martedì 12 dicembre 2017

martedì 12 dicembre 2017

MENU

Offestival, quando la ristorazione nutre e diverte

Tutto fa panza

Dal 2 ottobre Fudoff di Catania cederà una volta al mese le cucine per ospitare una rassegna di cucina e cocktail che vuole raccontare un modo diverso di fare ristorazione. Si inzia con Giuseppe Lo Giudice e Alessandro Miocchi del Retrobottega di Roma


di Redazione SicilyMag

Dal 2 ottobre prossimo, chef stellati e non animeranno un giorno al mese le cucine di FUDOFF, gestite dalla giovane e talentuosa cuoca Valentina Chiaramonte, e proporranno una cena evento unica, a quattro mani. Insieme al cibo l’OFFESTIVAL punta a giocare anche su abbinamenti tra food & beverage insoliti e alternativi. OFF significa tante cose: alternativo, pazzo, divertente, dissacrante, esterno, non ufficiale, diverso. Il locale FUDOFF è nato, poco più di un anno fa, puntando ad una ristorazione diversa, meno formale ma di ricerca, economica ma sperimentale, purista, di prodotto, divertente ed alternativa.

Andrea Graziano e valentina Chiaramonte

Per questo, racconta Andrea Graziano, proprietario e creatore di FUDOFF, «ho deciso di organizzare una rassegna di cucina e cocktail che raccontasse un modo diverso di fare ristorazione. Credo molto in un’evoluzione dell’esperienza gastronomica diretta alla qualità, ma attenta ai prezzi, in una ristorazione alternativa che oltre che nutrire la pancia, diverta, sia intima e diversa. La ristorazione nel mondo propone un’interessante metamorfosi che rivoluzione il classico pattern ristorante trattoria. I consumi si stanno differenziando, la gente non mangia più tre portate come un tempo, a volte va bene un panino, altre volte un antipasto e un primo, altre ancora solo una bistecca. I tempi sono cambiati c’è chi non ama più il rituale delle tovaglie, chi ha poco tempo, chi adora prolungare la cena in poltrona, chi compone in autonomia il proprio nuovo modo di nutrirsi. Per esplorare tutto questo è nato FUDOFF e anche questo festival».

Foodoff in via Santa Filomena a Catania

All'OFFESTIVAL i cuochi arrivano da tutta l’Italia con qualche parentesi francese. Hanno tutti un filo conduttore magenta che è quello di puntare al gusto senza compromessi, che amano la convivialità informale e lo scambio giocoso fra piatto e calice.

Ad aprire le danze, il 2 ottobre alle 20.30, saranno due dei cuochi più chiaccherati del momento: Giuseppe Lo Giudice e Alessandro Miocchi, del fortunato Retrobottega a Roma. Da novembre si susseguiranno il mattatore Diego Rossi del ristorante Trippa di Milano, lo stellato Giuseppe Iannotti del Kresios di Telese Terme nel beneventano, la chef dell’anno per la guida de L’Espresso, Gaia Giordano, braccio destro dello chef tre stelle Michelin Niko Romito nei ristoranti Spazio di Milano e Roma. Dalla Francia arriveranno Simone Tondo, sardo di origine ma ormai parigino doc, la grande tecnica bruta di Giovanni Passerini, talento romano adottato oltralpe, e Mauricio Zillo, brasiliano “con l'anima napoletana”, grande innovatore. Dalla Puglia arriverà Antonio Bufi e la sua cucina pura e innovativa. Da Roma approderanno i viscerali e istintivi, Francesca Barreca e Marco Baccanelli del ristorante con un solo tavolo sociale Mazzo, e Ornella De Felice, del ristorante Coromandel, pura eleganza e grande forza. E ancora Matteo Monti, del Rebelot di Milano.

Giuseppe Lo Giudice e Alessandro Miocchi del Retrobottega a Roma

Ad accompagnare ogni serata un’interpretazione alcolica, proposte divertenti e innovative. Aziende come Velier, Evo e Les Caves de Pyrene insieme a produttori come Frank Cornelissen, Pretzhof, Sferlazzo e Villagrande saranno nostri partner e amici.

Le cena evento inaugurale vedrà un percorso di cocktail abbinati ai piatti degli chef Giuseppe Lo Giudice, Alessandro Miocchi e Valentina Chiaramonte firmato da Cristian Scilio del Morgana di Taormina e da Domenico Cosentino, resident barman di FUDOFF. Ogni evento è su prenotazione e riservato a 30 commensali. Per prenotazioni e informazioni contattare il 3921316276 o la mail info@fudoff.it.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 26 settembre 2017
Aggiornato il 02 ottobre 2017 alle 12:47





TI POTREBBE INTERESSARE

Natale Giunta apre un locale dedicato allo street food nel "coppu"

Aprirà a Palermo giovedì 7 dicembre "Passami ù coppu", il nuovo locale del noto chef dove rosticceria e pasticceria saranno servite calde nel caratteristico rotolo di carta

Tra i "Bib Gourmand" della guida Michelin c'è Me Cumpari Turiddu

Il ristorante catanese che ricrea l'atmosfera accogliente ed elegante di una Sicilia che fu, è l’unico siciliano ad essere incluso tra le 18 new entry della prestigiosa guida che ha selezionato 258 ristoranti in tutta Italia

«Qui si mangia bene». Nell'olimpo delle Osterie d'Italia 4 novità siciliane

La Guida Osterie d'Italia 2018 di Slow Food (presentazioni il 18 novembre a Catania e il 19 a Palermo) aggiunge alle 16 esistenti Caupona Taverna di Sicilia a Trapani, il Giardino di Venere a Castelbuono, Gente di Mare ad Acitrezza, Terracotta ad Agrigento. Mario Indovina, fiduciario della Condotta di Palermo: «E' un riconoscimento per quei locali con una marcia in più»

Barbera: «Papa Francesco ha donato ai poveri il nostro olio per la Pace»

Durante Taormina Gourmet il titolare dell'azienda Barbera di Palermo ha ricordato l'esperienza vissuta all'Expo di Milano con l'olio prodotto grazie alle olive prodotte da un campo sperimentale di Enna dove crescono le 381 specie di ulivo esistenti al mondo: «E' l'olio della solidarietà, il Pontefice ha dato le duemila bottigilie da noi donate ai meno abbienti»

Tre giorni dedicati al gusto, Ragusa festeggia la scaccia

Dal 27 al 29 ottobre in piazza San Giovanni la prima Festa ra scaccia, un evento propedeutico al marchio DE.C.O. (denominazione di origine comunale

L'Angola vince il Cous Cous Fest del ventennale

La ricetta degli chef Helt Araújo e Ricardo Braga ha convinto la giuria tecnica presieduta da Joe Bastianich. La ricetta vincitrice è un un cous cous di pesce con muamba di denden e gamberi rossi di Mazara, filetto di triglia grigliata, spolverata con gamberetti secchi e bruchi tostati, un piatto che fonde elementi della cucina nativa con elementi della cucina giapponese