritira il Premio alla carriera dal vice sindaco di Leonforte

Premio alla carriera - Bruno Torrisi
Nei suoi primi trent'anni di carriera vissuti tra teatro, televisione e cinema, l'attore Bruno Torrisi si distingue per le sue indiscusse doti e competenze professionali. La raffinatezza interpretativa e i tratti delineati, lasciano un ricordo indelebile nello spettatore che viene catapultato nelle dimensioni del racconto interpretato. Poliedrico, partecipa a produzioni teatrali di genere variegato, passando dalla tragedia greca al teatro popolare e rappresentando l'Italia nel mondo.

Premio per l’impegno sul territorio - Parco Sottarco
Per l'impegno profuso nei confronti della comunità leonfortese da una compagine ricca di eccellenti professionalità che, a titolo gratuito, si spendono per migliorare la città.Per l'amore indiscusso verso i nostri luoghi e le nostre radici.Per l'ambizioso progetto, che accende una speranza per il futuro e apre uno spiraglio a chi non vuol lasciare la propria terra.Per aver dato la possibilità a molti di continuare a credere nel miracolo del fiore nel deserto.

La premiazione dell'attrice carmela Sanfilippo

MENZIONI

Vincenzo Palmieri - STOP MOTION
perché, grazie all’intensa interpretazione di un personaggio in bilico tra la vita e la morte, riesce ad emozionare il pubblico e a farlo riflettere su temi assai delicati, restituendo egregiamente le originali idee registiche e drammaturgie dello spettacolo “Stop Motion”.

Daniele Parisi - AB HOC ET HAC
per la sua ecletticità che lo porta ad essere al contempo interessante autore, attore versatile nonché musicista. Riesce a divertire il pubblico con intelligenza ed originalità giocando con personaggi diversi e trovate esilaranti.

Teatro del Canovaccio di Catania -ANCORA UN POE
Per l’egregio adattamento e la sapiente drammaturgia che restituisce il mondo, la fantasia e le tipiche atmosfere di paura ed ossessioni dello scrittore Edgar Allan Poe in uno spettacolo ben realizzato sia dal punto di vista registro che teatrale.

Gli sfigartisti - FA CURRICULUM. STIAMO LAVORANDO PER VOI
Per il coraggio con cui i due attori, Antonio Randazzo e Antonio Roma, affrontano con ironia e comicità, la difficile condizione dei giovani in cerca di lavoro, amalgamando con stile e misura classici sketch del repertorio comico siciliano con originali e divertenti trovate umoristiche.

Carmela Sanfilippo - UNA LUNGA ATTESA
Per la superba interpretazione della sciocca e ingenua Flami, personaggio che interpreta con grande delicatezza ed eleganza, ed un sapiente utilizzo del corpo e della voce.



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 30 agosto 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

L'Elena dell'Inda vola al Teatro Romano di Verona

L'Istituto nazionale del dramma antico torna a Verona, il 13 e 14 settembre, con l'opera di Euripide nella messa in scena firmata da Davide Livermore

Tournée da Bar, il format originale che porta Shakespeare nei pub

L'artista milanese Davide Lorenzo Palla, da qualche anno, gira l’Italia a bordo del furgoncino TdB con i suoi compagni d'avventura, l'attrice palermitana Irene Timpanaro e il polistrumentista sardo Tiziano Cannas Aghedu, per portare in scena, in luoghi non convenzionali le opere del Bardo: «Abbiamo bisogno di nuovo pubblico da far appassionare al teatro»

Premio di Leonforte: in finale Roma, Agrigento e Catania

I 4 spettacoli finalisti del 38° Premio Nazionale Città di Leonforte sezione teatro saranno messi in scena alla Vecchia Stazione Ferroviaria dal 19 al 28 agosto

A Siracusa Solenghi e Pozzi raccontano l'universo capovolto di Lisistrata

Dal 28 giugno al 6 luglio, la stagione classica dell'Inda al Teatro Greco ospita la commedia di Aristofane, protagonista Elisabetta Pozzi nei panni dell'eroina protofemminista che sancì lo sciopero muliebre del sesso contro la legge maschile della guerra. Alla regia Tullio Solenghi: «Lisistrata è la prima vera eroina dell’emancipazione femminile»

"Estate al Castello Ursino", la nuova drammaturgia siciliana è di scena

Il maniero catanese ospiterà dal 15 giugno all'8 agosto la stagione estiva del Teatro Stabile: «Gli artisti coinvolti sono ad alta percentuale siciliana - dice il direttore artistico Laura Sicignano - soprattutto giovani, nell'auspicio di riportare in patria "cervelli fuggiti", per contaminare la tradizione con influssi contemporanei e vivaci

Col Biondo delle culture di Pamela Villoresi, l'umanità in movimento va in scena a Palermo

Presentata la stagione 2019-2020, intitolata "Traghetti", che inaugura la direzione dell'attrice e regista toscana del teatro pubblico palermitano: «Le culture come veicoli, strumenti, motori, ponti: traghetti. Noi partiamo da Palermo, noi approdiamo a Palermo». Si comincia il 25 ottobre con "Esodo", adattamento dell'Edipo re di Sofocle di Emma Dante