mercoledì 18 ottobre 2017

mercoledì 18 ottobre 2017

MENU

«Rosi è stato una lampada di Aladino per Lampedusa e i migranti»

Sugnu sicilianu

Il medico lampedusano, che "Fuocoammare" di Gianfranco Rosi ha reso famoso nel mondo, ospite del Blue Sea Land a Mazara del Vallo, e forte del premio Brancati a Zafferana per "Lacrime di sale", parla del rapporto speciale, nato per caso, con il regista e della sua vita dopo il successo del film: «Continuo a fare il medico nella mia isola ma porto la mia testimonianza di uomo di frontiera nel mondo»


di Rosalba Cannavò

Gli occhi e lo sguardo di suo padre lo hanno salvato, a 16 anni, mentre di notte era caduto in mare dal piccolo gommone attaccato al barcone da pesca. Comincia così il racconto della sua vita, Pietro Bartolo, medico a Lampedusa, che il mondo ha conosciuto grazie al film-documentario “Fuocoammare” di Gianfranco Rosi, mentre descrive la sua intensa missione di soccorritore, scritta a quattro mani nel libro “Lacrime di sale” con la giornalista Lidia Tilotta. Lo abbiamo incontrato durante la sesta edizione 2017 del Blue Sea Land, l'Expo dei Cluster del Mediterraneo, dell'Africa e del Medioriente, che si è tenuto a Mazara del Vallo, in provincia di Trapani.

Firmacopie per Pietro Bartolo con Lidia Tilotta per Lacrime di sale, foto di Rosalba Cannavò

Il dottor Bartolo ha lasciato il lembo di terra più a sud dell'Europa per le magiche atmosfere di Mazara del Vallo. Il Distretto della pesca e crescita blu della cittadina trapanese, per l'impegno riconosciuto a livello internazionale nell'integrazione e nel soccorso in mare, è stato candidato al premio Nobel per la pace dai 58 Paesi presenti al Blue Sea Land, durante la Preghiera per la pace dei popoli, tenutasi tra l'antica chiesa di San Francesco e la moschea Ettakwa, alla presenza di rappresentanti delle religioni cristiana, cattolica e ortodossa, ebraica, bektashi e musulmana.

Dottor Bartolo, ci racconta come è iniziata la sua missione di medico di frontiera?
«
E' iniziata nel 1991 con i primi sbarchi di migranti sulle coste di Lampedusa. All’inizio erano solo in tre, negli anni sono diventati migliaia e sappiamo come sta andando».

Il dottor Pietro bartolo, foto di Rosalba Cannavò

Il suo incontro con il regista Gianfranco Rosi com’è avvenuto?
«
Per caso, nel dicembre 2014, anno in cui si era incendiato il centro e a Lampedusa non c'erano migranti. Rosi venne nel mio studio perché stava male, ma oltre a una consulenza medica cominciò a farmi delle domande. Non lo conoscevo e questo suo incalzare di domande mi irritò, il mio studio era pieno di pazienti. Dal mio volto capì che doveva presentarsi. Mi disse che era un regista e voleva girare un cortometraggio su Lampedusa e sull'accoglienza dei migranti, ma stava per ripartire perché al centro migranti non aveva trovato nessuno. Ho capito che dovevo fare qualcosa. Chiusi la porta a chiave, gli diedi la mia pendrive che conteneva foto e momenti della mia esperienza al centro migranti, gli dissi che doveva restare e realizzare il suo progetto».

E il film, infatti, si è fatto.
«
Qualche giorno dopo è tornato, sorridente, mi disse che il documentario andava fatto. E' un uomo che ho paragonato ad una lampada di Aladino per Lampedusa e per le storie dei migranti. Infatti è con "Fuocoammare" che tutto di ciò che stava accadendo nel nostro mare, nel Mediterraneo, è arrivato al mondo intero. Prima a Berlino, nel cuore dell'Europa, dove ha vinto l'Orso d'Oro e poi a Los Angeles, nella notte degli Oscar, in quell'America che aveva da poco eletto Trump come presidente, la cui posizione sui migranti sappiamo qual è».

Bartolo con Gianfranco Rosi e l'Orso d'oro a Berlino

Come è cambiata la sua vita dopo il successo del film?
«
Continuo a fare il medico nella mia isola, ma porto la mia testimonianza di uomo di frontiera nel mondo. Continuerò ad incontrare i giovani nelle scuole e nelle università, per fare cadere i pregiudizi, i luoghi comuni e le bugie sui migranti, messi in giro da tanta false comunicazioni. Oltre al libro ed al film di Rosi, stiamo già lavorando ad un altro film per la Rai di cui ancora non posso dire molto».

Bartolo durante un salvataggio a Lampedusa

Tra i suoi premi c'è anche quello intitolato a Vitaliano Brancati, che ha ricevuto, nei giorni scorsi a Zafferana Etnea.
«
Sì, ne sono molto orgoglioso. Per venticinque anni sono stato senza “voce”, quella che invece mi è stata data dal mondo dell'arte, in tutte le sue manifestazioni. I libri, le foto, il film, hanno raggiunto il cuore e la mente della gente. La cultura può cambiare il mondo».

Lei ha definito i giovani migranti “uomini feriti nell'anima”.
«
Sì, sono quasi tutti feriti, molti nel corpo ma anche nell'anima. Il mio compito di medico non finisce curando il corpo, bisogna dare anche conforto. Convincere questi giovani, che attraversano il mare nella speranza di un futuro migliore, dei buoni principi che la gente che li accoglie ha verso di loro, dissuaderli così dallo sconforto e dalla paura che hanno vissuto e provato durante il cammino verso l'Europa».

Lei è un uomo che emana dolcezza mentre parla, cura e salva da anni uomini e donne disperati che hanno anche subito violenze e soprusi di ogni tipo da altri uomini. Che cosa significa per lei essere uomo?
«
Alla base di un uomo, lo dice la parola stessa, dovrebbe esserci l'umanità, cioè amore, accoglienza e rispetto dei diritti, se in un uomo non ci sono questi principi, non resta nulla».



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 06 ottobre 2017
Aggiornato il 16 ottobre 2017 alle 17:13





TI POTREBBE INTERESSARE

Daniele Petralia: «Mascalucia sarà fucina internazionale della classica»

Il pianista catanese ha un progetto ambizioso: far diventare l’orchestra San Nicolò di Mascalucia, il cui direttore artistico è la moglie, il soprano Alexandra Oikonomou, centro internazionale per la formazione con master class estivi e concerti: «Abbiamo decine di prenotazioni di studenti russi e americani che vogliono fare questa esperienza l’anno prossimo»

Manuela Ventura: «Con Fava e Chinnici mi sono riappropriata della nostra storia di siciliani»

L'attrice catanese ha concluso due set di film tv su due uomini - il giornalista e scrittore Pippo Fava e il magistrato Rocco Chinnici - uccisi dalle cosche per aver opposto la normalità della vita alla violenza mafiosa: «Quello che deve restare di questi film è che la nostra terra ha generato uomini e donne che hanno segnato una via da percorrere, nonostante tutto»

Joe Schittino, il neoclassico, e la "felicità" di Caltagirone

Il musicista e compositore siracusano, neo direttore dell'Istituto musicale Vinci della città calatina, nei giorni scorsi le ha donato l'oratorio “La felicità di Gela nella protezione del gloriosissimo apostolo San Giacomo”, dove Gela è l'antico nome della città: «Caltagirone vanta una produzione librettistica di drammi sacri del 700, vorrei un concorso per rivisitarli»

Raoul Vecchio, il Griot bianco che viene dalla Sicilia

L'architetto catanese da quattro anni lavora in Senegal al progetto Balou Salou per realizzare un ponte-diga nella vallata del Tanaf, flagellata dalla maree dell'Oceano Atlantico, che migliorerebbe la vita di 80mila persone e 350 villaggi. In questi anni l'Africa è diventata la sua seconda casa: è stato adottato e oggi è conosciuto da tutti come Cheickna Diebate

Benvenuti nella Bottega dell'invisibile di Jones, il regno della fantasia

Entrare nel quartier generale dell’attore, scenografo, trampoliere, regista e artigiano paternese, al secolo Salvatore Ragusa, è come scoperchiare un Vaso di Pandora contenente un’inesauribile creatività multiforme che in questo insospettabile e imprevedibile open space (un po’ casa, un po’ teatro e un po’ laboratorio) prende vita in una caleidoscopica girandola di oggetti stravaganti e colorati

La scommessa hi-tech di Carmelo Papa: «StM punta su Catania per l'elettronica di potenza»

Viene da Castiglione di Sicilia la storia di successo dell'amministratore delegato e direttore generale di StMicroelectronics Italia, che ha nelle sedi di Catania e Palermo due avamposti di alta ricerca tecnologica: «I nostri microchip vanno in tutto il mondo. E grazie anche ai nostri regolatori di tensione al Cern scoperto il Bosone di Higgs»