sabato 17 novembre 2018

sabato 17 novembre 2018

MENU

Pantelleria DOC Festival, il paradiso pantesco in un calice

Calici & Boccali

Per 10 giorni, dal 31 agosto al 9 settembre, la Perla nera del Mediterraneo manifesterà attraverso l'evento organizzato dal Consorzio dei vini Doc la sua identità: il paesaggio agricolo, il mare e la natura vulcanica fonte di attrazione di un turismo che privilegia la natura e la cultura dei luoghi anche attraverso i vini, il cibo e la storia di un territorio unico nel suo genere


di Giusy Messina

Pantelleria, la “Perla nera” del Mediterraneo, si svelerà in tutto il suo incontaminato splendore, dal 31 agosto al 9 settembre con il Pantelleria DOC Festival. Promossa dal Consorzio dei Vini Doc e dal Consorzio turistico Pantelleria Island, con il patrocinio del Comune e del Parco Nazionale Isola di Pantelleria, la kermesse che coniuga, per la prima volta in un unico calendario, le eccellenze storico-culturali con quelle enogastronomiche, declinerà i mille volti di un’affascinante terra dai colori aspri e dai dolci profumi dove la presenza dell’uomo ha sapientemente modellato un paesaggio unico ed irripetibile. Dieci giorni di iniziative per scoprire la vera identità dell’isola giardino del Mediterraneo, dove il paesaggio agricolo, il mare e la natura vulcanica sono gli elementi attrattivi per un turismo che privilegia la natura e la cultura dei luoghi, anche attraverso i vini, il cibo e la ricchissima storia di un territorio unico nel suo genere.

Il moscato di Pantelleria

«Sperimentiamo un nuovo modello integrato di turismo – spiega Benedetto Renda, presidente del Consorzio dei vini DOC di Pantelleria - che vede la filiera vitivinicola protagonista. Questo territorio si presta ad essere vissuto nella sua profonda integrità, come modello produttivo storico e ad alto contenuto culturale. Il processo di interazione è oramai avviato e il Pantelleria DOC Festival costituirà un appuntamento che vorremmo diventasse annuale e protratto nel tempo, superando i limiti della sola stagione estiva». Più di un viaggio, il Pantelleria Doc Festival, è un’esperienza emozionale che coinvolge il turista a vivere “l’isola del fuoco”, da protagonista. Una miriade di eventi con iniziative culturali, percorsi benessere, pratiche sportive all’aria aperta, degustazioni di vino e cibo, approfondimenti tematici legati all’identità dell’isola. Cultura del Vino, agricoltura in equilibrio con la natura, convivialità e benessere fisico, fanno del soggiorno pantesco un’esperienza indimenticabile.

Benedetto Renda, presidente Consorzio dei Vini DOC di Pantelleria

Tutti i giorni, dalle 9.30 alle 12, sono previsti percorsi guidati: per i più sportivi, il trekking e la bicicletta permetteranno di conoscere alcuni degli angoli più nascosti dell’isola; per gli amanti dell’archeologia, sono invece previste escursioni nei siti che raccontano la storia dell’isola, dai Sesi, fino all’epoca dei Fenici e dei Romani. Non meno interessante – sempre nella stessa fascia oraria - è da provare l’ampio percorso dedicato al benessere attraverso i vari fenomeni termali che fanno dell’isola una SPA en plein air. La prima tappa dell'escursione è Gadìr, piccolo borgo di pescatori. Qui è possibile rilassarsi con un bagno caldo termale e praticare il rito del calidarium - frigidarium già in voga al tempo dei romani. Le acque delle sorgenti marine hanno una temperatura che va dai 39°C fino ai 50°C, ed il loro potere terapeutico è riconosciuto da tempi immemorabili. Presso l’affascinante Lago di Venere, alimentato dalle acque piovane e da sorgenti di origine vulcanica, in uno scenario naturale di straordinaria bellezza, sono assolutamente da provare i fanghi sulfurei che, in tanti, praticano lungo le sponde di questo specchio d’acqua dai colori cangianti e meta di una fauna migratoria di assoluta rilevanza naturalistica.

Pantelleria, il Lago di Venere

Alcune curiosità: tra gli uccelli, in tutta Europa, la cinciarella algerina, si trova solo a Pantelleria, unica località italiana, inoltre, dove si riproduce il beccamoschino iberico. Poi, nella particolarissima grotta di Benikulà, si può invece fare il cosiddetto “bagno asciutto”, una vera e propria sauna naturale alimentata dal calore residuo del vulcano, come fosse un respiro. Un brindisi alle cantine associate al Consorzio Pantelleria Doc - Basile, De Bartoli, Donnafugata, Coste di Ghirlanda, Murana, Pellegrino e Vinisola -, suggellerà l’alleanza tra il visitatore ed i vignaioli, custodi del paesaggio e del territorio. Una cultura agricola unica e straordinaria, quella pantesca che, dovendo superare le condizioni estremamente difficili sull’isola (territori vulcanici aspri e scoscesi, assenza di fonti d’acqua dolce, costante presenza dei venti) ha saputo “interpretare” la natura dei luoghi, ricorrendo all’utilizzo dei terrazzamenti, dei muretti a secco, dei Dammusi e dei maestosi giardini panteschi e a pratiche colturali che – seppur molto faticose – consentivano la coltivazione della vite, dell’ulivo, del cappero e degli alberi da frutto. Una fatica che è stata riconosciuta e premiata con l’iscrizione, nel 2014, della pratica agricola della vite ad alberello, tra i Patrimoni Immateriali dell’Umanità, unico caso nel suo genere.

Le viti ad alberello, tipiche di Pantelleria

Il programma che riempirà dalla mattina alla notte, le giornate del Festival, comincerà tutti giorni con le escursioni in vigna e le degustazioni in pieno periodo della vendemmia, con gli stessi produttori (dalle 9.30 alle 11:30), permettendo ai visitatori di conoscere a fondo le tecniche di una viticoltura eroica. Al calar del sole, dalle 18 alle 19.30, approfondimenti sulle tecniche di vinificazione e degustazioni. Protagonista è il pregiato Passito, ma anche altre tipologie ottenute dalle uve Zibibbo e previste nell’ambito della Doc Pantelleria, come il vino bianco secco e i vini spumante.

L'uva Zibbibbo di Pantelleria

Articolati e diversi gli appuntamenti che si terranno al Castello tra cui quelli dedicati alla cultura del territorio, ai seminari sui prodotti d’eccellenza come i vini o le pregiate lenticchie di Pantelleria. Ed ancora, proiezioni e presentazioni di libri con il 3 settembre lettura dei testi vincitori del “Concorso per brevi storie sull’isola e sul vino”, il 5 settembre il Castello ospiterà la “Notte bianca della Poesia” a cura del Comitato Preziosa Pantelleria; l’8 settembre si discuterà del “Parco che vogliamo” e delle prospettive di sviluppo del territorio che l’istituzione del Parco Nazionale può offrire. Il Castello sarà anche la sede del “Mercato Pantesco” che permetterà ai visitatori di scoprire i vini e tante altre specialità prodotte sull’isola: dalle conserve all’olio, dai prodotti dell’orto ai capperi e ai prelibati formaggi vaccini.

Capperi panteschi

«Il Festival – conclude Benedetto Renda, presidente del Consorzio Pantelleria Doc – intende promuovere i vini insieme a tutto quello che di eccezionale l’isola offre: un binomio di straordinario interesse turistico. Una sinergia che ha coinvolto anche la Compagnia aerea danese – la DAT - che cura i collegamenti tra la Sicilia e l’isola». Un’iniziativa che intende rappresentare un valore di crescita anche per le nuove generazioni con il coinvolgimento degli studenti della Scuola Omnicomprensiva di Pantelleria, nell’ambito del progetto di alternanza scuola/lavoro. Tre studentesse dell’indirizzo turistico supporteranno la segreteria organizzativa del Festival perchè l’enoturismo può diventare un’attività “tailor made” per diversi segmenti dell’offerta turistica siciliana.

Info e prenotazioni Pantelleria Island 0923.911266 e 0923.912695.

Punta dell'elefante, scorcio tipico di Pantelleria



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 30 agosto 2018
Aggiornato il 04 settembre 2018 alle 13:42





Giusy Messina

Palermitana, classe '63, ama profondamente la sua Isola. Il suo motto è: con leggerezza si possono dire cose importanti. Si occupa di enogastronomia, storie, luoghi e territori, per raccontare una Sicilia nascosta e preziosa. Ha collaborato con il quotidiano L'Ora, La Repubblica, Cult. Ha scritto la prima guida de Il Movimento del Turismo del Vino in Italia, per la Sicilia. È giornalista pubblicista dal 1996.


TI POTREBBE INTERESSARE

Buon compleanno Etna Doc! A Milo la festa vulcanica dei wine lover

Si svolgerà fino al 9 settembre nel borgo etneo la 38esima edizione della festa del vino e della ricca cucina gourmet della Sicilia vulcanica, due ricche settimane per i cultori e gli addetti ai lavori del nettare divino. Un'occasione per festeggiare mezzo secolo della "Doc Etna", annuale incontro “trasversale” per guardare al futuro del comparto vinicolo sull’Etna

«Ho realizzato il sogno che mio padre non ha mai sognato»

Il produttore vitivinicolo di Passopisciaro ha trasformato le sue mani da pianista in quelle di un vignaiolo, proseguendo sulle orme del padre Girolamo a cui è dedicata la sua pluripremiata azienda. Al suo lavoro, e a quello di altri pochi pionieri, ambasciatori del rinascimento della "Borgogna" di Sicilia, si deve il successo dei vini dell'Etna

Lombardo di Monte Iato: «Etna, una risorsa per tutto il vino siciliano»

Il chief operating officer di Firriato è stato eletto nel cda del Consorzio di Tutela della DOC dei Vini dell’Etna. Assegnate le deleghe ai sette consiglieri. Lombardo di Monte Iato si occuperà di ricerca, rapporti con le Università e dell’Osservatorio sui vini dell’Etna

La Notte di San Lorenzo riempiamo "Calici di Stelle"

Torna l'immancabile appuntamento con le cantine che aderiscono all'iniziativa del Movimento Turismo del Vino che in Sicilia, dal 2 al 10 agosto, aprono ai visitatori per regalare loro notti magiche dosando gusto, accoglienza, divertimento ma anche solidarietà ed un pizzico di curiosità con i telescopi degli astrofili

Il miglior vino bio 2018 è di Campobello di Licata

Con tre Gran Medaglie d’Oro l’Azienda Agricola G. Milazzo è l’azienda italiana più premiata al Concours Mondial de Bruxelles 2018, che si è tenuto a Pechino dal 10 al 13 maggio. Il loro "Maria Costanza Rosso riserva 2013" è il vino biologico rivelazione 2018

Roberta Sibani: «Il mio vino bio nato all'ombra del tempio di Segesta»

Dal marketing internazionale all'azienda di famiglia. E' la storia dell'imprenditrice palermitana che dopo aver lasciato l'Isola per lavoro ha deciso di tornare per prendere in mano le redini dell'azienda agricola creata dai suoi nonni agli inizia degli Anni 50. Quest'anno il Podere Messina ha prodotto le prime bottiglie, ed è pronto a trasformarsi in un resort